√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Convenzione soci liricamente Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Recensione Aida di Giuseppe Verdi all'Arena di Verona

Maria Cristina Chiaffoni, 31/07/2018

In breve:
Verona, 19 luglio 2018 - Recensione dell'opera lirica Aida di Giuseppe Verdi in scena all'Arena di Verona il 19 luglio 2018.


AIDA VISTA DALLA PARTE DEGLI ETIOPI

E' una splendida, tradizionale, ma allo stesso tempo innovativa Aida quella che ho visto ed apprezzato il 19 luglio in un'Arena non gremitissima (ma ogni teatro tradizionale al chiuso farebbe 3 pienoni con il pubblico di ieri sera areniano).

La scena è dominata da una grande piramide, da sfingi e da colossi raffiguranti il Dio Anubi. L'innovazione della regia e scene del grande maestro FrancoZeffirelli sta nel far vedere il popolo egizio cencioso e curioso che affolla il palcoscenico vasto e soprattutto nel ridare dignità (e questo è anche merito dei due favolosi artisti che li interpretano ) ai due reali personaggi etiopi schiavi si, vinti, ma a testa alta, dignitosi e forti non i soliti “selvaggi “ prostrati davanti alla magnificenza dei Faraoni.

Un'Aida sostenuta, condotta e governata dalla saldissima mano del direttore d'orchestra Daniel Oren una garanzia ormai amato e stimato in ogni teatro. Il maestro sa dipingere con somma maestria ogni nota, ogni momento rendendolo personalissimo e trovando nuove nuances nel capolavoro verdiano. Una su tutti quel sublime arresto e pianissimo disteso improvviso dopo l'accorata e sublime frase di Aida “ Oh patria, patria quanto mi costi…” o i colossali accenti degli ottoni e delle percussioni nell'atto del giudizio. Seguito da un'attenta e ottima Orchestra dell'Arena di Verona che non presenta il fianco a sbavature o intemperanze, ma segue con un unico intento e colore il maestro israeliano.

Aida è una straordinaria Maria Josè Siri ampiamente padrona del ruolo e maestra in pianissimi soavi e perlacei. Il suo ”Cieli azzurri” è da manuale, da brividi, come lo sono gli acuti ben sorretti e morbidi, mai forzati. La sua principessa schiava è regale, altera, ma anche feminilissima ed innamorata. Il personaggio sbalza fuori con grande maestria. Voce da seguire perché ci darà sempre più nuove emozioni e soddisfazioni.

Il suo Radames ha la voce ottima di Carlo Ventre tenore dal bel timbro e grande professionista, acuti lucenti e baldanzosi, ma si ha l'impressione che il personaggio non venga fuori, che manchi di personalità. Ripeto voce notevole, ma mi riservo di sentirlo in altri contesti ed in altri personaggi.

Uguale impressione anche per la Amneris di Violeta Urmana. Voce notevolissima, bel colore, ma a mio avviso manca la zampata della leonessa dei Faraoni. Come esempio porto il suon”Trema vil schiava” nel duetto con Aida . Non fa tremare per niente anche se la fonazione è perfetta come per altro tutto l'atto del Giudizio.

Felino regale e maestoso, non solo per altezza e possanza fisica, l'Amonasro di Ambrogio Maestri anche se qualche volta c'è qualche leggera propensione verso portamenti, ma la voce, l'intenzione e la resa è ottima, e l'interprete restituisce grandissima dignità e forza al re vinto ed eroico che rappresenta.

Notevole il basso In Sung Sim che interpreta un Ramfis implacabile con voce brunita, che risuona nella vasta cavea areniana con forza.

Ottime le parti minori: Romano Dal Zovo un musicalissimo Re, Antonello Ceron Messaggero dalla bella voce tenorile e la deliziosa voce di Arina Alexeeva ottima Sacerdotessa.

Una garanzia il potente ed uniforme Coro dell'Arena di Verona che canta con maestria somma in ogni sezione senza alcuna forzatura merito anche del suo Maestro Vito Lombardi.

Eccellente, importante, con movimenti fluidi e magnificamente espressi il Corpo di Ballo dell'Arena di Verona brilla nelle coreografie del mitico Vladimir Vassilev ben coordinato dall'ottimo coreografo Gaetano Petrosino.

Eccellenti i primi ballerini Beatrice Carbone, Petra Conti e Gabriele Corrado spettacolari nei momenti coreografici dell'opera (uno su tutti il brio della Danza dei Moretti con pirouettes e grand batman quasi acrobatici.

I costumi di Anna Anni sono degni del kolossal, molto belli e colorati, ma non ho gradito molto quelli di Amneris e di Radames, ricchi ed elaborati fin troppo.

Uno spettacolo stupendo, unico come solo la suggestiva Arena di Verona sa offrire.

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Recensioni Teatri Opere Liriche
recensioni

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 10/18/18 23:07
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok