√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Convenzione soci liricamente Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Appello internazionale per SALVARE VILLA VERDI

Redazione Liricamente, 03/08/2020

In breve:
Parte in Italia da luglio sino a settembre la campagna di crowdfunding SALVIAMO VILLA VERDI su www.innamoratidellacultura.it. La campagna è dedicata alla casa progettata e fortemente amata da Giuseppe Verdi in quel di Sant'Agata di Villanova sull'Arda (PC).


Parte in Italia da luglio sino a settembre la campagna di crowdfunding SALVIAMO VILLA VERDI su www.innamoratidellacultura.it piattaforma ideata e amministrata da una manager donna, Emanuela Negro-Ferrero, e che pone un'attenzione particolare all'impatto sociale generato dalle campagne sul territorio. La campagna è dedicata alla casa progettata e fortemente amata da Giuseppe Verdi in quel di Sant'Agata di Villanova sull'Arda (PC).

La villa museale è ricca di arredi, curiosità e effetti personali del Maestro - spicca tra tutti il pianoforte su cui Egli ha tanto composto - e comprende oltre sei ettari di parco, con piante, arbusti, fiori ed erbe selezionate personalmente dal compositore. La struttura è insediata nella prestigiosa area naturalistica della Riserva di Biosfera Mab UNESCO del Po Grande. Il terreno su cui è costruita però è molto argilloso, poco distante infatti scorre il Torrente Ongina e l'edificio sta sprofondando nella parte anteriore creando disassestamenti.

Angiolo Carrara Verdi, erede di questo straordinario patrimonio culturale, musicale, storico e architettonico naturalistico, porta in realtà sulle spalle sia gioie che dolori.

La Villa ha infatti urgente bisogno di numerosi interventi di restauro, oltre che di pagare gli stipendi al suo staff, e l'assenza imprevista di visitatori causata dalla epidemia Covid-19, non ha giovato alle casse del museo, che rischia la chiusura definitiva al pubblico. "Prima di arrivare ad una decisione drastica - spiega l'erede - abbiamo scelto di rivolgerci a INNAMORATIDELLACULTURA, piattaforma italiana specializzata nelle campagne di crowdfunding in ambito artistico e culturale, per raccogliere tutte le donazioni possibili".

Da sempre infatti, la Villa viene preservata solo grazie ai discendenti del Maestro.

Investire in cultura nel mondo contemporaneo paga poco e male, ma Angiolo Carrara Verdi ci crede e persevera, rilanciando con la sua famiglia la raccolta, alla quale ciascuno di noi può contribuire, in piccolo o in grande. Il link della raccolta fondi è:
https://www.innamoratidellacultura.it/projects/salviamo-il-museo-di-villa-verdi

Ci piace ricordare che il Maestro Giuseppe Verdi, dipinto da Giovanni Boldini e raffigurato sulle nostre vecchie Mille Lire, è il l'incarnazione di un certo sguardo artistico politicamente impegnato. L'autore di capolavori operistici come Rigoletto (1851), Il Trovatore (1853), La Traviata (1853) - che sebbene prima colpite dalla censura e accolte negativamente dal pubblico, presto raggiunsero grandissima popolarità in tutto il mondo - si può annoverare tra gli esponenti culturali che hanno maggiormente supportato le parallele vicende politiche del Risorgimento che avrebbero portato all'unità d'Italia. Egli infatti fu Deputato al primo parlamento nazionale che aveva sede a Torino.
La Traviata è l'opera in assoluto più rappresentata al mondo: solo nel 2019 è stata messa in scena 4190 volte in tutti i teatri del mondo. Villa Verdi è una eredità mondiale tutta italiana che ci arricchisce con la sua stessa esistenza, e offre anche una significativa ricaduta turistica sulle reti d'impresa e i beni intorno alle Terre Verdiane. A supporto della Campagna stanno collaborando esponenti della cultura e dell'impresa da tutt'Italia.
 
PERCHE' UNA CROWDFUNDING?
A prendersi cura di questo gioiello sono gli eredi del Maestro che grazie ad i soli apporti personali sono riusciti a mantenerne inalterato l'antico splendore.
Purtroppo la recente epidemia di Covid-19 si è aggiunta alla totale assenza di contributi statali, e ha causato la chiusura al pubblico di Villa Verdi per molti mesi.
La Villa ha bisogno di urgenti restauri e l'assenza imprevista di visitatori rischia di portare alla chiusura definitiva di un luogo unico che ci fa capire tutto sul Compositore italiano più conosciuto al mondo, ancora oggi il più rappresentato e amato in tutti i teatri a livello mondiale.
 
IL RESTAURO - A COSA SERVE PARTECIPARE ALLA RACCOLTA
Il progetto di restauro della Villa prevede un percorso di diversi interventi sia all'interno che all'esterno. Il costo totale del restauro è piuttosto elevato e per questo abbiamo deciso di affrontarlo un poco per volta con la speranza di riuscire a raccogliere quanto serve per completarlo dando la precedenza alle urgenze che sono venute a crearsi.

PRIME URGENZE
Le infiltrazioni di acqua dal SOFFITTO - causate da un terrazzo sovrastante - stanno rovinando con l'umidità questa importante stanza. Importo stimato per il restauro circa € 50.000,00
TETTO - Importanti lavori di restauro anche per il tetto delle carrozze che rischia il crollo. Si stimano € 6.000,0
STRUTTURA - Tinteggio di una parte esterna della imponente dimora, Si prevedono € 25.000,00
SALOTTO ROSSO - In questo salotto il Maestro riceveva pochi e selezionati ospiti come i librettisti Francesco Maria Piave o Arrigo Boito, pittori del calibro dei fratelli Palizzi o Boldini, l'editore Ricordi o gli aristocratici Andrea e sua moglie Claretta Maffei. Qui si discuteva di tante cose oltre alla musica; stiamo parlando del periodo risorgimentale in cui per strada si gridava "VIVA V.E.R.D.I", l'acronimo di Viva Vittorio Emanuele re d'Italia.
APERTURA MUSEO - per poter tenere aperto questo luogo meraviglioso, c'è bisogno di liquidità per affrontare le spese fisse e pagare lo stipendio ai dipendenti che si occupano di tutta la struttura (cinque persone) = dimora storica + museo + 7 ettari di parco.
 
LA PIATTAFORMA INNAMORATI DELLA CULTURA CHE ATTUA IL CROWDFUNDING
INNAMORATIDELLACULTURA è la prima piattaforma italiana specializzata nella pubblicazione di campagne di crowdfunding in ambito artistico e culturale ideata e amministrata da un digital innovation manager donna, Emanuela Negro-Ferrero. La piattaforma offre assistenza dalla fase progettuale inziale lungo tutto il percorso della campagna e vanta ormai un'esperienza quinquennale nella gestione di progetti in ambito culturale prestando un'attenzione particolare all'impatto sociale generato dalle campagne sul territorio di riferimento. www.innamoratidellacultura.it

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Ultime Novità ed Eventi di musica e opera lirica
curiosita

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 11/28/20 21:20
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok