√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Convenzione soci liricamente Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Recensione opera Il castello di Kenilworth di Gaetano Donizetti a Bergamo

79, 11/01/2019

In breve:
Bergamo - Recensione dell'opera lirica Il castello di Kenilworth di Gaetano Donizetti in scena a Bergamo il 30 novembre 2018.


Il castello di Kenilworth è stato per molto tempo ingiustamente considerato un passo indietro nel processo di affrancamento di Donizetti dai suoi predecessori, Rossini in primis, ma un più attento esame della partitura porta invece a riconoscere che si tratta di un lavoro che anticipa schemi musicali e situazioni drammatiche poi usate in opere successive e della maturità. E ciò lo testimonia anche il fatto che Donizetti stesso vi mise mano più volte e a più riprese.

In occasione del Festival Donizetti Opera 2018 si è ascoltata la prima versione del melodramma, andata in scena a Napoli nel 1829, secondo la revisione sull'autografo a cura di Giovanni Schiavotti.

Lo spettacolo di Maria Pilar Pérez Aspa, con scene minimali di Angelo Sala, costumi d'epoca di Ursula Patzak e luci di Fiammetta Baldiserri, appare molto povero e banale, non tanto per l'impianto ridotto ai minimi termini, quanto per la vecchia e polverosa idea della gabbia e della prigione, di ferro o dorata, reale o immaginaria che sia, già vista , rivista e stravista fin troppe volte e qui senza alcun significato aggiuntivo, oltre a una pressoché totale assenza di movimento, sguardi, gestualità e controscene, se non per i protagonisti che comunque sembra vadano ognuno per la sua strada e non secondo un disegno complessivo.
Il tutto risulta abbastanza noioso e non aiuta di certo la direzione di Riccardo Frizza che, seppur discreta, sembra più svolgere il compito da spartito piuttosto che cercare di dare un'impronta, qualunque essa sia.

L'Elisabetta di Jessica Pratt è deludente, dando prova positiva solo nel personaggio. La brava cantante sembra vocalmente quasi irriconoscibile, spesso calante e prodiga di sovracuti fissi e fastidiosi. Fortunatamente le riesce meglio l'aria finale.

Prova discontinua per l'Amelia di Carmela Remigio, ottima nei duetti di primo atto dove mostra un bel colore, un fraseggio deciso e una buona interpretazione, ma non soddisfa durante la sua aria in secondo atto, contagiata da precaria intonazione.

Decisamente poco intonato è il Leicester di Francisco Brito, che mostra il suo lato efficace solo nella brillantezza e nell'uso delle agilità.

Ottima è invece la prova di Stefan Pop nei panni di Warney. Voce smaltata, linea di canto omogenea, acuti saldi e sicuri, note basse da baritenore ben timbrate.

Più che positivi il Lambourne di Dario Russo e la Fanny di Federica Vitali.

Buona la resa del Coro Donizetti Opera guidato da Fabio Tartari.

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Recensioni Teatri Opere Liriche
privacy liricamente it

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 3/24/19 13:12
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok