√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Petite Messe Solennelle alle Grazie di Mantova

Redazione Liricamente, 12/08/2009

In breve:
Domenica 16 agosto 2009 alle ore 21,00 nella splendida e suggestiva Basilica Santuario della Beata Vergine delle Grazie a Mantova, in occasione dei festeggiamenti della Festa dell'Assunta, saranno saranno proposti due capolavori sacri del panorama musicale sette-ottocentesco.


Domenica 16 agosto 2009 alle ore 21,00 nella splendida e suggestiva Basilica Santuario della Beata Vergine delle Grazie a Mantova, in occasione dei festeggiamenti della Festa dell'Assunta, saranno saranno proposti due capolavori sacri del panorama musicale sette-ottocentesco.

Il CORO OPERA HOUSE e l'ORCHESTRA TEATRO VERDI di┬á BUSCOLDO saranno impegnati nell'esecuzione del┬á mottetto Exsultate Jubilate K 165 di W.A. Mozart per soprano ed orchestra la Petite Messe Solennelle di Gioachino Rossini per soli, coro e orchestra. I solisti coinvolti saranno il soprano Gabriella Locatelli Serio che eseguirà il mottetto del genio salisburghese, mentre il soprano Rim Sae Kiung, il contralto Grazia Gira, il tenore Giorgio Trucco e il basso Antonio Marani saranno le voci soliste del capolavoro rossiniano. L'ensemble sarà diretto dal maestro direttore e concertatore Daniele Anselmi.

Rossini abbandonò la composizione di opere liriche dopo il successo ottenuto con la sua ultima composizione per il teatro, il Guglielmo Tell (1829). Da allora, quando aveva trentasette anni, si dedicò ugualmente alla composizione dedicandosi però alla musica da camera e sacra senza pubblicare alcun lavoro eppur lasciando capolavori specialmente in ambito sacro.
Di questi, due sono considerati tra i migliori capolavori della musica del XIX secolo: lo Stabat Mater, composto nel 1841, e la Petite Messe Solennelle, composta nel 1863, cinque anni prima della sua morte ed ultimo peccato di vecchiaia, come il compositore amava definire i suoi lavori di età senile.Capolavoro nuovo, quasi azzardato per anni in cui imperava il romanticismo, con la sua melodia, che solo in seguito sarà valutata come capolavoro rossiniano: esso anticipa i tempi della musica moderna dando nuovi indirizzi estetici e forme avveniristiche che si svilupperanno ben oltre la metà dell'Ottocento per giungere agli inizi del Novecento.

La Petite messe solennelle fu scritta per dodici cantanti, di cui quattro solisti, due pianoforti e un armonium. Rossini la volle anche orchestrare, nel 1867, sia perché spinto da più parti ma, soprattutto, ritenendo che se l'orchestrazione fosse stata fatta da qualcun altro musicista dopo la sua morte, l'opera non avrebbe avuto quella caratteristica per cui la scrisse. Al riguardo, sulla partitura tenne a precisare:
Petite messe solennelle”, a quattro parti, con accompagnamento di due pianoforti, e di un armonium. Composta per la mia villeggiatura di Passy (nota: località presso Parigi). Dodici cantori di tre sessi, uomini, donne e castrati, saranno sufficienti per la sua esecuzione. Cioè otto per il coro, quattro per il solo, in totale di dodici cherubini: Dio mi perdoni l'accostamento che segue. Dodici sono anche gli Apostoli nel celebre affresco di Leonardo detto La Cena, chi lo crederebbe! Fra i tuoi discepoli ce ne sono alcuni che prendono delle note false! Signore, rassicurati, prometto che non ci saranno Giuda alla mia Cena e che i miei canteranno giusto e con amore le tue lodi e questa piccola composizione che è, purtroppo, l'ultimo peccato della mia vecchiaia.

Dopo che il lavoro fu terminato, si peritava di scrivere ancora: “Buon Dio, eccola terminata questa povera Messa. Ho fatto della musica sacra o della musica maledetta. Ero nato per l'opera buffa, io lo sai bene! Poca scienza, un po' di cuore, tutto qui. Sia Tu dunque benedetto e concedimi il Paradiso.

Ecco dunque che la Petite Messe può essere considerata il testamento spirituale di Rossini, forse già presago della sua prossima morte.

L'esecuzione di quest'opera avvenne il 14 marzo del 1864 presso la cappella di famiglia della contessa Louise Pillet-Will, alla quale fu dedicata, in presenza di solo poche persone e di alcuni critici.
Ottenne grande successo e fu replicata diverse altre volte.

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Ultime Novità ed Eventi di musica e opera lirica
teatro verdi buscoldo

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/4/16 04:53
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok