√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

L‘arte dell'apprendimento del canto lirico

Daniela Favi Borgognoni, 21/05/2008

In breve:
Abbiamo pensato di fare cosa a tutti gradita, nel riproporre un'intervista, che nulla ha da invidiare ad una lezione di canto, della Sig.ra Mirella Freni che, dopo aver calcato con enorme successo i palcoscenici di tutto il mondo, elargisce la sua Arte e la profonda esperienza ad assetati studenti desiderosi di apprendere tutti i “segreti” di questa grande disciplina.


Ormai sappiamo che i nostri lettori sono sempre alla ricerca di consigli, pareri… verità.
Così abbiamo pensato di fare cosa a tutti gradita, nel riproporre un'intervista, che nulla ha da invidiare ad una lezione di canto, della Sig.ra Mirella Freni che, dopo aver calcato con enorme successo i palcoscenici di tutto il mondo, elargisce la sua Arte e la profonda esperienza ad assetati studenti desiderosi di apprendere tutti i “segreti” di questa grande disciplina.

DA UN' INTERVISTA A MIRELLA FRENI realizzata da Giuseppe Gherpelli in occasione del 35º di carriera della Sig.ra Freni in un evento dal titolo "Mirella Freni- trentacinque anni di teatro" prodotto dal teatro comunale città di Modena.

Cantare è difficile?

Mirella Freni in Manon Lescaut "Bisogna essere severissimi nell'insegnare canto: esattamente come bisognerebbe essere anche più severi con se stessi quando si impara a cantare, perché con l'inganno non si costruisce mai niente, e men che meno in questa professione.

Io mi son sempre detta “se fai fatica in certe zone, vuol certo dire che è difficile, ma soprattutto vuol dire che c'è qualcosa che non va, quindi che devi cercare di trovare il modo di renderlo facile”. E il modo c'è sempre: non c'è niente di impossibile ci vuol solo pazienza, studio e onestà con se stessi, senza dar la colpa a cose che non c'entrano o non esistono, ma solo a deficienze tecniche personali… o spingi troppo, o ti gonfi troppo o non trovi l'appoggio giusto.

E allora continuare a studiare perché se è fondamentale avere la voce giusta per un certo ruolo, è anche più fondamentale avere la tecnica giusta: cosa che vale per tutti i ruoli.

E' dalla tecnica che nasce il timbro, il colore: che permette alla voce la sua giusta proiezione, che impedisce alle corde vocali di logorarsi e alla voce di strozzarsi.

Così non bisogna mai ostacolare la propria voce, mai forzarla, ma solo seguirla nella sua naturale evoluzione.

Insegnare e far capire tutto questo, non è per niente facile, anche se sarebbe la cosa più importante, quella che salverebbe tante e tante carriere promettentissime che sfumano nel niente.

Quando ho cominciato, da buon lirico, non avrei mai immaginato di arrivare a certi ruoli e mi sono ben guardata dal cantarli.
Solo molto tempo dopo, con la maturità non solo mentale ma soprattutto vocale, certe parti ho potuto affrontarle senza grandi problemi."

Non ci resta che augurare a tutti i nostri lettori... Buono Studio!!!!
 

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Interviste a Cantanti Lirici e Direttori d'Orchestra
esperto di musica lirica

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/5/16 03:22
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok