√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Convenzione soci liricamente Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Recensione opera lirica Don Carlos di Giuseppe Verdi al Teatro Alla Scala di Milano

William Fratti, 22/02/2017

In breve:
Milano - Recensione dell'opera lirica Don Carlos di Giuseppe Verdi in scena al Teatro Alla Scala di Milano il 1 febbraio 2017, con la regia di Peter Stein, direttore Myung-Whun Chung e protagonisti: Francesco Meli, Krassimira Stoyanova, Ferruccio Furlanetto, Ekaterina Semenchuk e Simone Piazzola.


L'efficace spettacolo di Peter Stein è ricco di pregi e difetti.

I pregi risiedono sicuramente nel lavoro di regia dello stesso Stein, poiché solisti e coristi hanno sempre un movimento caratterizzato, uno sguardo significativo, un gesto ragionato, impreziosito di controscene che rendono l'azione più fluida e coinvolgente. Particolarmente degni di nota sono il duetto di secondo atto tra Carlo ed Elisabetta e il quartetto in quarto atto. L'allestimento minimalista entro cui si articola la regia di Stein è un ambiente ideale, ma poco bello da vedere.

Gli ambienti spogli ideati da Ferdinand Wögerbauer sono perfetti in termini di disegno architettonico, ma i materiali usati fanno pensare ad una scenografia low cost. E lo stesso vale per i costumi di Anna Maria Heinreich, validi nello stile - storicamente non precisissimi, ma teatralmente efficaci - che sembrano confezionati con stoffe di basso livello. Pure le luci di Joachim Barth mantengono un importante livello di suggestione, ma non portano mai lo spettatore a concentrarsi emotivamente su di un singolo accadimento.

Altrettanto vale per la direzione di Myung-Whun Chung alla guida dell'Orchestra del Teatro alla Scala - che perde qualche colpo in più di una circostanza durante la serata - che appare elegante e raffinata, molto fluida ed omogenea, ma mai spicca il volo, mai riluce come un diamante ed è un po' scollata nel terzetto Carlo-Eboli-Rodrigo.

Detto ciò, sia Peter Stein, sia Myung-Whun Chung riescono a tenere alto il livello di attenzione per tutte le oltre cinque ore del lungo spettacolo.

Per l'occasione si sceglie la versione in cinque atti, con l'aggiunta - rispetto alla più conosciuta versione Modena - del Coro dei Boscaioli in primo e la scena dello scambio delle maschere in terzo. La locandina recita “Edizione integrale della versione in 5 atti, a cura di U. G├╝nter e L. Petazzoni” ma è un peccato che non si siano ripristinati anche il balletto, l'arioso di Filippo “Chi rende a me quell'uom?” e il Coro conclusivo dell'opera. Poteva essere una buona opportunità culturale, sia di studio sia di semplice ascolto, magari eliminando una pausa per non prolungarne ulteriormente la durata - considerando che il Teatro alla Scala possiede gli impianti e le tecnologie per effettuare i cambi in pochi minuti - ma soprattutto serbando emotivamente l'intensità del dramma nella sua complessità.

Francesco Meli ha la vocalità perfetta per interpretare il ruolo del protagonista ai massimi livelli, possedendo tinte eroiche e passionali che poggiano su di una base che tende sempre al lirico leggero, tale da non appesantire mai la parte. Ottimi gli slanci, davvero vivi e sentiti. Purtroppo in alcuni punti sembra perdere un poco l'intonazione e ciò è presumibilmente dovuto all'abuso del falsetto perpetrato fino a poco tempo fa. Qui i piani sono emessi correttamente, pertanto il problema dovrebbe essere arginato e risolvibile.

Krassimira Stoyanova possiede una vocalità naturalmente vellutata talmente bella che la sua Elisabetta spicca in ogni momento, elegante e raffinata, con una perfezione tecnica che ha poche eguali. Detto ciò non è chiaro come mai abbia deciso di prediligere la risonanza di petto nelle note basse, quando in passato la si era sentita emettere ottimi suoni misti, mescolando così tale cattivo gusto alla sua classe innata.

Ancora eccellente, nonostante l'età e qualche pecca perdonabilissima, il Filippo II di Ferruccio Furlanetto. Il suo fraseggio non ha paragoni e la sua intensità è vibrante in ogni momento, rendendo un personaggio che difficilmente può essere superato.

Ekaterina Semenchuk non convince nel ruolo di Eboli. La tecnica di canto e l'interpretazione non sono malvagie, ma sembra piuttosto corta in acuto e abbastanza leggera nei centri.

Simone Piazzola è sempre ottimo interprete dotato di buona presenza scenica, linea di canto omogenea, eccellente intonazione e fraseggio ben rifinito, ma la sua voce, come già notato in precedenti performance, appare stimbrata e mal proiettata, tanto da non sentirsi per buona parte dell'opera. Fortunatamente le arie affidate a Rodrigo sono abbastanza scoperte e riesce ad ottenere comunque un buon successo.

Eric Halfvarson è un Grande Inquisitore scenicamente molto efficacie, ma con parecchie difficoltà vocali nelle note più estreme, sia in alto, sia in basso.

Martin Summer è un Frate piuttosto approssimativo.

Theresa Zisser è un efficacie Tebaldo, Azer Zeda un Conte di Lerma accettabile, mentre Céline Mellon è una Voce dal cielo poco corretta.

Buona la prova dei deputati fiamminghi ed eccellente quella del Coro preparato dall'intramontabile Bruno Casoni.

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Recensioni Teatri Opere Liriche
recensioni

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 8/20/17 13:48
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok