√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Convenzione soci liricamente Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Recensione opera Les pecheures de perles di Bizet alla Rai di Torino

William Fratti, 24/03/2015

In breve:
Torino - Recensione dell'opera lirica "Les pêcheurs de perles" di Georges Bizet in scena sul palcoscenico della Rai di Torino il 13 marzo 2015.


Dopo oltre ottanta anni di assenza, Les pêcheurs de perles di Georges Bizet torna sul palcoscenico della Rai di Torino.

Paolo Fanale è indiscutibilmente un eccellente Nadir e lo dimostra fin dalle prime pagine, in cui già si evidenzia il suo sapiente uso dei fiati con una capacità di smorzare i suoni fuori dal comune. Indubbiamente sa far collimare la morbidezza del canto all'italiana con l'eleganza del gusto francese, con un fraseggio molto espressivo e una dizione davvero ottima. L'emissione, mai spinta, risulta particolarmente omogenea, così piani e forti assumono una dimensione cromatica ben più raffinata. Ottima la linea di canto, con note basse ben salde, quasi da baritenore, come insegna la scuola del belcanto, e note alte ben appoggiate e che godono di un passaggio talmente corretto da non sentirsi la gola. Durante la celebre “Je croix entendre encore” sfoggia degli acuti su “folle ivresse” a voce piena, come in pochi riescono a fare, si permette di restare sulla nota più a lungo, poi pian piano toglie fiato, la voce si smorza naturalmente, diventa un filato naturale e scende. Pericolosissimo! Ma riuscito benissimo! Ed emozionantissimo!

Rosa Feola è una brava Le├»la e lo dimostra soprattutto durante l'aria di secondo atto e il successivo duetto con Nadir, anche se si sentono suoni pungenti negli acuti, alcune note alte risultano un poco urlacchiate, altre stridule come in “je le jure” alla sua sortita. Molto belli sono gli accenti drammatici nel duetto con Zurga, anche se in certi punti spinge un po' troppo, ma presumibilmente la colpa è da ricercarsi nell'eccessivo volume del suono orchestrale.

Il bravo Vincenzo Taormina sostituisce l'indisposto Luca Grassi nel ruolo del capo dei pescatori, con una vocalità ben luminosa, anche se si sarebbero preferiti più colori e sfumature e una maggior robustezza nelle note gravi.

Ottimo Luca Tittoto nell'ingrata parte di Nourabad, poiché quasi sempre associata agli assiemi col coro.

Ryan McAdams, sul podio dell'eccellente Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai ÔÇô che primeggia in tutti i comparti con una pulizia di suono esemplare ÔÇô dirige i quasi ottanta musicisti con un gesto troppo ampio, generando un volume troppo alto e decisamente fastidioso. I tempi sarebbero perfetti e forse lo sarebbe anche la ricerca dei cromatismi se non fossero tutti fusi e confusi tra loro dalla mole eccessiva dei decibel prodotti, andando così a perdere le finezze volute da Bizet, nonché le sfumature dei maestosi. Anche le bellissime pagine tratte dal Te Deum risultano così compromesse in parte. Come pure mancano tutti i passaggi delicati nel duetto finale.

Lo stesso vale per il Coro del Teatro Regio di Parma preparato da Martino Faggiani, che si sarebbe maggiormente distinto se non gli fosse stato chiesto di cantare così forte, a discapito dei colori che sempre dimostra di saper eseguire.

Serata comunque di alta qualità, trasmessa alla radio in collegamento diretto e in differita su Rai5 il prossimo giovedì 23 aprile alle ore 21.15.

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Recensioni Teatri Opere Liriche
recensioni

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 10/26/20 08:08
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok