√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

A CENTO RADAMES VINCE SUL TERREMOTO

cristina chiaffoni, 18/09/2013

In breve:
Una emozionata Claudia Tassinari, Assessore alla Cultura, è salita sul palco prima dell'inizio dell'opera, ed ha ricordato al pubblico numerosissimo che gremiva la piazza, le ferite inferte dal sisma terribile del maggio 2012 che ha privato la splendida cittadina del suo gioiello più prezioso, lo storico Teatro Borgatti e di come questa iniziativa volesse rappresentare quasi uno sberleffo, una risposta energica e determinata a questa terribile forza della natura che non ha vinto Cento ed i suoi abitanti. Proprio per dare più risalto a questa veemente risposta il Comune, congiunto alla Fondazione Teatro Borgatti ed ad una cordata di sponsor ha voluto che lo spettacolo fosse del tutto gratuito ad eccezione di tre file di poltronissime a 20€ il cui ricavato è stato destinato alla ricostruzione del Teatro.


Un colpo d'occhio spettacolare e che fa bene al cuore dell'amante dell'opera lirica quello che ci ha offerto il piazzale della Rocca di Cento, la patria del sommo pittore Guercino in provincia di Ferrara, gremito di pubblico entusiasta ed attento in occasione della recita di Aida di Giuseppe Verdi avvenuta il 13 settembre scorso.Il capolavoro verdiano rappresenta un esperimento che l'amministrazione comunale ha voluto mettere in atto per la prima volta a Cento e direi che è stata vinta appieno!

Notevole il colpo d'occhio offerto dalla scena elegante e raffinata di pietra grigia conn elementi egizi stilizzati (un idolo, una piramide ed alcuni obelischi) e geroglifici incisi sulla pietra ripresa dal geniale regista Stefano Nardo ed il sapiente gioco di luci che illumina la rocca che fa da sfondo alla scena. I costumi sono semplici, ma raffinati proprio nella loro semplicità e molto curati nei particolari. Aida è Fernanda Costa soprano dalla voce limpida, fluida, dall'emissione che risulta naturalissima e sapiente e dagli acuti svettanti (notevole il mi bemolle sovracuto che ha concluso la scena del trionfo lanciato come una saetta infuocata dall'artista sul pubblico) dai celestiali filati e dall'ottimo uso del fraseggio. Buona la prova del soprano anche se l'avremmo voluto un po' più attrice ed il colore della voce è un po' più leggero rispetto al peso vocale della protagonista verdiana.

Il baldo Ignacio Encinas veste i panni dell'innamorato Radames ed interpreta con veemenza latina ed incisiva (fin troppo!) la sua parte con una voce salda, ben proiettata in avanti con acuti smaglianti e con molto mestiere.

Anima di questa serata (si è prodigata perché tutto filasse liscio tra comune, sponsor ed artisti ed ha voluto fortemente la realizzazione dell' evento e questo le fa onore) il mezzosoprano centese Monica Minarelli nelle vesti regali di Amneris . Presenza bellissima da vera leonessa dei faraoni, recitazione misurata e ben tratteggiata, ha cantato con voce molto bella nella zona grave e centrale, ci è parsa leggermente in difficoltà nella zona acuta, ma in totale il suo personaggio è balzato con forza nella scena ed ha lasciato un'ottima impressione nel pubblico.

Sergio Bologna è stato un ottimo Amonasro, dalla voce brunita, intensa e musicalissima, l'attore non ha mai forzato le righe e non si è mai scordato che è un re e non un selvaggio tronituante come spesso ahimè vediamo e sentiamo.

Di grande potenza e bellezza la voce del basso mantovano Gianluca Breda ottimo Ramfis come anche sempre elegante e musicale la prestazione di Luca Gallo il Re. Gradita sorpresa il giovane tenore centese Alessio Ravasini nelle vesti del Messaggero e buona vocalità nella sacerdotessa di Olga Benyk.

Il maestro Mauro Perissinotto ha guidato con salda mano l'Orchestra Filarmonica Segattini, compatta e dal colore unico (una menzione particolare agli archi) dando una nota personale ed incisiva all'esecuzione dell'opera . Il coro “Amici del Belcanto”-Centopievese è da premiare per il fatto di aver affrontato con vigore ed emozionante calore il non facile capolavoro verdiano ricordando che non si tratta di professionisti della scena.┬áUn encomio particolare alla sezione dei bassi nell'atto del giudizio buone e possenti voci.

Completavano il cast artistico le leggiadre ballerine dell'”Associazione Studio Danza ATIR” che danzavano con le coreografie di Rita Gamberini, molto belle e riuscite sia la danza dei moretti che le danze del Trionfo.

Quello che balza agli occhi nella regia di ┬áStefano Nardo è l'estrema cura dei particolari, la conoscenza profonda dell'opera e dell'epoca storica ed il profondo rispetto per la musica, un elogio particolare in tempi dove alcuni registi cercano di stravolgere per risaltare essi stessi l'opera . In complesso un ottimo spettacolo e l'augurio che si ripeta l'anno prossimo questo felice e riuscitissimo esperimento vincendo ancora sul terremoto ed i suoi danni.

 

 

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Recensioni Teatri Opere Liriche
novita editoriali opera lirica

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/9/16 20:17
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok