√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Recensione opera L'amour de trois oranges di Sergej Prokof'ev al Maggio Musicale Fiorentino

William Fratti, 09/06/2014

In breve:
Firenze - Recensione dell'opera lirica L'amour de trois oranges di Sergej Prokof'ev in scena al Maggio Musicale Fiorentino di Firenze il 3 giugno 2014.


La commedia di Carlo Gozzi musicata da Sergej Prokof'ev è un capolavoro teatrale assoluto, un divertissement senza senso, ma con un suo filo logico e una sua morale, sapientemente musicato in un'equilibrata fusione di stili. E con il medesimo agio, come in una perfetta mescolanza di essenze atte a creare una sola fragranza, Alessandro Talevi riesce a creare uno spettacolo intelligente, vivace, dal sapore lievemente retrò, ma allo stesso tempo incredibilmente contemporaneo.

Così l'Europa che si affaccia alla prima guerra mondiale, con l'imminente crollo dei suoi imperi centrali, è il luogo da cui il principe – come l'autore – cerca di fuggire, in cerca di una terra promessa – l'America – che gli possa far tornare la gioia di vivere, ridere e amare. È piacevole ritrovare in scena il vecchio imperatore Francesco Giuseppe, le suffragette, i riferimenti alla legione straniera, ma anche gli accenni al cinema di Charlie Chaplin, alle commedie dei fratelli Marx, ad Alice nel paese delle meraviglie, al circo, alla casa degli spettri dei parchi di divertimento. Parrebbe un'accozzaglia di idee incastrate l'una sull'altra, invece il lavoro di Talevi è sottile, ben riuscito e tutto acquisisce un significato unico dal sapore dolce: il trionfo dell'amore – ovunque esso sia – senza compromessi e a discapito di nulla.

Eccellenti i costumi di Manuel Pedretti, che sanno caratterizzare i personaggi in maniera inconfutabile, mantenendo il medesimo stile pur provenendo da ambienti e tempi differenti, alcuni nati dalla fantasia, altri realmente esistiti e rimasti nella storia. Efficacissimo l'ambiente scenico di Justin Arienti, che si rifà al teatrino e all'opera con le scene dipinte, così appare perfetto a raccontare la vicenda dell'amore delle tre melarance come Talevi l'ha voluta.

Ma l'ottima mano del regista non si vede solo dall'impianto, ma soprattutto dal gesto e dall'azione dei personaggi, dai movimenti delle masse e dalle controscene. Encomiabile il lavoro svolto con Les Ridicules, divertenti deus ex machina della commedia. Juraj Valčuha dirige con buon polso l'Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, sempre attento ad un buon equilibrio fra le parti e una certa omogeneità nel risultato complessivo.

Buona anche la prova del Coro diretto da Lorenzo Fratini.

Sul fronte vocale Jean Teitgen, nei panni de Le Roi de Trèfles, la fa da padrone in quanto ad importanza di mezzi e solidità d'esecuzione. Molto buona anche la prova del Trouffaldino di Loïx Félix, pur con qualche acuto non perfettamente pulito, dell'imponente Pantalon di Leonardo Galeazzi, ma soprattutto della Sméraldine di Larissa Schmidt, personaggio divertente e riuscitissimo, sorretto da buona e musicale linea di canto.

Più che soddisfacente Le Prince di Jonathan Boyd, ingenuo quanto basta, La Princesse Clarice di Julia Gertseva, spietata ma giustamente non eccessiva, la Ninette di Diletta Rizzo Marin, leggiadra e sognante, Le Magicien Tchélio di Roberto Abbondanza, sempre troppo buono, eroe quasi televisivo del trionfo del bene sul male.

Riuscitissimi i personaggi di Fata Morgana e de La Cuisinière, anche se Anna Shafajinskaia e Kristinn Sigmundsson non si prodigano in un canto particolarmente corretto, come pure Davide Damiani nei panni di Léandre.

Efficaci Linette e Nicolette – Martina Belli e Antoinette Dennefeld – Farfarello, Le Maître de Cérémonies e Le Héraut – Ramaz Chikviladze, Andrea Giovannini, Karl Huml.

Bravissimi Les Ridicules di Dario Shikhmiri, Saverio Bambi, Alessandro Calamai e degli allievi del conservatorio Luigi Cherubini di Firenze: Artem Terasenko, Yerzhan Tazhimbetov, Edoardo Ballerini, Sung-Cehn Kang, Silvano Bocciai, Lukas Zeman, Dielli Hoxha.
 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Recensioni Teatri Opere Liriche
recensioni

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/10/16 15:34
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok