√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

» Recensione Opera Carmen di Bizet al Teatro Comunale di Piacenza

William Fratti, 15/02/2009

In breve:
Al Teatro Comunale di Piacenza è andata in scena nei giorni scorsi la Carmen di Georges Bizet.


Una coproduzione tra il Teatro Comunale di Modena, il Teatro Municipale di Piacenza, il Teatro Comunale di Ferrara e il Teatro Alighieri di Ravenna riporta sulle scene emiliano romagnole l'allestimento di Carmen di Georges Bizet prodotto per il Ravenna Festival 2000 da Micha van Hoecke.

Il regista e coreografo belga mette in scena uno spettacolo suggestivo dove i veri protagonisti sono i ballerini del suo Ensemble, di cui ci sembra doveroso citare ogni singolo nome: Michela Caccavale, Rosa Cariulo, Viola Cecchini, Marzia Falcon, Veronica Lombardi, Miki Matsuse, Irene Russolillo, Erica Tamagnini, Yoko Wakabayashi, Antonio Aguila Carralero, Mauro Ferilli, Michele Simone Francesco, Ivan Gessaroli, Illya Kun, Alessandro Pucci, Raffaele Sicignano, Ciro Romeo.

Ognuna delle note dell'opera è coreografata, dal preludio al tragico finale, compresi alcuni momenti di silenzio, con l'eleganza e la raffinatezza dello stile contemporaneo, che vede le sue radici nella danza classica, ma non si ferma ai tradizionalismi del “balletto”. La concezione geniale di Micha van Hoecke è quella di dipingere l'intera vicenda attraverso il movimento, raccontando la storia nel dispiegare la musica con il ballo, dove i cantanti diventano personaggi di una sola grande coreografia.

Le scene di Nicola Rubertelli sono semplici ma funzionali, dotate di un solo impianto che cambia volto con l'aiuto di tavoli, sedie, tappeti, ma soprattutto con le bellissime luci di Daniele Naldi, particolarmente commoventi nella lunga scena della lettura delle carte. I costumi di Alessandro Lai sono forse troppo dissimili tra loro, apparentemente creati per dare risalto ai protagonisti sempre colorati o lucenti, in contrasto con il grigiore del coro e dei comprimari.

Julia Gestseva nei panni di Carmen al Teatro Comunale di PiacenzaJulia Gertseva è artista di alto livello, con una voce di un bel timbro scuro, chiaramente a suo agio tanto nel registro grave, quanto nel registro acuto, musicale e ben centrata nella parte, ma resta priva dell'ardente passione latina e la sua interpretazione fredda non colpisce particolarmente il pubblico piacentino, che non si lascia mai andare a scroscianti applausi. I consensi che seguono la Habanera e la Séguedille sono più amareggiati che critici.

Rubens Pellizzari, già presente più volte sul palcoscenico del Municipale di Piacenza, si conferma essere interprete carico di calore, intensità ed espressività, con una bella voce calda, squillante e ben salda. Unico neo è la mancanza di eleganza, propria del repertorio francese e l'eccessiva passionalità vocale non lo fa apparire particolarmente adatto al ruolo, non trovando il giusto equilibrio tra la finezza e la classe che occorrono nel canto e il trasporto e il sentimento che caratterizzano Don José.

Decisamente in linea col personaggio è l'interpretazione di Francesca Sassu, che dipinge una Micaela dolce e sensibile, ma allo stesso tempo convinta e sicura nelle sue azioni. La bella voce del soprano sassarese incanta gli spettatori fin dall'inizio dell'opera, già dalle prime battute, ma soprattutto con “Et tu lui diras que sa mère” nel duetto con Don José ed in terzo atto con l'aria “Je dis que rien m'épouvante”, strappando lunghi applausi.

Dario Solari è un Escamillo particolarmente convincente, anche se la sortita, per scelte di regia, non gli rende particolarmente giustizia sotto il profilo drammaturgico. Forse manca di intensità nel registro grave in “Toréador en garde” ma nel finale di terzo atto riesce a dare sfoggio a tutte le qualità della sua bella voce scura e baritonale.

Katarina Nikolic affianca i protagonisti con professionalità e lascia udire le sue doti vocali pur ricoprendo il piccolo ruolo di Mercedes, mentre Paola Santucci, nella parte di Frasquita, è spesso coperta dall'orchestra, dal coro e dagli altri interpreti, anche negli acuti.

Julia Gestseva nei panni di Carmen e Rubens Pellizzari nei panni di Don Josè in Carmen al Teatro Comunale di PiacenzaCompletano il cast della recita di domenica 1 febbraio 2009 Gabriele Nani, Roberto Carli, Ziyan Atfeh e Alessandro Battiato, diretti dall'abile bacchetta di Juraj Valcuha alla guida dell'Orchestra Regionale dell'Emilia-Romagna. Il direttore trentaduenne dimostra di avere un bel gesto e una buona attenzione al palcoscenico, contribuendo in prima persona alla resa dello spettacolo.

Il Coro Lirico Amadeus della Fondazione Teatro Comunale di Modena è guidato da Stefano Colò, mentre il Coro di Voci Bianche è preparato da Melitta Lintner.
 

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Recensioni Teatri Opere Liriche
recensioni

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/11/16 05:07
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok