√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Convenzione soci liricamente Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Recension opera Il barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini al Teatro Regio di Parma

William Fratti, 05/07/2019

In breve:
Parma, 22 marzo 2019 - Recensione dell'opera lirica Il barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini in scena al Teatro Regio di Parma.


Anche in una città come Parma oggigiorno è più facile eseguire un buon Rossini che non un buon Verdi.

Il Cigno di Busseto, vittima della sua popolarità, di una lunga e prepotente tradizione e soprattutto vittima dell'assenza (fino a poco tempo fa) di un vero centro studi affiancato da un centro produzione e da una scuola di interpretazione, se non è eseguito ad altissimi e costosissimi livelli è adombrato dal pressappochismo, così come si è visto fin troppo spesso. Diversamente il Cigno di Pesaro gode da quasi quarant'anni di tutto ciò che è prima mancato al compositore bussetano, pertanto si dispone fortunatamente di un lungo stuolo di valenti interpreti rossiniani.

Tra gli altri, in cima alla lista troviamo l'eccelsa Chiara Amarù, che non si lascia sfuggire una nota nelle sue agilità ben sgranate, ma soprattutto piegate all'intenzione e all'uso della parola. La sua Rosina è sinceramente strepitosa.

Molto più giovane, forse ancora un poco acerbo, ma già sull'ottima strada, è il bravissimo Xabier Anduaga - si sentono chiaramente i buoni frutti dello studio con Zedda, Palacio e Florez - sfortunatamente privato di “Cessa di più resistere”. Se il taglio dell'aria finale di Almaviva è stato voluto per ragioni artistiche è una vera tristezza, per non dire vergogna, se invece è stato voluto per ragioni economiche è ancor peggio.

Validissimo anche il Figaro di Julian Kim, che ormai potrebbe essere definito un riferimento del ruolo, anche se a tratti esce il suo lato romantico che esula dallo stile di Rossini e, volendo cercare il pelo nell'uovo, gli staccati non sono così marcati come dovrebbero. La sua è comunque una prestazione di altissimo livello.

Simone Del Savio è un belcantista molto bravo, musicale, dotato di buon gusto ed eleganza. Forse non è centratissimo come buffo rossiniano, ciononostante rende un Don Bartolo molto efficace.

Lo stesso vale per l'espressivo Don Basilio, raffinato e di classe, dell'ottimo Roberto Tagliavini.

Brava Eleonora Bellocci nel ruolo di Berta. Concludo in maniera opportuna il Fiorello di Lorenzo Barbieri e l'ufficiale di Giovanni Bellavia.

Alessandro D'Agostini, alla guida dell'Orchestra dell'Emilia Romagna Arturo Toscanini, ha il pregio di dirigere con buona lena, ma è povero di colori e accenti.

Buona la prova del Coro del Teatro Regio di Parma preparato da Martino Faggiani.

Il ripristino dello spettacolo di Beppe De Tomasi, creato per il palcoscenico del Regio nel 2005, è un'assoluta ondata di freschezza.

Pur avendo quindici anni questo allestimento fatto di vetro, con scene di Poppi Ranchetti e costumi di Artemio Cabassi, resta moderno nella tradizione, efficacie e piacevole sotto ogni punto di vista, anche grazie al buon lavoro di Renato Bonajuto che riprende la regia e alle luci di Andea Borelli.

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Recensioni Teatri Opere Liriche
recensioni

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 11/16/19 00:29
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok