√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Recensione opera lirica Gianni Schicchi di G. Puccini al Teatro Municipale di Piacenza

William Fratti, 26/05/2014

In breve:
Piacenza - Recensione dell'opera lirica Gianni Schicchi di Giacomo Puccini in scena al Teatro Municipale di Piacenza il 9 maggio 2014


Della circolazione non unitaria dei tre atti unici pucciniani se ne è già parlato in molte occasioni, adducendo alle motivazioni più disparate.

Molto probabilmente la verità risiede nell'odierna difficoltà di molti teatri di rappresentare il Trittico in una sola serata, non tanto per ragioni scenografiche – considerando che si è assistito a orribili nuovi allestimenti finanziati dal Ministero fatti di bauli e tendaggi – quanto per la lunghezza – almeno quattro ore tra musica e pause – che rischia di portare in straordinario le masse artistiche.

È vergognoso, ma è reale; è storia di quotidiana follia all'italiana: si tagliano i da capo delle cabalette, le seconde strofe delle arie e dei duetti, le ripetizioni dei concertati, intere romanze, dunque perché non separare anche il Trittico?

Già da tempo Gianni Schicchi sta circolando accanto a Eine florentinische Tragödie di Alexander Zemlinsky, con la pretesa della medesima ambientazione fiorentina, ma che ha ben poco senso nell'era delle regie moderne e trasposte.

Così appare molto più opportuno il libretto scritto da Flavio Ambrosini, che perlomeno istruisce gli spettatori – sempre meno attenti e acculturati – sulla provenienza dantesca del simpatico personaggio pucciniano, realmente esistito, cacciato all'Inferno dal sommo poeta, ma redento dal compositore lucchese e infine perdonato dal pubblico con “l'attenuante”.

Il testo di Ambrosini è semplice, ma di effetto, toccando anche qualche momento drammatico all'interno di una vicenda comunque leggera; ma resterà per sempre vittima della sua caratteristica essenziale e imprescindibile del legame “siamese” con lo Schicchi, senza cui non ha motivo di esistere.

La musica di Sergio Monterisi è riuscita, poiché resta lontana dalle forme più contemporanee – avulse all'opera di cui vuole essere prologo – per avvicinarsi maggiormente agli schemi della metà del Novecento, quasi tra Puccini stesso, Britten e le migliori colonne sonore scelte da Hitchcock, fungendo dunque da apri strada sinfonico oltreché letterario.

Sul fronte degli interpreti, l'Orchestra Amilcare Zanella del Conservatorio G. Nicolini di Piacenza diretta da Fabrizio Dorsi non si comporta male, risultando addirittura migliore di gruppi di professionisti mal condotti. Ciononostante non è esente da passaggi grossolani: i concertati risultano molto confusionari.

Accettabile la prova del Coro di Voci Bianche del Conservatorio G. Nicolini di Piacenza guidato da Giorgio Ubaldi.

Gezim Myshketa è protagonista assoluto del neo nato dittico, prima Puccini liricissimo – come si conviene alla sua vocalità – dotato di slanci eleganti e squillanti, poi Schicchi riuscito solo a tratti, poiché primeggia nei cantabili, ma successivamente cade troppo nel parlato e nella macchietta.

Maria Rosaria Lopalco è un'adeguata Elvira – anche se si sarebbe preferito un canto meno leggero – e una brava Lauretta sotto il profilo tecnico, ma è opportuno che cerchi di arrotondare i suoni, poiché risulta pungente e fastidiosa in molti passaggi.

Gabriele Mangione, nei panni di Enore e Rinuccio, è un tenore particolarmente dotato di natura, nel timbro, nel colore e nella potenza, ma deve percorrere una lunga strada prima di essere proponibile in un ruolo protagonista. È decisamente sgraziato, gli acuti sono tirati e forzati, è spesso impreciso e i suoni sono perlopiù poco puliti.

Davide Giangregorio se la cava molto bene come Dante e Betto, anche se nel primo ruolo una voce dotata di maggior spessore e autorità – si pensi al Leone in Attila, o Moser ne I masnadieri – sarebbe parsa decisamente più opportuna, discostandosi maggiormente dal colore lirico di Puccini.

Efficaci il mezzadro e il Simone di Federico Benetti.

Riuscita scenicamente, ma non vocalmente, la Zita di Francesca Ascioti, spesso tirata nelle note alte.

Adeguato il notaio di Simone Scatarzi Alberti.

Più che positiva la prova degli Interpreti della Scuola di Canto del Conservatorio G. Nicolini di Piacenza coordinati da Francesca Garbi, Maria Laura Groppi, Adelisa Tabiadon: Federica Pecorari, Sung Min Mun, Gioele Assenza, Jin Heon Song, Josette Carenza, Minho Lee, Jihoon Kim, Chan Yang Kim.

La regia di Flavio Ambrosini, con scene e costumi di Carlo Centolavigna e luci di Michele Cremona, resta ancorata alla vecchia scuola, certamente efficacie per buona parte del pubblico, ma un poco polverosa per i più giovani e i più assidui frequentatori del teatri d'opera internazionali.

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Recensioni Teatri Opere Liriche
recensioni

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/6/16 20:47
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di piů o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok