√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Recensione opera Il furioso all'isola di San Domingo di G. Donizetti al Comunale di Piacenza

William Fratti, 11/02/2014

In breve:
Piacenza - Recensione dell'opera lirica "Il furioso all'opera di San Domingo" di Gaetano Donizetti in scena al Teatro Comunale di Piacenza il 4 febbraio 2014


È prassi sempre più comune, soprattutto nei teatri di provincia, mettere in scena opere popolari, quelle definite di repertorio, avendo la certezza, o quasi, di riempire le sale; ma questo non è fare cultura.

L'opera lirica vanta una storia di quasi mezzo millennio e il suo lungo catalogo è ricco di musica, vicende e titoli interessanti, sconosciuti ai più: riscoprire questi capolavori dovrebbe essere una missione, così come accadde un secolo fa con la Verdi-Renaissance, propagatasi dalla Germania in tutta Europa dagli anni Venti, e con il Rossini Opera Festival di Pesaro a partire dal 1980.

Gaetano Donizetti è purtroppo ancora oggi un autore sconosciuto. Tutti hanno visto e ascoltato L'Elisir d'amore e Lucia di Lammermoor. In tanti hanno assistito ad almeno una recita di Anna Bolena, Maria Stuarda, Roberto Devereux, Lucrezia Borgia, La fille du régiment, La favorite, Don Pasquale. Forse qualcuno conosce Le convenienze ed inconvenienze teatrali, Gemma di Vergy, Marino Faliero, Belisario, Il campanello, Maria di Rudenz, Poliuto, Maria di Rohan, Linda di Chamounix. Ma il prolifico e talentuoso compositore bergamasco – padre di quel modo di fare teatro, caro al giovane Verdi – scrisse oltre settanta melodrammi che meritano una seconda opportunità.

Ciò che manca, oltre al denaro, è la capacità di fare squadra, di unire le forze per uno scopo comune e non solo per il successo o la fama personale, di un singolo dirigente o di una sola istituzione.

Ecco perché la produzione de Il furioso all'isola di San Domingo dovrebbe essere l'esempio da cui partire: la collaborazione tra la Fondazione Donizetti per la cura della nuova versione critica, il Bergamo Musica Festival per la messinscena dell'opera, sei teatri distribuiti in quattro regioni per le rappresentazioni, sono gli elementi imprescindibili per una buona riuscita di questo genere di progetti. Ed un consolidamento di questa prassi, col tempo, porterebbe certamente ad un evidente miglioramento artistico.

Maria Chiara Bertieri cura sapientemente la nuova edizione critica sulla base dell'autografo di Donizetti, spogliando il dramma di tutte quelle modifiche imposte dalla tradizione novecentesca e ripristinando le parti tagliate, compresi i da capo.

Giovanni Di Stefano dirige correttamente la brava Orchestra Giovanile Luigi Cherubini, inizialmente con tempi un poco lassi, ma poi riprendendo il giusto vigore, vivace nei tratti comici, intenso nelle pagine patetiche.

Michele Olcese vince a pieni voti la sfida della realizzazione scenografica sulla base dei bozzetti di Lele Luzzati, ispirati alle fantasie tropicali di Henri Rousseau. L'impianto è funzionale alla vicenda, piacevole alla vista e giustamente intriso di suggestione fiabesca. Anche i bei costumi di Santuzza Calì sono in perfetta linea con l'idea originaria di Luzzati.

Un po' meno centrata appare la regia di Francesco Esposito che, a discapito della nuova versione critica e maggiormente vicino a precedenti edizioni, mette un po' troppo in evidenza i tratti comici, avvicinandosi di più allo stile de L'Elisir d'amore – commedia con alcuni passaggi patetici – che non a quello di Linda di Chamounix – opera semiseria, dunque dramma con alcuni elementi buffi.

L'aria di sortita di Eleonora non possiede né musica né parole divertenti (vedea languir quel misero dell'età sua nel fior… e con la man crudele poi gli squarciavo il cor… degli astri merito la crudeltà…), così come la seconda aria di Fernando e la regia di Esposito potrà essere spassosa, ma non certo filologica, creando un forte scostamento tra le emozioni percepite dal cuore attraverso le orecchie e gli occhi.

E non è ben chiaro come mai i marinai decidano di farsi un bagno, due a due, nelle tinozze. Inoltre il continuo andirivieni di casse e cassettoni, teli e lenzuola, quadri e freccette, ad un certo punto viene a noia. Anche la tempesta animata di Luigi Berio poteva essere evitata.

Simone Alberghini è un protagonista pressoché perfetto, morbido e uniforme nei cantabili, saldissimo nell'intonazione, eccellente nel tratteggiare sia i caratteri malinconici sia quelli paranoici.

Paola Cigna, che solitamente è una certezza in questo tipo di repertorio, non appare così centrata nel ruolo, spesso disomogenea e poco aggraziata.

Francesco Marsiglia sfoggia una tecnica alquanto salda nel breve, ma intenso e particolarmente complesso ruolo di Fernando.

Molto buona la prova di Leonardo Galeazzi nei panni di Bartolomeo; efficace il Kaidamà di Filippo Morace; positiva la Marcella di Marianna Vinci, anche se la voce è un po' troppo spinta in alcuni punti.

Ottimo il Coro del Teatro Municipale di Piacenza diretto da Corrado Casati.

Grande successo per tutti al termine dello spettacolo.

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Recensioni Teatri Opere Liriche
recensioni

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/8/16 06:53
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok