√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Trama di Tristan und Isolde di Richard Wagner

a cura della redazione, 07/12/2007

In breve:
In occasione dell'inaugurazione della nuova stagione lirica del Teatro La Scala di Milano, proponiamo la trama de Tristan und Isolde di Richard Wagner.


TRISTAN UND ISOLDE (Tristano e Isotta)



Dramma musicale in tre atti di Richard Wagner (1813-1883)
Su libretto proprio
Prima rappresentazione: Monaco, Hoftheater, 10 giugno 1865

Personaggi:
Tristano (tenore)
Isotta (soprano)
Re Marke (basso)
Kurwenal, scudiero di Tristano (baritono)
Brangania, confidente di Isotta (mezzosoprano)
Un marinaio (tenore)
Un pastore (tenore)
Un pilota (baritono)
Equipaggio, cavalieri, scudieri.


LA TRAMA

Atto I - La tolda della nave di Tristano durante la traversata dall'Irlanda alla Cornovaglia
Una tenda delimita l'alcova dove riposa Isotta, la figlia dei sovrani d'Irlanda che Tristano conduce in sposa a suo zio, Re Marke di Cornovaglia.
Dall'alto dell'alberatura, un marinaio canta una canzone che allude ad Isotta ed al suo infelice destino.

La principessa agitata, ordina all'ancella Brangania di condurle Tristano, perché venga a rivolgerle l'atto di omaggio prima dell'approdo, ma questi, profondamente turbato nel sentir pronunciare il nome della donna, rifiuta di abbandonare il timone affidato al suo governo. Alle insistenze dell'ancella, Kurwenal, fedele scudiero dell'eroe, risponde con irrisione: Tristano non deve rendere omaggio a nessuno: ha ucciso Morold, l'irlandese amato da Isotta che pretendeva un tributo da Re Marke, ed ora egli porta in nozze al suo signore la principessa d'Irlanda.

Isotta racconta allora a Brangania il suo segreto.
I primi interpreti di Tristan und Isolde di Richard WagnerUn giorno aveva raccolto un uomo ferito che diceva di chiamarsi Tantris, ma che si era poi rivelato per Tristano, colui che dopo averle ucciso il fidanzato gliene aveva mandato, con crudele scherno, la testa mozzata. Isotta aveva scoperto la terribile verità perché dalla spada di Tantris mancava il frammento d'acciaio trovato nella ferita di Morold.
Essa stava già per compiere la vendetta e aveva ormai alzato la spada per uccidere il falso Tantris quando ne era stata trattenuta dal suo sguardo supplicante, l'aveva curato e guarito con filtri magici e a tutti aveva taciuto il segreto scoperto; egli ripartì salvo e non avrebbe più dovuto comparire al cospetto della donna. Ma tradendo il patto, l'uomo era tornato in gran pompa sotto il vero nome di Tristano a chiedere la mano della giovane principessa d'Irlanda per il suo vecchio zio Marke, signore di Cornovaglia, tributario del Re d'Irlanda.

Terminato il racconto, Isotta ordina a Brangania di preparare i filtri magici avuti dalla madre; ella vuol vendicare l'affronto: insieme a Tristano berrà il filtro di morte.
Quando Kurwenal annuncia che le coste di Cornovaglia sono in vista e sollecita le donne perché si preparino a sbarcare, Isotta gli ordina di chiamare Tristano che arrivando, ode le accuse di viltà di Isotta, ella lo aveva curato perché la vendetta lo cogliesse nel pieno delle sue forze. Tristano allora, pallido e cupo, le offre la spada perché cancelli con la morte l'offesa ma Isotta rifiuta, berranno insieme il filtro della conciliazione.

Tristano non ignora che nella coppa sta il veleno tuttavia non si sottrae; entrambi bevono ma la morte non sopraggiunge: Brangania ha sostituito il filtro di morte con quello d'amore. In preda ad intensa emozione, i due si guardano estasiati ; immobili per un attimo, cadono poi l'una nelle braccia dell'altro, mentre l'urlo della folla annuncia l'arrivo di Re Marke.
 

Atto II - Giardino davanti al Castello di Re Marke; chiara notte estiva, squilli di caccia si perdono in lontananza
Isotta
attende con ansia l'arrivo di Tristano che si cela nell'ombra; le è accanto la confidente. Una torcia accesa è infissa nella porta, quando verrà spenta, sarà il segnale per Tristano.

Brangania indugia, teme le insidie di Melot, cavaliere di Re Marke segretamente innamorato di Isotta.

E' la principessa infine a spegnere la torcia e Tristano si precipita impetuosamente tra le sue braccia . Strettamente avvinti, innalzano una invocazione sublime, un lungo inno alla notte che custodisce il loro amore. Brangania li ammonisce che l'alba è vicina quando l'estasi viene interrotta dal grido dell'ancella, Kurwenal entra per avvertire del pericolo ma dietro di lui irrompono Re Marke e Melot che aveva organizzato l'agguato per sorprendere la coppia.

Re Marke ha parole di profondo accoramento per il nipote che ha ferito il suo Re nei sentimenti.
Tristano
non può rispondere ma chiede ad Isotta se vuole seguirlo nel paese ”ove non c'è luce di sole”? Quindi sfida a duello Melot e si lascia colpire dalla sua spada.
 

Atto III - Spiaggia di Kareol in Bretagna, presso il castello di Tristano
Il cavaliere morente è vegliato da Kurwenal, la triste nenia di un pastore annuncia che nessuna nave appare all'orizzonte.

Tristano si risveglia dall'assopimento, maledice la luce, recriminando che Isotta si trattenga nel regno del giorno e si abbandona sfinito sul giaciglio.
Quando la cornamusa del pastore annuncia lietamente l'avvicinarsi della nave che reca la principessa, egli, nel delirio, si strappa le bende e le va incontro. Isotta stringendolo tra le braccia, ne raccoglie l'ultimo respiro.

A bordo di un'altra nave sono intanto sbarcati sulla costa Re Marke e Melot.
Kurwenal
, credendo ad un assalto, aggredisce Melot e lo uccide; ferito a sua volta, muore accanto a Tristano.

Re Marke, tuttavia, è venuto per perdonare, Brangania gli ha rivelato l'inganno del filtro ed egli vuol ricongiungere gli amanti, ma è troppo tardi.
Ormai anche Isotta non lo ascolta più ed eleva il suo lamento supremo; ella potrà finalmente congiungersi per sempre con l'amato “nell'alitante Tutto”, pervenendo alla suprema letizia.
Come trasfigurata cade sul corpo di Tristano.

Scena di Tristan und Isolde di Richard Wagner
Tristan und Isolde di Richard Wagner

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Ultime Novità ed Eventi di musica e opera lirica
stagioni liriche

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/3/16 14:41
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok