√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Convenzione soci liricamente Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Recensione opera Tamerlano di G. F. Handel al Teatro Alla Scala di Milano

William Fratti, 29/09/2017

In breve:
Milano - Recensione dell'opera lirica Tamerlano di G. F. Handel in scena al Teatro Alla Scala di Milano il 19 settembre 2017


Dopo il grande successo riscosso ne Il trionfo del tempo e del disinganno, Diego Fasolis torna alla Scala per dirigere H├Ąndel in Tamerlano, ancora una volta con i suoi collaboratori I Barocchisti della Radiotelevisione Svizzera e con i musicisti della Scala su strumenti storici.

L'opera in tre atti, su libretto di Nicola Francesco Haym, è indubbiamente uno dei capolavori del prolifico compositore tedesco, poiché non solo straripa di musica sublime, ma si basa su un libretto dalla drammaturgia intensa e significativa.

Lo spettacolo firmato da Davide Livermore è sicuramente uno dei migliori del regista torinese, certo non solo per l'accattivante trasposizione ai tempi della Rivoluzione d'Ottobre, ma soprattutto per l'attenzione ai particolari, al minuzioso lavoro sulla gestualità, al meticoloso impiego di continui movimenti e spostamenti per rendere l'azione anche durante le lunghe arie sentimentali. Alcuni passaggi sono altamente realisti, altri molto poetici - anche grazie all'aiuto dei bravissimi mimi - in un amalgama che tiene alta l'attenzione per oltre quattro ore.

Letteralmente strabilianti i costumi femminili di Mariana Fracasso, pure centratissimi quelli maschili, trucco compreso. Bellissime le scene di Davide Livermore e Giò Forma, come pure i video di Videomakers D-Wok.

Diego Fasolis si riconferma eccellente direttore di questo repertorio, in particolare per lo stile e la coerenza. Soprattutto si apprezza il lavoro di taglia e cuci svolto sulle varie versioni dell'opera al fine di arrivare al miglior adattamento possibile alle esigenze degli interpreti e del nuovo allestimento.

La star americana Bejun Mehta veste con estrema disinvoltura i panni del protagonista, ruolo scritto per contralto. Il controtenore mostra una vocalità sopranile limpida e sonora che sfocia nel falsetto soltanto negli acuti più estremi, forse a causa dell'annunciato raffreddore. Ottima la resa del personaggio, soprattutto nell'accostamento Tamerlano/Stalin, da cui traspira una bonaria perfidia che pare quasi surreale.

Pure eccellente è l'argentino Franco Fagioli nella parte mezzosopranile di Andronico. Se inizialmente appare un poco modesto, a partire dal finale primo dimostra in pieno le sue capacità. Dunque non solo “Benché mi sprezzi l'idol che adoro” è pagina davvero riuscita, ma anche le successive “Cerco in vano di placare” e “Più d'una tigre altero”, dove il controtenore mette in mostra le sue grandi doti nelle colorature e l'incredibile abilità di scorrere velocemente dalle note più gravi a quelle più acute.

Buona la prova di Maria Grazia Schiavo nei panni di Asteria, molto corretta nello stile, ma forse un poco carente nell'accento drammatico.

Più puntuale nelle sfaccettature del suo personaggio è l'Irene di Marianne Crebassa, soprattutto nella riuscitissima “Par che mi nasca in seno”, aria patetica che il mezzosoprano francese rende davvero commovente.

Riuscitissimo il Leone/Rasputin di Christian Senn, in particolare nella seconda aria mutuata dalla versione del 1731.

Troppo anziano il Bajazet di Placido Domingo, che nonostante tutto riscuote un grande successo personale.

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Recensioni Teatri Opere Liriche
recensioni

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 10/23/17 00:31
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok