√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 
Tu sei qui:  Home > Forum musica e opera lirica > Discussioni Forum

Risposte per il messaggio:
Il reflusso è non è una patologia foniatrica, è un modo per fare soldi

 

Vai a:

 
 
 
  • Autore: Gloria, 28/02/2009

  • Ciao ragazzi, sono un giovane soprano e frequentando per lavoro l'ambiente del canto ho fatto una scoperta a dir poco sconvolgente che vogli assolutamente condividere con voi.
    Mi ha incuriosito il fatto che in questi ultimi tempi pare che tutti i cantanti "soffrano" di disturbi legati al reflusso.
    Ebbene, mi sono chiesta... ma possibile che negli anni '50-'60-'70 ci fossero cantanti eccezionali e questo disturbo non esisteva, mentre oggi siamo circondati da cantanti mediocri e sembra che la causa di questa mediocrità sia dovuta al reflusso?
    Ho deciso quindi di iniziare ad indagare, mi sono documentata e ho iniziato a fare domande ad alcuni medici e insegnanti di canto che reputo onesti.
    Ebbene, mi hanno confermato che il "reflusso" è la nuova "moda" montata da medici compiacenti e insegnanti di canto incompetenti che, per giustificare il fatto che non sanno insegnare (addirittura sono loro stessi che rovinano le corde vocali dei propri allievi), hanno creato questa "patologia" attorno alla quale le case farmaceutiche gongolano nel distribuire farmaci adatti che, guardacaso, necessitano assunzioni per lunghi periodi, ma che la maggior parte delle volte non risolvono il problema... Per forza... come fa una medicina a risolvere il problema di non saper cantare???
    In conclusione: ci sono case farmaceutiche, medici compiacenti e insegnanti incopetenti che arricchiscono i propri portafogli, per contro aumenta il numero di ragazzi illusi che non canteranno mai perchè "soffrono" di una patologia inesistente e l'unica cosa di cui avrebbero veramente bisogno non è un farmaco contro il reflusso, ma è un insegnante che sappia fare il suo mestiere e un medico onesto.
    Faccio notare anche che per alimentare questo business organizzano convegni, seminari, trasmissioni televisive, etc. in cui insegnanti e medici confermano che il problema c'è veramente: che buffoni, o meglio... che delinquenti!
    E' davvero uno scempio!
    State attenti, perchè siamo vittime di un sistema corrotto e ciò che vogliono non è la nostra salute, ma i nostri soldi!
    Se ci pensate bene è una macchina per fare soldi perfetta perchè ci guadagnano tutti: insegnanti, medici e case farmaceutiche... e noi ne siamo le vittime!
  • Autore: Alix, 07/05/2009

  • Vorrei assolutamente sfatare e contestare ciò che ha scritto Gloria: il reflusso è una malattia seria e i medici non sono dei cialtroni! Ci sono cantanti di prima categoria che hanno sofferto di questo problema, e anche dotati di ottima tecnica, che sono guariti curandosi con le medicine tradizionali. Lo posso testimoniare anche io stessa, che pur avendo un'ottima tecnica e un'ottimo organo vocale, ho sofferto di questo problema, diagnosticato dal foniatra. E ti assicuro che l'ho risolto felicemente con le medicine tradizionali, e la mia voce adesso è quella di prima. Non siamo malati immaginari, questo ficcatevelo tutti in testa. Cari saluti e buone cose
  • Autore: Gemma, 07/07/2009

  • Posso dire che anch'io sto soffrendo di questa malattia, e fortunatamente con le medicine giuste sto sistemando lo stomaco che oltretutto mi provoca anche problemi con il cuore con exstrasistole non indifferenti! La mia voce non sembra averne risentito ma quando ho incominciato a soffrire di reflusso effettivamente era più dura e sporca. Ieri ho cantato in un concerto e addirittura la mia voce era fredda, non avevo fatto nessun vocalizzo ma è andata benissimo! Il reflusso esiste sfortunatamente!!
  • Autore: Giancarlo, 22/08/2009

  • IO DOPO HANNI DI PRESA PER I FONDELLI HO TROVATO. Se hai anche tu il reflusso e vuoi toglierti i dubbi esiste finalmente anche in Italia un test del sangue che vede se si e' infetti (Quantiferon TB Gold). Prima era molto difficile diagnosticare la TBS (tubercolosi intestinale) anche se solo a livello latente. Si puo fare con la richiesta ASL. La TBC e' trasmissibile tramite via aerea solo qundo e' polmonare ed allo stato manifesto e non quando e' latente (maggio tempo) oppure quando e' presente a altri organi (intestino, reni, ossa ). Si può contrarre anche con ingestione di latte o carne provveniente da un animale infetto (vedi casi importazione latte dall'estero). In Italia e' stata ufficialmente debellata dagli anni '50 ma nessuno che io conosca ha mai preso medicine. Alla scuola facevano (quando ero piccolo) il "timbrino" (tinetest) ai bambini, si arrossava ma ... (più di 2 mm il test e' positivo) Fino a pochi hanni fa chi era impiegato nel pubblico era obligato a fare dei raggi ai polmoni per verifica dello stato di tubercolosi. Ma oggi... non lo fa piu' nessuno (nemmeno i medici o maestri ect..). Il medico curante o un ifettivologo (o le enciclopedie o dizionari mediche) potranno darti ulteriori dettagli. A me riferiscono di stare tranquillo, che anche loro sono positivi etc ect. Riferiscono che il 60% e' affetto da TBC ma solo il 10 % ha problemi... Che non si beve piu latte dalle mucche infette... All'ora non esisteva il reflusso e tutti avevano la TBC oggi nessuno ha la TBC ma tutti hanno il reflusso! (Maledetti interessi economici!! Ci ammazzano per soldi!!) A me la cosa preoccupa anche perche' ho 2 figli e le complicazioni della TBC possono essere gravi (anche tumori). Tra l'altro da quando la piccola va a scuola la tosse non passa... (da Quantiferon e' risultata positiva) I sintomi? Quelli del reflusso! Eruttazione dopo ore, reflusso acido, tosse, dolore polmonare pungente, stipsi alternata a iperdefecazione, dolori all'addome (colon) e via dicendo fino alla stanchezza e dermatiti, frequenza cardiaca a 120 e pressione bassa. Dipende molto dall'organo/i interessato. Nei casi peggiori anche emottisi. Cerco di spiegarvi in breve un po di fatti. Da anni rincorro la causa del mio problema e di parecchi amici e conoscenti. Ho notato in tutti i casi un reflusso anche dopo ore di alimentazione anche digiuno. Ho fatto svatiati test (squotamento gastrico, phmetria gastoscopie etc , coloncopie) La phmetria 24 ore in questi casi rileva un reflusso duodeno-gastrico sintomo di una elevata pressione intestinale. L'RX digerente e clisma opaco mostrano una ptosi (collasso) del traverso ed un doligocolon (diametro ventre superiore a 8-10 cm). Si nota anche un restringimento ad "imbuto" nel tratto che congiunge il trasverso ed il discendente. Quest'ultimo su RX digerente completo (pieno di bolo basale) (ma anche su clisma opaco con insulflazione) mostra una sezione molto ristretta. ((ATTENZIONE: Non viene refertata perche', dicono i radiologi, ce l'abbiamo tutti!!! Guardate le lastre e paragonatele ad un colon normale.)) La manometria colica 24 ore mostra una atonia del tratto discendente e del sigma. In una parola "megacolon". (Ripeto che anche altri conoscenti hanno lo stesso problema e le stesse identiche condizioni RX,...) Le causa puo essere: - Congenita (Hirsschsprung) 1 su 10.000 (conosco almeno una dozzina di persone e teoricamente dovrei conoscere 120.000 persone!!!) - Tossica (assunzione antibiotici per 6 mesi) - Virale (solo la bubercolosi e' nota) Fatto il quantiferon ho rilevato una infezione da tubercolosi. Ora la tack polmoni negativa e le ricerce su espettorato feci ed urine. Guarda caso anche altri conoscenti con il reflusso sono risultati positivi al Quantiferon. Nel caso andate da un centro inferrivo. ATTENTI a non arricchire gastroenterologi o case farmaceutiche. Ciao Giancarlo.
  • Autore: emma, 29/09/2009

  • Per chi soffre o ha sofferto di reflusso: quali cure ha seguito e quali risultati ha ottenuto?
  • Autore: Stefano Brambilla, 17/02/2010

  • Questo interessante messaggio fornisce la miglior descrizione dell'incompetenza che regna in materia. Il reflusso è sempre esistito. Anche negli anni '50. Solo che non lo si conosceva. Affermare che oltre il 50% dei canmtanti ne soffra corrisponde a dire una assoluta verità. E sono studi scientifici, pubblicati su riviste scientifiche internazionali a dimostrarlo, non pallidi pareri scritti su un forum. Altro è attribuire tutti i problemi dei cantanti al reflusso. La maggior parte di chi ha il reflusso, infatti, non ha sintomi o segni degni di nota e, per questo, non necessita di trattamento. Vi posso garantire che quasi la metà delle persone a cui faccio endoscopie (che includono cantanti, ma anche persone che non cantano) presenta segni indiscutibili di reflusso. Se per tale motivo qualcuno vuole affermare che sono un "medico compicente" lo faccia pure anche qua, in risposta al mio intervento. Così risolveremo la diatriba nelle sedi legali di competenza. Cordialmente, Dott. Stefano Brambilla Medico Chirurgo Specialista in Foniatria
  • Autore: maria, 19/02/2010

  • Dottore io personalmente non la conosco e, quindi non ho nulla contro di lei. Non leggo ancuna nota verso di lei ma piuttosto verso il fenomeno della malasanità. Mi spiace che se ne sia risentito personalmente. Ho letto di medici compiacenti e insegnanti di canto incompetenti. Non credo che lei centri. Di ringraziare i medici bravi non ci si stanca mai. Non credo dare dell'incompetente sia una cosa bella. Buone cose.
  • Autore: Maria, 14/03/2010

  • Infatti dottore concordo che c'e' molta incompetenza. Che questa ci sia da parte dei malati/pazienti potrebbe essere normale ma non credo sia alrettanto se è manifestata da personale addetto. Se poi si aggiunge la presuzione di sapere tutto (spesso associata all'ignoranza) e un comportamento altizzoso e ostile verso il prossimo. Lei dice "non necessita di trattamento". Certo che di questo passo... Se uno che sta male va dal medico il quale lo reputa non degno di trattamento, e' inutile andare dal medico. REGALO CULTURA Se sapete e vi va leggere, e' tutto gratis. Se non vi va, anche l'ignoranza e' gratis.
  • Autore: Stefano Brambilla, 17/03/2010

  • Legga bene la risposta: in molti casi il reflusso non determina segni, nè sintomi e in questi casi non è necessario il trattamento. Se una persona va dal medico con sintomi o segni di reflusso evidentemente si impone un adeguato trattamento e una correzione dello stile di vita. Nel cantante, poi, il discorso è più complesso, in quanto anche minime manifestazioni di reflusso possono determinare significativi problemi.
  • Autore: Maria, 18/03/2010

  • Su Wikipedia vi consiglio di leggere un interessante articolo sulla Tubercolosi intestinale. Ciao Maria
  • Autore: Maria, 18/03/2010

  • Vorrei postare altri link del - governo relativa al blocco della vendita del latte (dic.2008 min. sanità) - denuncia di MSF - statistiche oramai piu che di dominio pubblico nella izsler.it (Ist. Zootecnico Statale) per la TBC Bovina - Casi sempre piu frequenti di tbc emergente - Casi di TBC scambiati per Crohn - Lo scandalo della fontina infetta (2010) ed altre "belle" info ma ogni volta che ci provo dà errore. Managgia
  • Autore: Maria, 20/03/2010

  • Secondo lo scienziato Norman Walker, si richiedono temperature da 87 a 110 ºC per uccidere i microrganismi patogeni nel latte o carne, come gli agenti del tifo, i colibacilli, i micobatteri e le brucelle.
  • Autore: Giancarlo, 28/03/2010

  • Grazie Maria mi hai risparmiato la risposta.
 

Vai a:

 
 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/11/16 03:10
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok