√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

LA TRAVIATA DI GIUSEPPE VERDI INAUGURA LA STAGIONE DEL CENACOLO

Daniele Rubboli, 16/10/2009

In breve:
Con "La traviata", il popolarissimo capolavoro di Giuseppe Verdi, sabato 17 ottobre alle ore 21 si inaugura la nuova stagione d'opera e operetta del Teatro Cenacolo di Lecco.


Con "La traviata", il popolarissimo capolavoro di Giuseppe Verdi, sabato 17 ottobre alle ore 21 si inaugura la nuova stagione d'opera e operetta del Teatro Cenacolo di Lecco.

Il direttore artistico e regista Daniele Rubboli, per l'occasione, ha voluto in scena due artisti che, dopo aver debuttato nel suo Laboratorio Lirico Europeo di Milano, sono stati subito scritturati dal tetro alla Scala iniziando due splendide carriere internazionali: il soprano Monica Tarone e il tenore Federico Lepre.

La Tarone, fascinosa artista di Cuneo dotata di grande carisma personale, fu chiamata alla Scala direttamente da Riccardo Muti che ancora oggi la coinvolge nei suoi spettacoli non ultimi quelli delle stagioni di Ravenna e Roma.

Da Udine proviene invece il tenore Federico Lepre, recentemente acclamato anche nei teatri del Sud America, uno dei piu' prestigiosi tenori di ultima generazione, affascinante interprete di opere del Romanticismo e tardo-romanticismo. Tra i suoi cavalli di battaglia il "Werther" di Massenet, opera per la quale oggi non ha confronti e che si spera, prima o poi, possa con lui apparire anche sulle scene del Cenacolo.

Con loro, nel ruolo di Papà Germont, l'ottimo baritono di Trento Walter Franceschini, altro artista emergente del panorama italiano che svolge gran parte della sua attuale carriera nei teatri francesi e svizzeri, ma collabora anche volentieri con il Laboratorio di Rubboli con il quale ha festeggiato una lunga serie di debutti.

Nei ruoli minori sono in scena a Lecco alcuni giovani di grande talento come il mezzosoprano di Pavia Isabel De Paoli (Flora) che ricordiamo bravissima nel "Falstaff"; il ventenne soprano milanese Camilla Antonini (Annina) altra realtà che farà a lungo parlare di sè; e ancora Roberto Natale, Giampaolo Vessella, Nicolò Dal ben, Diego Bellini, Paolo Saccaggi.

Come sempre le coreografie sono firmate da Cristina Romano con le artiste di Arte Danza di Lecco, mentre il Coro Mayr di Bergamo è preparato dal Mº Salvo Sgrò che dirige anche l'Orchestra Sinfonica di Lecco. La regia di Daniele Rubboli punterà a sottolineare l'attualità del messaggio che Verdi lanciò con questa sua opera: la vergogna dello sfruttamento della donna approfittando della situazione di miseria in cui tanti giovani possono trovarsi, e il senso di vuoto e solitudine che accompagna Violetta Valery prima di conoscere il vero amore.

L'allestimento scenico, curato da Angelo Cesana e Giuseppe Fumagalli, è del Teatro Cenacolo e i costumi della Casa d'Arte Angaroni&Ciapessoni di Gerenzano. Lo spettacolo sarà replicato domenica 18 ottobre alle ore 15,30.

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Ultime Novità ed Eventi di musica e opera lirica
stagioni liriche

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/4/16 04:55
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok