√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

>> Il ritorno del tenore Pietro Ballo

Antonio Guida, 01/07/2008

In breve:

Quel giorno nella cava di pietre qualcosa gli suggerì di abbandonare per sempre quel faticoso lavoro e dedicarsi alla cura di quella meravigliosa voce che madre natura gli aveva donato. I primi studi con il celebre soprano Gina Cigna in quei lontani anni '70, e il passo ad una fulminante carriera fu breve.
Stiamo parlando del tenore Pietro Ballo, ovvero uno dei più grandi esponenti italiani del repertorio lirico e belcantistico tra gli anni '80 e '90.


Quel giorno nella cava di pietre qualcosa gli suggerì di abbandonare per sempre quel faticoso lavoro e dedicarsi alla cura di quella meravigliosa voce che madre natura gli aveva donato. I primi studi con il celebre soprano Gina Cigna in quei lontani anni '70, e il passo ad una fulminante carriera fu breve.
Pietro Ballo - Tenore Stiamo parlando del tenore Pietro Ballo, ovvero uno dei più grandi esponenti italiani del repertorio lirico e belcantistico tra gli anni '80 e '90.
Uomo bellissimo e simpaticissimo, sempre sorridente davanti alle sue platee, ha acquisito presto una forte notorietà non solo per la lucentezza del suo smalto vocale e la professionalità con la quale esercitava la sua arte, ma anche (soprattutto dalle donne) per il suo distinto fascino che tutt'oggi fa piena breccia nei cuori femminili.

Purtroppo, come regola che si rispetti che “la vita di nessun artista è immune dai periodi neri”, anche per all'artista palermitano, causa problemi di salute che a giudizio medico sembravano lasciarlo senza speranze, nel 2000 arrivò un tremendo stop alla carriera; ma la voglia di esprimersi e le innate doti di comunicatore d'arte che gli hanno riconosciuto i suoi allievi (e non solo), lo hanno reso protagonista dello spettacolo d'opera anche quando non lo è stato più.

Chissà chi ha inventato il detto “C'è sempre una seconda volta”, e buona sorte che lo ha baciato (lui e il suo pubblico), ultimamente ha annunciato al giornale di Sicilia la notizia che centinaia di persone da anni attendevano: “È di recente la notizia del mio ritorno artistico che grazie alla Rai, che ne ha dato ampia divulgazione in occasione del concerto di chiusura della fiera del Mediterraneo di Palermo accompagnato dalla giovane orchestra “ Philarmonia” e diretta dal Maestro Giuseppe Messina , tutti i miei fans e tutto il pubblico siciliano hanno appreso e hanno manifestato tutto il loro entusiasmo tempestandomi di telefonate e di mail!” Ha dichiarato personalmente il tenore.

Non ultimo quindi, nel mese di Luglio sarà protagonista in un concerto lirico vocale con orchestra che avrà per titolo “ Pietro Ballo and friends” insieme ai suoi solisti dell'Accademia Lirica del Mediterraneo presso l'Ente Luglio Musicale Trapanese.
Sempre con i suoi solisti dell'Accademia durante l'estate sarà in tour per la Sicilia accompagnati dall'orchestra di Kiev e diretti dal Maestro Francesco Ledda.
Il Giornale di Sicilia, e tutta l'Italia della lirica che ama questo grande artista dell'opera, gli danno il bentornato facendogli i migliori auguri, contenti come non mai, di aver recuperato uno dei pochi artisti dalle sensazionali virtù; perché quando il fascino e la simpatia si coniugano con l'arte e al professionalità, non molti possono permettersi di rispondere presente: Pietro Ballo è l'eccezione che conferma la regola.

ANTONIO GUIDA INTERVISTA IL TENORE PIETRO BALLO

Dopo la meravigliosa notizia del suo ritorno sul palcoscenico, qualche domanda al tenore palermitano in merito ai suoi inizi e perché no, anche qualche consiglio sui giovani cantanti.

1) Lei ha iniziato gli studi con il celebre soprano Gina Cigna. Come si ricorda quei tempi? E cosa ci racconta di questa pietra miliare della lirica di un tempo?
Mi ricordo con nostalgia i tempi con la Signora Gina Cigna, quei tempi che non si vivono più, oggi le persone che sanno e insegnano sono molto poche. Ricordo Gina Cigna con ammirazione per il suo passato e per ciò che mi ha insegnato, i suoi trascorsi di cantante e le sue litigate con Lauri Volpi.

2) La sua carriera ebbe così inizio con ruoli da tenore lirico leggero. Lei crede che sarebbe continuata in questo senso oppure ci sarebbero state delle significative modifiche di repertorio?
Cominciai da tenore leggero, ma per il semplice motivo che la voce era poco sviluppata di armonici, pur mantenendo il colore da lirico, col tempo e l'esercizio vocale la voce prende corpo e spessore.

3) Un cantante uomo deve studiare con un docente uomo o donna? Oppure a parer suo il sesso è irrilevante?
Per quanto riguarda l'insegnamento sui cantanti, la tecnica è uguale per tutti, ci sarebbe da sottolineare che un uomo trova delle similitudini con una voce di ugual sesso, ma non credo che cambi l'insegnamento del canto da uomo a donna.

4) Quanto è importante il conservatorio per un aspirante cantante lirico?
Non credo sia necessario passare attraverso il conservatorio per cantare nei teatri, io ho studiato da privato sia canto che musica, ed ho fatto carriera.

5) In base all'esperienza raccolta in tanti anni di carriera , Secondo lei qual è il ruolo più difficile da cantare?
Tutti i ruoli e tutte le parti da interpretare , se non studiati bene, hanno dietro l'angolo l'errore e la brutta figura.

6) Quale è stato il momento più brutto della sua carriera?
Nel 2000, quando per colpa di un'ernia iatale con reflusso gastrico, ho dovuto smettere di cantare, ma oggi per fortuna ho ripreso il mio lavoro.

7) Se potesse tornare indietro cosa non farebbe?
Non ho nulla che mi possa rimproverare d'aver fatto durante la mia carriera.

8) Secondo Pietro Ballo quali sono i tre requisiti principali che deve assolutamente possedere un aspirante cantante lirico?
I requisiti per un aspirante cantante lirico sono: il talento, la musicalità e per ultimo la voce.

9) Se un cantante lirico appena avviato alla carriera sta decidendo di sposarsi o meno, lei cosa gli consiglierebbe?
Ad un cantante lirico appena avviato alla carriera che decide di sposarsi gli posso augurare la stessa fortuna che ho avuto io (una donna intelligente e che sappia mettersi da parte per dare spazio all'altra protagonista, l'arte).

10) Se dovesse elencare un solo motivo per il quale non varrebbe la pena esercitare tale professione, quale sarebbe questo motivo?
Non posso elencare nessun motivo, questa professione o la si ama profondamente o meglio cercare altre professioni.

11) …e il motivo opposto?
Il motivo opposto per mio conto sta nell'avere tirato fuori dalla mia interiorità tutte le emozioni che ho ricevuto interpretando ruoli operistici e soprattutto il riconoscimento del pubblico verso la mia arte.

12) Verdi o Puccini…o chi altro?
Donizetti (mi ha insegnato a cantare con l'anima).

13) Quindi l'opera preferita?
Bohème.

14) a quale artista lirico si è da sempre ispirato?
Beniamino Gigli è stata sempre la luce che ha illuminato il mio sentiero artistico.

15) Cosa vuol dire svolgere la professione di artista lirico professionista?
Essere un privilegiato in tutti i sensi, sia artistici che finanziari.

16) Cosa si prova prima di entrare in scena?
Indescrivibile, cercherò di avvicinarmi alla sua domanda dicendole che si apre una porta verso il divino e che dal momento in cui si è entrato in scena si abbandona l'uomo per dare spazio ad un personaggio sempre diverso.

17) Secondo lei come si domina l'ansia da prestazione?
Studiando il personaggio, l'interpretazione , il canto e non rimare mai contento.

18) Quali sono le paure più frequenti di un artista lirico durante la sua carriera?
Prima di un debutto importante è la sfortuna che un giorno possa accadere qualcosa alla tua voce.

19) Quali sono i pregi e i difetti per chi svolge tale professione?
Tanti pregi, tante soddisfazioni, l'essere considerato un baciato da Dio e purtroppo il difetto di non accorgerti di quanto ti allontani dalla realtà terrena.

20) Un consiglio ai giovani studenti di canto.
Attenti ai maestri di canto e al repertorio da interpretare, questo è il consiglio che do ai giovani studenti.

21) Qual è il sogno di Pietro Ballo?
Caro Antonio la domanda finale forse è la più azzeccata al momento attuale. Otto anni fa le avrei risposto, creare un'Accademia Lirica nella mia città per i giovani, oggi, riprendere il cammino che diversi anni fa ho lasciato,”tornare a cantare”.

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Interviste a Cantanti Lirici e Direttori d'Orchestra
curiosita

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/11/16 05:07
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok