√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA XIII Concorso Salvatore Licitra Associazione Spazio Musica

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Recensione opera lirica Faust di Charles Gounod all'Opéra di Lousanne

William Fratti, 23/06/2016

In breve:
Lousanne (Svizzera) - Recensione dell'opera lirica Faust di Charles Gounod in scena all'Opéra di Lousanne in Svizzera l'8 giugno 2016.


Dopo il grande successo avuto sul palcoscenico di Torino, il Faust di Charles Gounod nello spettacolo di Stefano Poda è messo in scena all'Opéra de Lausanne con addirittura maggior cura e dettaglio, e la visione estremamente poetica del regista italiano acquisisce ulteriori significati filosofici, che trovano nel coro celeste del finale una liberazione catartica dell'anima di Faust, piuttosto che di quella di Marguerite, come se l'intera vicenda fosse solo un sogno delirante del vecchio dottore, disposto a vendere l'anima al demonio per un pugno di emozioni, ma che in effetti sembra vivere solo nei meandri della sua mente malata.

La direzione musicale di Jean-Yves Ossonce è particolarmente sentita, intensa e vibrante e ciò lo si nota fin dall'ouverture ricca di colori brillantissimi che impreziosiscono tutta l'opera senza soluzione di continuità.

L'Orchestre de Chambre de Lausanne lo segue perfettamente prodigandosi in suoni limpidi e puliti, addirittura maestosi dove occorre, pur non essendo particolarmente numerosa.

Strabiliante il Choeur de l'Opéra de Lausanne, diretto per la prima volta dal bravo Marcel Seminara, che canta Gounod con la disinvoltura che si riserva al repertorio di frequentazione quotidiana.

Altro debutto a Losanna, oltreché nel difficile ruolo del titolo, è quello di Paolo Fanale che, ogni volta che compie un ulteriore passo nella sua carriera, continua a sorprendere per l'intelligenza delle scelte musicali: la sua voce è grazia pura, usata con classe ed eleganza. Già nei primi due atti il bravo tenore dispiega la sua morbidezza lungo una linea di canto omogenea e impeccabile, ricca di sfumature e cromatismi che rendono il suo fraseggio particolarmente emozionante, eccellente nell'uso delle mezze voci, che sono reali, tenute sul fiato, mai emesse in falsetto, che sfociano in un entusiasmante “Je t'aime” eseguito in pianissimo così come scritto sullo spartito e come ben pochi altri artisti sanno fare. L'intonazione perfetta e le finezze più sottili e delicate lo portano ad interpretare un'intensissima “Salut! Demeure chaste et pure” che poi trova una vera apoteosi nel terzetto finale.

Maria Katzarava resta una cantante approssimativa e imprecisa come già notato in precedenti occasioni. La sua vocalità e la sua presenza scenica sono piuttosto ineleganti, di poco gusto e nel ruolo di Marguerite è quasi ridicola, poiché in terzo atto sembra recitare nel teatro comico anziché in un dramma. In molti passaggi pare che i suoni non siano in maschera o che prendano delle posizioni a caso, ed è dunque costretta a parlare invece di cantare; talvolta è stonata; nei pezzi d'assieme urla a dismisura; le poche agilità che occorrono alla parte sono pasticciate e nella celebre aria dei gioielli deve addirittura inserire delle H aspirate in “C'est la fi-hi-hi-hi-hille d'un roi”.

Kenneth Kellog è un buon Méphisto, dotato di un fraseggio drammatico piuttosto eloquente che ha il sapore del demoniaco, autorevole come un dio del male in “Le veau d'or”. Peccato che la gola tenda a chiuderglisi quando sale troppo in acuto e che alcune note basse non siano propriamente salde.

Toccante il Valentin di Régis Mengus, dotato di vocalità brillantissima, quasi tenorile, ma ben dosata nei gravi e soprattutto provvista di una buona musicalità.

Carine Séchaye ha una vocalità molto particolare, piacevolmente ibrida, e pare perfetta per il ruolo di Siebel che esegue con ottima cura, particolare attenzione al suono e con un'interpretazione efficace.

Buona anche l'esecuzione di Marthe da parte di Marina Viotti. È invece meno adeguato il Wagner di Beno├«t Capt.

Grande successo per tutti gli interpreti al termine dello spettacolo ed è un vero peccato notare come in molti, anzi troppi, non sappiano distinguere il bel canto dal mal canto, ma di ciò si può solo incolpare la mala educazione all'arte, alla musica e alla cultura in generale.

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Recensioni Teatri Opere Liriche
recensioni

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/5/23 00:14
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok