√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Suor Angelica e Pagliacci al Marrucino di Chieti

Redazione Liricamente, 05/02/2010

In breve:
Venerdì 12 febbraio 2010 alle ore 21.00, Domenica 14 febbraio 2010 alle ore 17.00, Martedì 16 febbraio 2010 alle ore 21.00 saranno in scena Suor Angelica di Giacomo Puccini e Pagliacci di Ruggero Leoncavallo al Teatro Marrucino di Chieti.


Nella storia dell'Opera è frequente incontrare nella stessa serata due titoli insieme, quando la durata complessiva lo consente. Nel caso del dittico messo in scena dal Teatro Marrucino si tratta di due “atti unici” il cui motore generatore comune è la dualità tra amore Sacro (Suor Angelica) e amore Profano (Pagliacci). Il regista, in questa prima rappresentazione della Stagione Lirica, pone in contrapposizione un'opera di stampo assolutamente verista (che classicamente viene proposta con l'altro capolavoro musicale verista Cavalleria rusticana di Mascagni) ad un'altra che già si affaccia nel ÔÇś900 anche se con un argomento molto toccante e religioso.
Il dittico sarà presentato al pubblico in prima esecuzione venerdì 12 febbraio alle ore 21.00 e le due repliche sono previste per domenica 14 febbraio alle ore 17.00 e martedì 16 febbraio alle ore 21.00. Protagonisti l'Orchestra e il Coro del Teatro Marrucino diretti dal Mº Donato Renzetti, gloria abruzzese noto in tutto il mondo e che dalla scorsa stagione collabora con la direzione artistica del Marrucino, con un cast di altissimo livello canoro per la regia di Giulio Ciabatti.
Suor Angelica è un'opera lirica in un atto di Giacomo Puccini, su libretto di Giovacchino Forzano. Fa parte del Trittico (con il Tabarro e Gianni Schicchi). La prima assoluta ebbe luogo il 14 dicembre 1918 al Metropolitan di New York. È tra le poche opere a contenere solo personaggi femminili.

L'azione si svolge verso la fine del XVII secolo, tra le mura di un monastero.
Suor Angelica da sette anni è in un monastero per volontà della sua aristocratica famiglia che l'ha costretta alla clausura per aver avuto un figlio al di fuori del matrimonio. Nonostante la vita di preghiera non può però dimenticare il bambino avuto dall'illecita relazione che fu la causa del suo ritiro dal mondo. Per sette anni ha atteso una visita e grande emozione suscita nella suora la notizia dell'imminente arrivo di sua Zia Principessa. Ma la donna, divenuta amministratrice dei beni di famiglia dopo la morte dei genitori di Angelica, le chiede di firmare un atto di rinuncia al patrimonio, mentre implacabile le annuncia che il suo bambino è morto. Disperata, Angelica decide di suicidarsi ingerendo un veleno distillato con i fiori raccolti nel giardino del convento. In preda al rimorso per il peccato commesso, la suora invoca la Vergine che le appare circondata di luce e accompagnata da una musica celestiale. In segno di perdono la Madonna sospinge un bimbo fra le braccia della morente.

Pagliacci è un'opera lirica di Ruggero Leoncavallo, su libretto del compositore, rappresentata per la prima volta al Teatro dal Verme a Milano, il 21 maggio 1892 con la direzione di Arturo Toscanini.
La rappresentazione inizia a sipario calato, con Tonio che, in costume da Taddeo, si presenta come Prologo, fungendo da portavoce dell'autore ed enunciando i principi informatori e la poetica dell'opera. La compagnia di Canio è giunta in un paesino meridionale, Montalto Uffugo in provincia di Cosenza, per inscenare una commedia. Canio non sospetta che la moglie Nedda lo tradisca con Silvio, un contadino del luogo. Tonio, che ama Nedda ma che è da lei respinto, avvisa Canio del tradimento. Questo scopre i due amanti che si promettono amore, ma Silvio fugge senza che Canio lo veda in volto. Canio vorrebbe scagliarsi contro Nedda, ma arriva uno degli attori a sollecitare l'inizio della commedia perché il pubblico aspetta. Canio non può fare altro, nonostante il suo turbamento, che truccarsi e prepararsi per la commedia (Recitar... Vesti la giubba).

Canio, nel ruolo di Pagliaccio, impersona appunto un marito tradito dalla sposa Colombina. La realtà e la finzione finiscono col confondersi, e Canio, nascondendosi dietro il suo personaggio, riprende il discorso interrotto dalla necessità di dare inizio alla commedia e, sempre recitando, rinfaccia a Nedda la sua ingratitudine e trattandola duramente le dice che il suo amore è ormai mutato in odio per la gelosia. Di fronte al rifiuto di Nedda di dire il nome del suo amante, Canio uccide lei e Silvio accorso per soccorrerla. Tonio e Beppe, inorriditi, non intervengono, ma gli spettatori, comprendendo troppo tardi che ciò che stanno vedendo non è più finzione, cercano invano di fermare Canio, che, a delitto compiuto, esclama beffardo: "la commedia è finita!".

Suor Angelica

Opera in un atto su Libretto di Gioachino Forzano
Musica di Giacomo Puccini
Personaggi Interpreti
Suor Angelica Ana Paula Brunkow Soprano
La Zia Principessa Giovanna Lanza Contralto
La Badessa Gabriella Bosco Mezzosoprano
La Suora Zelatrice Valentina Di Cola Mezzosoprano
La maestra delle novizie Flavia Votino Mezzosoprano
Suor Genoveffa Manuela Kriscak Soprano
Suor Osmina Nara Montefusco
Suor Dolcina Yllka Gerro
La Suora infermiera Sabina Davide
I Conversa/I Cercatrice Francesca Bruni
II Conversa/II Cercatrice Paola Incani
Una Novizia Patrizia Perozzi

Pagliacci

Dramma in un prologo e due atti
Libretto e musica di Ruggero Leoncavallo
Personaggi Interpreti
Nedda (nella commedia Colombina) Paola Antonucci soprano
Canio (nella commedia Pagliaccio) Francesco Anile tenore
Tonio (nella commedia Taddeo) Andrea Zese baritono
Peppe (nella commedia Arlecchino) Gianluca Sorrentino tenore
Silvio Gianpiero Ruggeri baritono
Un Contadino Matteo M.Ferretti baritono
Altro Contadino Giovanni Di Deo tenore

Orchestra e Coro del Teatro Marrucino
Direttore Maestro Concertatore - Donato Renzetti
Regia - Giulio Ciabatti
Maestro del Coro Assistente del Direttore - Christian Starinieri Patrick Murray

Scene - Platòn Bardhi
Costumi - Anna Biagiotti
Luci - Ivano Ursini

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Ultime Novità ed Eventi di musica e opera lirica
teatro marrucino

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/7/16 11:31
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok