√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Recensione opera La Favorite di Gaetano Donizetti all'Opéra di Montecarlo

William Fratti, 17/01/2014

In breve:
Montecarlo - Recensione dell'opera "La Favorite" di Gaetano Donizetti in scena all'Opera di Montecarlo il 15 dicembre 2013 con il debutto di Juan Diego Florez nel ruolo di Fernand.


L'Opéra di Montecarlo ospita il tanto atteso debutto di Juan Diego Florez nel ruolo di Fernand ne La favorite di Gaetano Donizetti, eseguita in forma di concerto presso l'Auditorium Rainier III.

Jacques Lacombe dirige l'Orchestre Philharmonique de Monte-Carlo con fare romantico, in uno stile che si avvicina di più all'opera italiana dell'Ottocento piuttosto che al belcanto francese, guadagnando vivacità nelle pagine più drammatiche o nelle scene corali, ma perdendo un poco di soavità nei passaggi più lirici e maggiormente dedicati agli struggenti pensieri dei due protagonisti. Purtroppo la rappresentazione è danneggiata da qualche taglio, ma pare che ormai sia una moda che colpisce continuamente le opere più lunghe di alcuni compositori.

È positiva anche la prova del coro diretto da Stefano Visconti, pur non essendo eccellente in tutti i punti, tra cui la prima parte del matrimonio in terzo atto, mentre riesce davvero bene tutto il finale secondo.

Beatrice Uria-Monzon interpreta la parte della protagonista in maniera più che corretta, con una bella vocalità scura e rotonda. Purtroppo è poco omogenea nel passaggio e si sente un cambiamento di colore – lo stesso accade nelle note più basse – che le fa perdere tutta la morbidezza che invece mostra nella zona centrale. Pertanto le pagine più cantabili sembrano talvolta spigolose, mentre la cabaletta è chiaramente migliore, dove il canto si concentra maggiormente sull'uso della tecnica.

Il Fernand di Juan Diego Florez non avrà gli slanci eroici tipici del tenore romantico, ma esce benissimo in ogni parte dell'opera, compresi i grandi concertati ed è in grado di esprimersi in passaggi così pregevoli che è impossibile anche solo pensare che manchi qualcosa dalla sua interpretazione. Già dalla prima aria dimostra di possedere – oltre alla sua consueta intonazione perfetta, alla linea di canto sempre uniforme e agli acuti splendidamente cristallini – una incredibile padronanza dei legati ed esegue delle smorzature davvero emozionanti. Ovviamente è con la cabaletta – arricchita da un paio di variazioni – che preme sull'acceleratore con una facilità impareggiabile: raffinatissimo nel colore, morbidissimo nelle agilità, limpidissimo e saldissimo su tutte le note, dalle più gravi alle più alte, eloquente nel fraseggio. Lodevole è infine la resa di “Ange si pur”, soprattutto per i lunghi fiati e i pianissimi ben timbrati, dopo la quale il pubblico in visibilio richiede un bis, purtroppo non concesso.

Jean-François Lapointe ha una vocalità un poco strana, poiché sembra opaca, pur diventando brillantissima verso la zona acuta. A parte ciò esegue il ruolo di Alphonse in maniera accuratissima, cesellando la parte di colori che riesce a rendere con una omogeneità davvero sorprendente, pure nel transito tra pianissimi e fortissimi. Anch'egli valorizza la cabaletta con un paio di variazioni, ma è il suo forte sta decisamente nel fraseggio del canto spianato e ciò lo si riscontra particolarmente nella seconda aria.

Più che corretta è la prova di Nicolas Cavallier nei panni di Balthazar, anche se sarebbe preferibile assegnare la parte a una vocalità più scura. Infatti in primo e quarto atto, cantando accanto al coro e al tenore, il difetto nel colore non si nota particolarmente, mentre nei concertati di secondo e terzo atto sembra mancare qualcosa.

Julia Novikova è una Ines molto leggera e un po' metallica, con una zona acuta poco pulita e purtroppo quasi sempre coperta da coro e orchestra.
Efficacie è la prova di Alain Gabriel nella parte di Don Gaspar.
Lunghe ovazioni del pubblico al termine dello spettacolo per tutti i protagonisti.

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Recensioni Teatri Opere Liriche
recensioni

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/10/16 19:23
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok