√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Convenzione soci liricamente Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Recensione opera Chovanščina di Musorgskij al Teatro Alla Scala di Milano

William Fratti, 18/03/2019

In breve:
Milano, il 6 marzo 2019 - Recensione dell'opera lirica Chovanščina di Musorgskij in scena al Teatro Alla Scala di Milano


La grande opera incompiuta di Modest Petrovič Musorgskij è indubbiamente un capolavoro, un caposaldo dell'opera e della musica non solo russa, ma di tutto il tardo Ottocento, con la sua modernità inconfutabile e così intensamente intrisa di emozionante umanità.
Seppur non frequentemente, fortunatamente si tratta di un titolo regolarmente rappresentato al Teatro alla Scala e in questa occasione lo spettacolo è affidato alla mano esperta e alla fervida mente di Mario Martone che, sapientemente assistito da Margherita Palli alle scene, Ursula Patzak ai costumi, Pasquale Mari alle luci, Daniela Schiavone alla coreografia (intelligente oltreché interessante), con video di Italvideo Service, trova la culla perfetta per il pessimismo di Chovanščina in un grigio futuro distopico.

È vero che l'umana vicenda si muove nel turbolento contesto storico della lotta per la presa al potere da parte dello Zar Pietro il Grande, col movimento scismatico dei vecchi credenti da un lato e gli oppositori a Pietro dall'altro, ma i riferimenti all'interno del libretto sono così sottili per certi versi e ampi sotto il profilo dell'interpretazione, che la trasposizione acquisisce un suo senso compiuto. A parte ciò, Martone sa cosa significhi fare regia, far muovere protagonisti, comprimari, comparse e masse, sa cosa significhi la gestualità e gli sguardi, sa cosa significhi trasmettere un concetto, un simbolo, piuttosto che un'immagine. Ne risulta uno spettacolo davvero entusiasmante da ogni punto di vista.

Pure meravigliosa e appassionante è la direzione di Valery Gergiev - che aveva guidato anche l'edizione del 1998 - sul podio di un altrettanto eccezionale Orchestra del Teatro alla Scala. Le tre ore abbondanti di musica (sublime) non sono solo scandite da estrema cura e precisione, ma anche da colori e accenti di una vitalità davvero notevole. Superlativo è il Coro del Teatro alla Scala che in questa occasione supera ogni confine della perfezione.

Ekaterina Semenchuk, che non aveva convinto nel ruolo di Eboli, è una Marfa eccellente, dotata di voce vellutata e omogenea, arricchita di fraseggio e sfumature emozionanti e toccanti, soprattutto nella profezia di secondo atto e nella canzone del terzo.

Mikhail Petrenko è un'ottimo Principe Chovanskij, autorevole nell'interpretazione, solido e corposo nel canto, che trova il suo apice in quarto atto.

Stanislav Trofimov è un altrettanto encomiabile Dosifej, inamovibile nel suo credo, con la cavernosità della sua voce scura che scandisce tutta l'opera fino ad arrivare alla commovente aria nel quadro conclusivo.

Ottimo il Šaklovityj di Alexey Markov, che per tutta la vicenda muove subdolamente le fila dei boiari, prodigandosi in un'interpretazione della sua aria davvero sentita.

Molto buona la prestazione dei due tenori, Sergey Skorokhodov nei panni di Andrej e Evgeny Akimov nel ruolo di Golicyn, entrambi imponenti nella vocalità e svettanti negli acuti.

Decisamente convincente la Susanna di Irina Vashchenko anche se, per come è costruita la tessitura del ruolo, qualche acuto non risulta propriamente pulito e si sarebbero preferite note gravi più consistenti.

Efficacissima Evgenia Muraveva nella parte di Emma che presenta un canto pulito e omogeneo.

Bravissimo Maxim Paster nei panni dello Scrivano, forse un poco tirato negli acuti, ma la resa del personaggio - impaurito e trafelato - è talmente riuscita da far sembrare queste imprecisioni una cosa voluta.

Perfettamente adeguati all'alto livello dei protagonisti sono anche le parti comprimarie, con Maharram Huseynov (Pastore luterano), Lasha Sesitashvili (Varsonof'ev), Sergei Ababkin (Kuz'ka e Strešnev), Eugenio Di Lieto (primo strelec), Giorgi Lomiseli (secondo strelec), Chuan Wang (uomo di fiducia del principe Golicyn).
Produzione da non perdere assolutamente!

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Recensioni Teatri Opere Liriche
recensioni

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 9/15/19 19:01
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok