√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Recensione Opera La finta semplice di W.A. Mozart - Teatro Ponchielli di Cremona

William Fratti, 17/01/2014

In breve:
Cremona - Recensione dell'opera "La finta semplice" di W. A. Mozart in scena il 6 dicembre 2013 al Teatro Ponchielli di Cremona.


Il Teatro Ponchielli di Cremona conclude la Stagione Lirica 2013 con La finta semplice, dramma giocoso del dodicenne Amadé.

È difficile dare un parere del tutto obiettivo a quest'opera: se la si guarda dal punto di vista puramente mozartiano, è ovvio che solo in parte lascia intravedere ciò che sarà il compositore salisburghese, sia musicalmente, sia teatralmente; se la si considera tenendo ben presente l'età di chi ne ha scritto la partitura, è immediato parlare di genio; se invece la si ascolta con le orecchie di fine Settecento, allora è possibile considerare questo lavoro un perfetto amalgama degli schemi tipici e delle convenzioni dell'opera buffa di quei tempi.

Il nuovo allestimento firmato da Elisabetta Courir, con scene di Francesco Arrivo, costumi di Anna Cavaliere e luci di Giuseppe Ruggiero, è stato presumibilmente costruito in considerazione di un budget ultraridotto, ma è stato commesso un grandissimo errore: i tendaggi assorbono il suono ed avendo a disposizione un cast di voci molto piccole, in platea si sentiva quasi nulla.

L'idea di avvalersi di uno spazio in continuo movimento è interessante, ma da un lato è troppo simile al blasonato storico spettacolo di Ponelle de L'occasione fa il ladro, dall'altro, avendo a disposizione solo le luci per creare un effetto visivo un po' diverso, dopo qualche scena diventa monotono.

La parte peggiore è l'inserimento della narratrice – la bravissima Annagaia Marchioro – che pur sapendo fare egregiamente il suo lavoro, non serve a nulla, anzi, fa passare gli spettatori per poco intelligenti – come se non potessero seguire la vicenda senza le sue spiegazioni – oltre a rompere l'andamento dell'opera e ad allungarla oltre misura. Allora sarebbe stato meglio evitare di tagliare dei pezzi musicali.

Se la cava meglio Salvatore Percacciolo sul podio dell'Orchestra I Pomeriggi Musicali, prodigandosi in suoni puliti e colori tipicamente classici.

La giovane Salome Jicia è la protagonista Rosina, abbastanza corretta nel canto, anche se è molto dura e la dizione è pessima.

L'istrionico Andrea Concetti veste i panni di un divertente Don Cassandro, ma non sembra essere particolarmente generoso, pur essendo il solo ad avere una vocalità sufficientemente udibile dalla platea.

Il fratello Don Polidoro è Raoul d'Eramo, tenorino dotato di bel colore tipicamente latino, ma in chiare difficoltà nel passaggio all'acuto. Inoltre in “Sposa cara sposa bella” perde l'intonazione.

Elena Belfiore è una Giacinta corretta, affiancata da una musicale Bianca Tognocchi nei panni di Ninetta.

Matteo Mezzaro è un Fracasso dotato di bella voce limpida ed elegante, mentre il Simone di Gabriele Nani pare essere più un tenore corto che un baritono, ma sa essere puntuale e lineare.

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Recensioni Teatri Opere Liriche
recensioni

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/9/16 22:15
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok