√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

La Rondine di Giacomo Puccini alla Fenice di Venezia

a cura della redazione, 26/01/2008

In breve:
La Rondine di Giacomo Puccini torna al Teatro La Fenice di Venezia: tra gli interpreti principali Fiorenza Cedolins.


La Stagione lirica 2008 del Teatro La Fenice sarà inaugurata stasera, 26 gennaio 2008 alle ore 19.00 con La rondine, commedia lirica in tre atti di Giacomo Puccini su libretto di Giuseppe Adami, nella prima, 1917, delle tre versioni del lavoro.
Regista del nuovo allestimento, in coproduzione con il Teatro Verdi di Trieste, sarà Graham Vick, Peter J. Davison curerà le scene, Sue Willmington i costumi.
Coreografie di Ron Howell, light designer Peter Kaczorowski.

Carlo Rizzi dirigerà l'Orchestra e il Coro del Teatro La Fenice.
Fra gli interpreti, Fiorenza Cedolins (26, 29, 31/1 e 3/2) e Maria Luigia Borsi (27, 30/1 e 5/2) Magda, Sandra Pastrana (26, 29, 31/1 e 3/2) e Oriana Kurteshi (27, 30/1 e 5/2) Lisette, Fernando Portari (26, 29, 31/1 e 3/2) e Arturo Chac├│n-Cruz (27, 30/1 e 5/2) Ruggero, (26, 29, 31/1 e 3/2) Emmanuele Giannino e Mark Milhofer (27, 30/1 e 5/2) Prunier, Stefano Antonucci Rambaldo, George Mosley Péricaud, Iorio Zennaro Gobin, Giuseppe Nicodemo Crébillon, Sabrina Vianello Yvette, Giacinta Nicotra Bianca, Annika Kaschenz Suzy, Andrea Zuapa un maggiordomo.

La rondine appartiene al periodo della maturità di Puccini, il quale nel 1913 prese in considerazione l'ipotesi di scrivere un'operetta, forma spettacolare costituita da dialoghi recitati e pezzi cantati, allettato dall'offerta di una cospicua somma di denaro da parte della direzione del Carltheater, teatro viennese specializzato in questo genere. L'attenzione del musicista si concentrò sul secondo soggetto che gli venne proposto: il canovaccio di Willner e Reichert fu tradotto e versificato da Giuseppe Adami nella forma di un libretto italiano tradizionale.

La partitura fu completata nell'aprile 1916, dopo l'entrata in guerra dell'Italia e l'opera fu data per la prima volta in campo neutro a Monte-Carlo il 27 marzo 1917 con successo trionfale.

In seguito Puccini sottopose questo lavoro a diverse revisioni, ma la versione rappresentata nel 1917 è tuttora la più apprezzata.

La vicenda è ambientata in Francia durante il Secondo Impero napoleonico (1852-70).

La cortigiana Magda de Civry, mantenuta dal banchiere Rambaldo, conosce durante un festeggiamento a casa propria il giovane Ruggero Lastouc, da poco giunto dalla provincia. Essa lo raggiunge in incognito in un locale parigino e qui si innamora di lui, credendo così di rinnovare una magica avventura del passato. Come una rondine in fuga verso il sole, Magda abbandona il banchiere e va a vivere con Ruggero in Costa Azzurra.
A corto di denaro il giovane scrive ai genitori e chiede il consenso a sposare l'amata, che gli viene prontamente concesso. Tuttavia la prospettiva di appartenere totalmente a qualcuno e di dover rinunciare alla vita brillante precedente atterrisce a tal punto Magda che essa, pur desolata, lascia l'innamorato Ruggero, disperato per questa scelta.

La trama della Rondine, incentrata sulle istanze modernissime della difficoltà di amare e del primato della realizzazione individuale, contiene evidenti riferimenti a celebri opere del passato, quasi certamente voluti. Si pensi a Sapho (1897) di Massenet, storia dell'amore tra una donna di mondo e un giovane provinciale, che la protagonista alla fine abbandona, alla Traviata (1853) di Verdi, con un tocco di Pipistrello (1874) di Johann Strauss.

I primi due primi numeri chiusi del primo atto sorreggono l'arco drammatico dell'intera opera e contengono in nuce gli sviluppi della vicenda, colorando di nostalgia il prosieguo del dramma. La grazia ingenua e sentimentale di tali pezzi iniziali, legata alla primitiva destinazione operettistica, resta tuttavia in sostanziale contrasto con il resto di un lavoro che a tratti ricorda La bohème per la musica brillante e ironica e il ritmo fluido e danzante, «immagine di una visione irrequieta e caleidoscopica della realtà che non tollera interruzioni».

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Ultime Novità ed Eventi di musica e opera lirica
teatro la fenice

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/4/16 11:08
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok