√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Ottavio Ziino Concorso Toti Dal Monte

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Rencesione opera lirica La fille du regiment di Donizetti al Teatro La Fenice di Venezia

Maria Cristina Chiaffoni, 22/10/2022

In breve:
Venezia, il 16 ottobre 2022 - Recensione dell'opera lirica "La fille du regiment" di Gaetano Donizetti in scena al Teatro La Fenice di Venezia.


In questo periodo mi ritengo fortunata: ogni opera a cui ho assistito finora è risultata molto bella e direi memorabile.
Ed è così anche per questa edizione de “La fille du regiment” data a Venezia al Gran Teatro La Fenice, che dopo due eleganti ed imperdibili produzioni di Butterfly e Trovatore, propone al pubblico questa spumeggiante e tenera opera del grande compositore bergamasco Gaetano Donizetti, che su committenza del direttore dell'Opéra Comique, teatro considerato da alcuni il più profondamente francese, compose in pochissimi giorni questo delizioso capolavoro.

La fille du regiment - Venezia 2022


Per l'occasione, sulle pagine de “Le Journal des débats” un livido Hector Berlioz scrisse “E' una vera e propria guerra di invasione. Non potremo più parlare dei teatri lirici di Parigi, ma dei teatri di Donizetti””. Questa frase rende l'idea del successo e della mole di opere raggiunti dal genio italiano in Francia.

L'edizione veneziana, in lingua originale francese, risulta inebriante come una coppa di champagne, con una regia dinamica e fresca, che porta la firma di Barbe & Doucet sodalizio artistico di due registi che ha portato all'allestimento di più di quaranta spettacoli nel mondo, anche se a volte sembra essere sopra le righe (non molto gradevole la caricatura dei militari sempre ubriachi o comunque imbranati o il far interpretare da vecchietti sull'orlo della tomba assistiti da infermieri per personificare i nobili e la loro decadenza nel secondo atto).
Il duo registico firma anche le scene, quasi da cartone animato e pervase da simbolismo profondo e non immediato ed i costumi incantevoli, trasportati agli anni ‘30/40.
Splendide le luci curate da Guy Simard.

La fille du regiment - Venezia 2022

Ma sono gli artisti in palcoscenico ed in buca che infiammano il pubblico numeroso presente in sala.

Il calor bianco viene raggiunto da un John Osborn in stato di grazia, che nella parte di Tonio, l'innamorato della protagonista, muove ad entusiasmo gli ascoltatori per la sua voce di splendida grana, per gli acuti funambolici elargiti a piene mani, arrivando persino a bissare la famosa ed ardua Aria dei 9 Do (qualcuno addirittura lo aggiunge!), ma anche fraseggiando con squisita eleganza ed elargendo momenti di purissimo lirismo nelle parti larmoyantes dell'opera. Il suo “Pour me rapprocher a Marie” è un incanto di squisita bellezza.

La fille du regiment - Venezia 2022

Come lo è anche "Il faut partir"/em> della splendida protagonista dell'opera, Maria Grazia Schiavo,, un soprano dalla luminosa emissione, dagli acuti e sovracuti lucenti e sicuri, in possesso al pari del tenore di una solida tecnica che le permette di pennellare con tutti i colori della tavolozza vocale ogni accento e frase musicale. Dolce la sua figura e tenera, ma assieme incisiva l'interpretazione della trovatella dal cuore sincero e schivo.

Elegante, simpatico dalla bruna voce e musicalissimo il Sulpice di Armando Noguera, che ben domina la scena e ha una bella caratterizzazione comica al pari della fascinosa Maquise de Berkenfield, interpretata dal mezzzosoprano Natasha Petrinsky, fasciata in sontuosi abiti verdi, dalla lussureggiante vocalità brunita con zona grave di tutto rispetto. E' risultata molto gustosa e di impatto la sua presenza scenica.

La fille du regiment - Venezia 2022

La nota e brillante attrice Marisa Laurito /strong>regala una fantastica Duchesse du Crakentorp, dominando da par suo la scena del ricevimento del secondo atto eseguendo con grande presenza scenica e presa sul pubblico una canzone degli anni '50 “Arrivano i nostri” musica di Antonio Fragna. Va rimarcato che lo spartito originale è stato generosamente donato dal collezionista privato Massimo Frioni alla Fondazione Teatro La Fenice..

E' godibilissimo e permeato di esilerante comicità tutta francais, Guillame Andrieux che veste i panni di Hortensius, come davvero ragguardevoli ed incisivi sono gli interventi di Mathia Neglia (Un paysan), Matteo Ferrara (un caporal) e Federico Vazzola (un notaire).

La fille du regiment - Venezia 2022

Il direttore d'orchestra Stefano Ranzani/strong> sembra danzare con maestria nel suo gesto sicuro ed avvolgente, tra le funamboliche e vivaci note della partitura donizettiana, imprimendo un ritmo travolgente e rapinoso nelle parti deputate o diversamente colorando di delicati pianissimi e suggestive atmosfere le parti più intime dell'azione, ben seguito dall'Orchestra del Teatro La Fenice che regala il suo suono unico, personale e mai banale. Di rilievo gli interventi del primo oboe nell'aria "Il faut partir" e del primo violoncello da brivido nell'introduzione di “Por me rapprocher a Marie”.

Il Coro del Teatro La Fenice, diretto dal Maestro Alfonso Caiani,, qui impegnato soprattutto nelle sue sezioni maschili (Le regiment appunto), ha saputo divertire divertendosi, sempre con estrema professionalità e bellezza di suono.

La fille du regiment - Venezia 2022

E' degna di menzione, nella proiezione durante l'Ouverture, un'intensa e commovente Daniela Foà, attrice veneziana, che sullo schermo interpretava con splendida plastica facciale, una Marie molto anziana e nostalgica.

E' stato uno spettacolo memorabile, che ha visto il numeroso pubblico presente in delirio, premiando alla fine tutti gli artisti con innumerevoli chiamate al proscenio.

LA FILLE DU REGIMENTbr>Libretto di Jean-Francois-Alfred Bayard e Jules-Henri Vernoy de Saint-Georges
Musica di Gaetano Donizetti


Personaggi ed interpreti
La Marquise de Berkenfield: Natasha Petrinsky
Sulpice, sergent: Armando Noguera
Tonio, jeune Tirolyen: John Osborn
Marie, jeune vivandière: Maria Grazia Schiavo
La Duchesse de Crakentorp: Marisa Laurito
Hortensius: Guillame Andrieux
Un Paysan: Mathia Neglia
Un Caporal: Matteo Ferrara
Un notaire: Federico Vazzola

Maestro concertatore e direttore: Stefano Ranzani
Regia, scene e costumi: BARBE & DOUCET
Light designer: Guy Simard
Orchestra e Coro del Teatro La Fenice
Maestro del coro: Alfonso Caiani
Foto: Michele Crosera

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Recensioni Teatri Opere Liriche
recensioni

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/2/22 23:20
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok