√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Recensione opera Anna Bolena di Donizetti Teatro Massimo di Palermo

Gigi Scalici, 05/05/2008

In breve:
Teatro Massimo di Palermo
Gaetano Donizetti

ANNA BOLENA
Recensione della rappresentazione del 13 aprile 2008


(Clicca sulle immagini per allargarle - Foto tratte dal sito del Teatro Massimo di Palermo)

Erano da poco scoccate le 17.30, solito e puntuale orario d'inizio del turno domenicale ed ancora la fossa orchestrale era deserta, si sentiva soltanto la prova di un violino.
Non appena la solita voce anonima ai microfoni del teatro annunciava che la rappresentazione avrebbe avuto luogo con la mancanza di alcuni movimenti scenici, a causa di un'improvvisa agitazione sindacale di taluni attrezzisti, scoppiava un clamoroso corale dissenso da parte del pubblico, mentre gli orchestrali prendevano posto e sino alle prima battute della sinfonia che il Direttore ha dovuto chiudere per l'insopportabile chiasso.
Soltanto a seguito dell'intervento rassicurante di un dirigente del teatro presentatosi in sala, che assicurava che lo spettacolo sarebbe stato completo, eccetto le riduzioni anzidette e calmatesi le ire, è stato possibile iniziare con ben quaranta minuti di ritardo.

Reazioni del genere, talvolta sproporzionate e forse strumentali (si verificavano anche nell'ottocento e certamente non per motivi sindacali) sono ormai ricorrenti in tutti i teatri e gli spettatori sono stanchi di assistere ad allestimenti ridotti e ad orchestre dimezzate e qualche volta anche a rappresentazioni in forma di concerto e basta un nonnulla per causare un'esplosione di proteste, come in quest'importante replica (alla prima, di giorno 9 era andato tutto bene; invece per “La carriera di un libertino” di Stravinskij erano saltate sia la prima, sia alcune repliche).
Per fortuna vince sempre la buona musica e nonostante tutto lo spettacolo è andato bene, salvo l'evidente nervosismo iniziale dei musicisti.

Un Cast di primordine: Mariella Devia-Anna Bolena; Giacomo Prestia-Re Enrico VIII; Laura Polverelli-Giovanna di Seymour.
Direzione d'orchestra del Maestro Marco Guidarini.

Sin dall'inizio dell'ouverture si evince l'ottima concertazione del giovane Direttore Guidarini molto noto anche all'estero, curata nei particolari, con ritmi e tempi adeguati e dai bellissimi colori strumentali, in un'esecuzione d'ampio spessore drammatico e contemporaneamente melodica, che richiama righi musicali di lavori precedenti di Donizetti e che sembra possedere in pectore il capolavoro di Lucia di Lammermoor. I duetti, i terzetti, i quartetti ed i numerosi ampi concertati costituiscono tante belle pagine musicali che caratterizzano un lavoro che è stato senz'altro un punto di svolta tra l'opera tradizionale e quella ampiamente espressiva degli stati d'animo dei personaggi, in particolare per la sofferenza interiore di Anna Bolena.

Mariella Devia nei panni di Annal Bolena al Teatro Massimo di PalermoMariella Devia, affermatissima belcantista internazionale, specializzata nei ruoli belliniani e donizettiani sin dal debutto negli anni settanta, indimenticabile Lucia di Lammermoor di qualche anno fa a Palermo ed ottima Maria Stuarda recentemente alla Scala, spesso anche interprete verdiana (di gran successo la sua ultima Violetta Valery ad Ancona) ha risolto il personaggio con la sua distinta nobiltà di canto e di interpretazione scenica.
Una regina triste e dimessa sin dal primo atto, cosciente del tradimento del re, ma orgogliosa ed energica nello stesso tempo, sino all'ultimo momento. I
l suo canto si distingue per l'armonia, per l'uniformità dei filati e per l'agilità, senza mai forzare gli acuti, eseguiti con estrema sicurezza e limpidezza come previsti dalla partitura. Certamente il volume della voce col tempo si è ridotto un po', soprattutto nella regione medio-grave, ma nell'estensione verso la zona alta possiede ancora bellissimi colori e gran tenuta dei fiati; le ultime due arie sono state da manuale.

Laura Polverelli al Teatro Massimo di PalermoNei duetti con Giovanna di Seymour, ancella e corretta rivale di Anna, si sentiva prevalere l'intensità vocale mezzosopranile di Laura Polverelli, che calca le scene dagli anni novanta con buon successo nei teatri europei, in un vasto repertorio che comprende H├Ąndel, Mozart, Rossini, Bellini, Donizetti, Bizet. Un bel registro vocale il suo, ben esteso in particolare nella tessitura più alta; di ampio volume, di chiaro e sicuro fraseggio, forse con tecnica da affinare un tantino, ma di gran personalità e di sicura disinvoltura interpretativa. Buono l'affiatamento con la signora Devia, derivante da altre recite in diversi teatri.

Determinante tra le due rivali l'Enrico VIII di Giacomo Prestia. Anche lui noto cantante esordito negli anni novanta, ormai di fama internazionale ed esperto dei ruoli verdiani, apprezzatissimo Filippo II nel “Don Carlo” del 2003 a Palermo, con Renato Bruson e Giovanna Casolla e con la direzione di Renato Palumbo. Bel timbro dall'ampio volume esteso di basso, che predominava anche sui concertati più intensi, dalla chiara dizione e d'altrettanta sicurezza vocale interpretativa; un po' impacciato nei movimenti a causa dei sontuosi e voluminosi costumi, è stato in ogni caso all'altezza del personaggio; purtroppo l'opera per lui non prevede alcuna aria solista.

Annal Bolena al Teatro Massimo di PalermoPeccato non potersi chiudere un quartetto che sarebbe stato perfetto, se la parte di Riccardo Percy, precedente amante della regina, fosse stata affidata ad altro tenore. In effetti, inizialmente nel cartellone era previsto Stefano Secco che conosciamo tutti per le sue doti di tenore lirico, ma la sua sostituzione con Fernando Portari non è sembrata adeguata. Il giovane tenore ha cantato con tanta generosità senza risparmiare il volume ed il gran fiato di cui è dotato, ma il suo stile non è omogeneo ed in definitiva non è ancora maturo per i ruoli di lirico-leggero cui dovrebbe appartenere.

Tra i comprimari infine si sono distinti particolarmente Ugo Guagliardo, giovane e molto promettente basso nel ruolo di Lord Rochefort, fratello di Anna e Manuela Custer nei panni di Smeton, paggio della regina.
Molto apprezzato e ben diretto il coro dal Maestro Miguel Fab├şan Mart├şnez, anche se non previsto al gran completo, costituito prevalentemente da sezioni separate di voci maschili e femminili, nelle rispettive parti del Consiglio dei Pari e delle ancelle della regina.

Per quanto concerne l'allestimento, proveniente da Verona e Trieste, si è rimasti favorevolmente impressionati, dopo il particolarmente trasgressivo “Rigoletto” del 2001 con la stessa regia di Graham Vick. Questa volta, pur restando nella visione moderna e minimalista della rappresentazione, la regia è stata piuttosto sapiente. I personaggi si muovevano prevalentemente su due piani metallici incrociati e sovrapposti che sarebbero dovuti essere mobili se non ci fosse stata la suddetta astensione degli attrezzisti; bellissimi i costumi di Paul Brown, un po' troppo voluminosi soprattutto per il re, come si è già detto.

Sarebbe stato veramente un peccato se si fosse perduto uno spettacolo di questo livello.
Lo stesso pubblico che aveva tanto protestato all'inizio, si è complimentato a scena aperta ed al termine della rappresentazione, con tutti gli artisti ed in particolare, ovviamente, con la signora Devia.

A cura di Gigi Scalici

Vai alla pagina dedicata al Teatro Massimo di Palermo

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Recensioni Teatri Opere Liriche
recensioni

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/7/16 17:14
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok