√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Recensione Opera «Lucia di Lammermoor» Teatro Maggio Fiorentino

Silvia Cosentino, 14/02/2009

In breve:
Dopo il successo di L'Elisir d'amore, il Maggio Musicale Fiorentino propone Lucia di Lammermoor, altro capolavoro di Gaetano Donizetti: dal 30 gennaio al 5 febbraio, il Teatro Comunale ospita la regia di Graham Vick, datata 1996 e ripresa da Marina Bianchi.


La visione di Paul Brown (autore anche dei costumi), precipita l'azione in uno spazio delimitato da un'enorme cornice blu elettrico, al cui interno un sistema di pareti grigio piombo a scorrimento verticale e orizzontale crea, di volta in volta, differenti ambientazioni.

Recensione de Lucia di Lammermoor di Gaetano Donizetti in scena al Teatro Maggio Musicale Fiorentino Ecco quindi apparire interni giocati prevalentemente sul proscenio e sezionati in modo asimmetrico: perlopiù in penombra, vengono illuminati dalla luce proveniente dagli spiragli aperti sul secondo piano, a rappresentare una brughiera nuda e tenebrosa. Vegetazione brulla, uno spoglio albero piegato dal vento e un gigante plenilunio sono i soli elementi che popolano il mondo già alienato di Lucia, tragica vittima della rivalità tra gli Asthon e i Ravenswood.
La scena risulta frammentata e sgraziata, la fluidità dell'azione in parte compromessa: i frequenti spostamenti delle pareti e della fastidiosa sfera lunare (espressione dell'interiorità di Lucia?) non mancano, infatti, di distrarre lo spettatore, creando porzioni di palco in cui i personaggi si muovono, loro malgrado, con impaccio.

Recensione de Lucia di Lammermoor di Gaetano Donizetti in scena al Teatro Maggio Musicale FiorentinoQuesto spazio muto e monocorde mal si accorda con la complessità musicale dell'opera intera e, soprattutto della parte di Lucia, interpretata da Eglise Gutiérrez: dotata di timbro corposo e sicuro nei passaggi tonali, altrettanto cristallino nei virtuosismi, il bel soprano restituisce la delicatezza e la forza della protagonista. Vestita di bianco con motivi floreali rosa, la sua performance colpisce da subito per grazia e disinvoltura, fino allo straziante climax della pazzia: brughiera e abito si tingono di rosso sangue, Guetiérrez offre al pubblico un delirio dai movimenti scomposti, melodie e recitativi frammentati, che culmina nell'ipnotico dialogo tra voce e flauto, espressione dell'insana evasione mentale della donna. Al suo fianco, il mezzosoprano Antonella Trevisan fa di Alisa un'empatica Cassandra depositaria delle confidenze di Lucia.

Recensione de Lucia di Lammermoor di Gaetano Donizetti in scena al Teatro Maggio Musicale FiorentinoLe scelte del Maestro Stefano Ranzani, sul podio dell'Orchestra del Maggio, attento a sottolineare gli elementi leggeri della partitura, e il dinamismo del Coro, diretto da Piero Monti, contribuiscono a uscire dalla staticità creata dalla scenografia: i momenti d'insieme risultano coinvolgenti, malgrado qualche incertezza di coordinazione tra cantanti e orchestra nel famoso Sestetto che conclude la prima parte.

Recensione de Lucia di Lammermoor di Gaetano Donizetti in scena al Teatro Maggio Musicale FiorentinoI costumi richiamano la tradizione scozzese, con base blu per gli Asthon e rossa per i Ravenswood: allo stesso modo, la sciarpa rossa di Edgardo è protagonista del duetto d'amore, in opposizione a quella blu indossata da Lucia. Il tenore Stefano Secco interpreta con vigore la figura dell'eroe romantico, irruento nella rivendicazione della vendetta e dell'amore; inizialmente incerta nelle scale ascendenti, la sua performance canora acquisisce maggior sicurezza nella seconda parte, per culminare nell'appassionata esecuzione dell'aria finale.

Recensione de Lucia di Lammermoor di Gaetano Donizetti in scena al Teatro Maggio Musicale FiorentinoA destabilizzare il rapporto tra i due amanti, l'interessante timbro baritonale di Alberto Gazale, nei panni del dispotico Enrico; il basso Giovanni Battista Parodi (Raimondo), i tenori Saverio Fiore (Arturo) ed Enrico Cossutta (Normanno) vanno a completare un cast affiatato, centrato sia nei ruoli principali sia nei secondari.

Recensione de Lucia di Lammermoor di Gaetano Donizetti in scena al Teatro Maggio Musicale FiorentinoLa funzionalità dei versi di Cammarano e la perfezione compositiva di Donizetti, unita alla puntuale interpretazione dei cantanti, proietta lo spettatore in una dimensione lontana dalle costrizioni in cui la scenografia tende a impacchettare il dramma: le pareti scorrevoli, i riquadri e le sezioni vengono abbattuti dalla potenza della musica, sia nella straziante leggerezza del duetto d'amore e del delirio sia nei toni gravi della tragedia.

Recensione de Lucia di Lammermoor di Gaetano Donizetti in scena al Teatro Maggio Musicale Fiorentino Recensione de Lucia di Lammermoor di Gaetano Donizetti in scena al Teatro Maggio Musicale Fiorentino

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Recensioni Teatri Opere Liriche
recensioni

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/2/16 18:52
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok