√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Recensione opera lirica The rake's progress di Igor Stravinskij al Teatro Regio di Torino

William Fratti, 19/06/2014

In breve:
Torino - Recensione dell'opera lirica The rake's progress di Igor Stravinskij in scena il 15 giugno 2014 al Teatro Regio di Torino.


Dopo il grande successo de Les Troyens al Teatro alla Scala di Milano, coprodotto con Royal Opera House Covent Garden di Londra, arriva a Torino un altro spettacolo di David McVicar, il regista del momento, coprodotto con Scottish Opera di Glasgow.

Non v'è dubbio che McVicar eccella nel trovare la giusta mescolanza tra tradizione e contemporaneità, tra drammaturgia e aspetti scenografici, tra gesto teatrale e recitazione cinematografica, sapendo far coincidere l'azione con la musica, lavorando con un perfetto uso degli spazi, sia quando in scena restano i soli protagonisti, sia nei momenti corali e più affollati.

Ma ciò che si nota in The rake's progress è un'eccessiva concentrazione alla didascalia, tanto che, pur trattandosi di un bellissimo e piacevolissimo spettacolo, non ha un granché di interessante e innovativo, né riesce a far emergere spunti nuovi, pertanto l'opera resta ancorata al suo sapore originario a metà strada tra Don Giovanni e Les contes d'Hoffmann.

È ovvio che in un mondo dove i registi che sanno fare il loro mestiere sono sempre meno, il lavoro di McVicar è da considerarsi una punta di eccellenza, ma non c'è da confondere la perfezione millimetrica con la genialità.

Ad avvalorare tanto splendore sono le scene funzionali e i costumi coloratissimi di John Macfarlane, le luci suggestive di David Finn e la meticolosa, quanto accattivante, coreografia di Andrew George.

Bravissimo il Coro del Teatro Regio diretto da Claudio Fenoglio, che sa seguire le belle diversità imposte dalla regia, come se ognuno fosse un solista.

Molto buona anche la prova dell'Orchestra del Teatro Regio, fluida e compatta, guidata dal suo direttore musicale Gianandrea Noseda, sempre attento agli equilibri tra buca e palcoscenico, nonché alla qualità del suono.

Il fronte dei protagonisti è forse un poco più debole: il livello è molto buono, ma nessuno spicca particolarmente.

Leonardo Capalbo è un Rakewell più che positivo, sempre morbido e intonato, nonché ben centrato nel personaggio, ma non prodigo di generosità, di slancio, di intensità, di colori particolarmente sentiti e quella che potrebbe essere una buonissima interpretazione resta correttissima, ma un poco piatta.

Lo stesso vale per il Shadow di Bo Skovhus, preciso, quasi impeccabile, ma poco brillante e soprattutto poco perfido.

L'Anne di Danielle de Niese è angelica ed elegante quanto basta, ma la sua vocalità è poco musicale e nella cabaletta, momento attesissimo dell'opera, è poco precisa e con suoni leggermente schiacciati.

Più omogenea è Annie Vavrille nei panni di Baba, ma anch'ella poco vigorosa.

Centratissimi i personaggi di Trulove, pacato e modesto, Mother Goose, moderatamente eccentrica, Sellem, acidamente simpatico, interpretati da Jakob Zethner, Barbara Di Castri e Colin Judson.

Efficaci il guardiano di Ryan Milstead, una voce di Lorenzo Battagion e gli attori: Eno Greveni, Giuseppe Lazzara, Niccolò Orsolani e Luca Zilovich.

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Recensioni Teatri Opere Liriche
recensioni

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/7/16 17:19
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok