√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Convenzione soci liricamente Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Recensione Carmen di George Bizet al Teatro di Ferrara

Maria Cristina Chiaffoni, 19/02/2020

In breve:
Ferrara, il 7 febbraio 2020 - Recensione dell'opera lirica Carmen di George Bizet in scena al Teatro di Ferrara.


Una Carmen da copertina va in scena a Ferrara

E' una Carmen di tutti bellissimi e con figure da passerella quella che va in scena a Ferrara venerdì 7 febbraio.

L'allestimento è a cura di Ravenna Festival, in coproduzione con Ferrara e Lucca. Vorrei dare adito a polemiche su preponderanza della parte visiva sulla parte musicale-vocale, ma onestamente ho sentito belle voci, magari non del tutto a fuoco in alcuni momenti, ma assolutamente da seguire perche a mio avviso sono destinati a diventare veri big della lirica.

A cominciare dal regista che oltre ad essere un attore è un baritono che sta facendo una brillante carriera (in questo momento è Don Giovanni all'opera di Sidney) Luca Micheletti, che scolpisce una regia, viva, lacerante ed a volte graffiante. Molto personale e fuori da ogni schema, complice le scene nere e cupe di Ezio Antonelli ed i costumi scarni ed essenziali di Alessandro Lai e soprattutto le vivide luci che attraggono e respingono lo spettatore a cura di Vincent Longuemare.

La sua lettura di Carmen pone la protagonista al centro di una cupa storia di sesso e violenza, con lei stessa e le sue amiche prostitute o comunque ballerine in un club privè di infimo livello al posto della taverna di Lillas Pastià. Anche le sigaraie non sono operaie in pausa , ma merce di spettacolo per uomini che si siedono su poltrone stile cinema porno anni 50. E' discutibile senz'altro e a volte è opinabile, ma preferisco questi giovani registi che danno un messaggino forte ad un piattume interpretativo e senza emozioni.

Carmen è la bellissima, con un fisico da top model, Martina Belli. La voce è ben emessa, molto sicura negli acuti ed il fraseggio assolutamente di rilievo, ma a mio parere, non sento il velluto denso e ricco del vero mezzosoprano. Questo lo noto soprattutto nella quai contraltile aria delle Carte e nella forza e tensione che manca nel duetto finale. L'interprete sembra giustamente compiacersi della sua straordinaria avvenenza, mostrando con ampia generosità le splendide gambe, ma per ora le manca, a mio parere, la grande statura dell'interprete. Certo la giovane età le permetterà di giungere sulla vetta dei grandissimi teatri perché sia la voce sia la figura lo meritano ampiamente.

Come è destinato a diventare il Kaufmmann italiano, il tenore Antonio Corianò, magnifico Don Josè. La voce è molto bella, raggiante, spavalda e svettante negli acuti, l'interprete è buono, anche qui manca la zampata del grande artista. Che indubbiamente arriverà con l'età e l'esperienza.

Zampata che invece già possiede la splendida Elisa Balbo, pure lei affascinante Micaela, un raggio biondo in mezzo a tutto questo nero scenico. Voce di perla, meravigliosa in ogni registro, emessa con grande maestria e con sapiente uso del fraseggio.

Escamillo, un gran bel guardare nel completo di pelle nera, è il baritono Andrea Zaupa. Voce grande, non correttissima nell'emissione, a volte sembra strafare, ma tutto sommato è degno di nota ed anche per lui vale l'augurio di ascendere ad una carriera folgorante: lo merita per la bellezza della voce calda e brunita, e con studio e volontà riuscirà ben presto.

Top models in completo quasi sadomaso in shorts o minigonna di pelle nera, molto gradevoli sia alla vista (soprattutto per i maschietti spettatoriÔÇŽ) ed anche all'ascolto per voci molto belle e ben usate, la Frasquita di Alessia Pintossi e la Mercedes di Francesca Di Sauro. Stessa cosa dicasi per i loro patners scenici: corretti e con buone voci il Dancairo di Rosario Grauso ed il Remendado di Riccardo Rados.

Sono belle le voci e le presenze che sbalzano fuori anche in un cast cosi da copertina lo Zuniga di Adriano Gramigni ed il Morales (che bella voce!) di Christian Federici.

Figura di grande carisma scenico è l'attore Ivan Merlo, sempre presente in scena, come ma├«tresse travestito o Lillas Pastia o alter ego di Carmen.

Notevole è la prova dell'Orchestra Giovanile Cherubini, diretta dal maestro Vladimir Ovodok che offre una lettura potente ed a volte priva della solarità mediterranea propria dell'opera di Bizet.

Il coro Cherubini-Bellini, molto corretto, ma a mio avviso sottorganico per un'opera come Carmen, ha dato il suo buon apporto vocale e scenico come pure il Coro di voci bianche Ludus Vocalis diretto da Elisabetta Agostini. Il maestro del coro Cherubini-Bellini era Antonio Greco.

Il pubblico numeroso, con applausi tiepidi durante la rappresentazione, alla fine ha accolto il cast con molte chiamate al proscenio per il cast.

Rinnovo l'augurio a tutto il giovane e bellissimo cast di arrivare alla Scala e Metropolitan, per dire due templi della lirica, ben presto.

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Recensioni Teatri Opere Liriche
recensioni

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 8/7/20 02:38
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok