√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Convenzione soci liricamente Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Recensione opera Don Carlo di Giuseppe Verdi al Teatro Comunale di Bologna

Maria Cristina Chiaffoni, 20/06/2018

In breve:
Bologna, 12 giugno 2018 - Recensione dell'opera lirica Don Carlo di Giuseppe Verdi in scena al Teatro Comunale di Bologna il 12 giugno 2018.


Bello sentire il pubblico che affolla la platea del Comunale di Bologna affermare : “Finalmente si sentono tutte belle voci come una volta” ed è proprio vero!

Presente alla recita del 12 giugno in una Bologna calda, ma sempre piacevole, gusto ed assaporo ogni nota di questa monumentale e splendida produzione.

Il catalizzatore del prezioso cast è il maestro MICHELE MARIOTTI, grintoso, fulmineo eppure poetico nei momenti più intimi e delicati dell'opera. L'ORCHESTRA DEL TEATRO COMUNALE lo segue fedelmente e con grande maestria tecnica e coloristica (stupendo l'assolo del violoncello prima di “Ella giammai m'amo'”) non una sola sbavatura, ma una tavolozza cromatica ben espressa e una forza poderosa.

DIMITRY BELOSELSKIY è un Filippo umanissimo, dominato dal freddo e spettrale Grande Inquisitore a cui tenta invano di fuggire. La voce morbida e ben emessa, la ricerca continua di un ottimo fraseggio e una buona presenza scenica lo fanno apprezzare dal pubblico.

Il protagonista ha la bella voce tenorile di ROBERTO ARONICA seppur in alcuni piccoli punti velata da stanchezza la vocalità è luminosa, gli acuti frecce vibranti, il colore splendido, buona la presenza scenica.

Un Rodrigo da Oscar della lirica quello interpretato dal baritono LUCA SALSI praticamente perfetto: voce bellissima, rotonda, bronzea, dizione perfetta e nobiltà di fraseggio.

Stessa considerazione per la splendida Eboli di una bella VERONICA SIMEONI, fulgida in scena in un ruolo che le sta a pennello. Nella regia sembra una Veronica Lake o Lana Turner: fatale, sfrontata e dotata di una voce di cui è assoluta padrona.

Come ne è padrona la splendida MARIA JOSE' SIRI contrapposta nella sua compostezza al fuoco della Eboli, una Elisabetta matronale, ma commovente e dolcissima. Una voce luminosa come un diamante, tersa e cristallina, soave nei pianissimi e molto bella.

LUIZ OTTAVIO FARIA è il Grande Inquisitore. Voce molto buona e bella presenza scenica, nella regia giustamente quasi sempre in scena, domina tutto  Avrei solo preferito una voce più incisiva in quel capolavoro di duetto con Filippo.

Voce incisiva ed importante, destinata a ruoli più importanti, quella del Frate di LUCA TITTOTO.

Ottimo il settore dei comprimari tutti dotati di bellissime voci destinate a ruoli più importanti : il Tebaldo molto fresco ed accattivante di NINA SOLODOVNIKOVA, il conte di L'erba squillante ed incisivo di MASSIMILIANO BRUSCO, come pure l'araldo di ROSOLINO CLAUDIO CARDILE e la dolcissima voce del cielo di ERIKA TANAKA.

Direi perfetti ed in completa sintonia i Deputati Fiamminghi: FEDERICO BENETTI, ALEX MARTINI, LUCA GALLO, PAOLO MARCHINI, ABRAHAM GARCIA GONZALEZ, CARLO MALINVERNO.

Ottimo il CORO DEL TEATRO COMUNALE DI BOLOGNA, con le leggiadre signore impegnate anche nella danza nella Canzone del velo, autorevole e compatto diretto magistralmente dal M. ANDREA FAIDUTTI.

La regia del grande HENNING BROCKHAUS ha momenti scoperti: ben espresso e condotto il concetto che la chiesa di Roma comanda e sovrasta con arrogante protervia ogni cosa. Il trono quasi barbarico del Grande Inquisitore è sempre presente e sovrasta la scena, i sacerdoti sono violenti ed arroganti. Sappiamo gli orrori compiuti dalla Inquisizione in nome di Dio. Come mi piace l'importanza data ad Eboli, ben presente in scene dove non è nel libretto. Non mi piace qualche entrata ed uscita poco curata dei personaggi come il mischiare nell'autodafe popolani e nobili. Anche se l'azioneè spostata nei primi del Novecento, non esiste che i nobili siano mischiati in mezzo alla folla. Ma sono piccoli particolari, compensati dalle belle e funzionali scene di NICOLA RUBERTELLI, dai favolosi costumi Belle Époque di GIANCARLO COLIS, ambedue impreziositi dalle sapienti luci di DANIELE NALDI.

Uno spettacolo prezioso, apprezzatissimo dal numeroso pubblico intervenuto e che fa sperare sul futuro della nostra amata lirica in Italia

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Recensioni Teatri Opere Liriche
recensioni

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 9/24/18 04:38
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok