√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

FINALMENTE A PISA “CANDIDE”

Maria Valeria Della Mea, 18/03/2010

In breve:
L'opera di Bernstein dalla forte impronta satirica, direttamente mutuata dall'omonimo testo di Voltaire, chiude la Stagione Lirica del Teatro di Pisa sabato e domenica. Frutto del Progetto LTL Opera Studio 2009, “Candide” è diretta da Elio Boncompagni e firmata dal regista polacco Michał Znaniecki.


 

PISA. E' all'insegna del Progetto L.T.L. Opera studio, da ben nove anni cardine e fiore all'occhiello della programmazione dei tre teatri di tradizione della Toscana, che si chiude la Stagione Lirica 2009/2010 del Teatro di Pisa. Dopo i successi già riscossi a Lucca, Ravenna e Livorno, sabato 20 marzo alle ore 20.30 (recita in abbonamento nella 43^ Stagione dei Concerti della Normale) e domenica 21 marzo alle ore 16 va in scena al Teatro Verdi – e per la prima volta nella storia del teatro pisano - il CANDIDE di Leonard Bernstein, nel nuovo allestimento realizzato dal Teatro del Giglio di Lucca (quest'anno capofila del progetto) in coproduzione con il Teatro Goldoni di Livorno, il Teatro di Pisa, il Teatro Alighieri di Ravenna e i teatri polacchi di Poznan, Szczecin e Chorzow. Dirige il MºElio Boncompagni, l'orchestra è l'Orchestra della Toscana. La regia è di Michał Znaniecki, artista tra i più affermati nel panorama internazionale del teatro musicale.

Candide, scritta a metà degli anni '50 del secolo scorso, un anno prima del celeberrimo West side story, poi rivista ed ampliata negli anni '70, porta sulla partitura la dicitura di “operetta comica in due atti”, ma è molto di più, tanto che lo stesso Bernstein, a pochi giorni di distanza dalla prima assoluta (nel novembre del 1956), ebbe a scrivere sul New York Times: «Riguardo a come verrà infine definita – operetta, comic-opera o quant'altro – sarà meglio lasciarlo decidere agli altri. La particolare miscela di stili ed elementi che sono presenti in quest'opera la rendono forse un nuovo tipo di spettacolo. Magari diventerà una nuova forma, non lo so.».

Candide è infatti nel contempo musical, lirica e commedia, sfuggendo a qualsiasi etichetta di genere e riflettendo in pieno la personalità del suo compositore, ed è soprattutto opera dalla forte impronta satirica, direttamente mutuata dalla novella del filosofo illuminista francese Voltaire, che include una profonda riflessione sui mali del mondo, sulle ipocrisie dei poteri, sulla vuotezza delle utopie di società perfette. Non a caso del resto, fu composta da Bernstein in un periodo fortemente segnato, in America, dagli effetti violenti e persecutori del maccartismo.

Candide è l'opera più difficile che abbiamo mai affrontato – dichiara il coordinatore del Progetto Opera Studio Claudio Proietti – forse non lo è sul piano tecnico-musicale, anche se l'impegno e le caratteristiche vocali che richiede a tutti gli interpreti sono assai peculiari. Probabilmente lo è sul piano drammaturgico-teatrale, con il suo pirotecnico impianto che prevede 18 scene e ben 21 cambi di scena”.

Candide è infatti un'opera a numeri chiusi - cioè fatta di scene che hanno un inizio e una fine ben definiti - i quali si susseguono, nel più perfetto stile operetta/musical, in modo quasi indipendente l'uno dall'altro. “E poi Candide è un'opera che, pur avendo tanti personaggi e un coro, non sfiora mai la dimensione corale – prosegue Proietti – A parte l'inizio e il consolatorio finale, in cui i personaggi principali manifestano comunanza di intenzioni ed emozioni, essa inanella iperboliche esperienze individuali in cui essi si avvicinano o si allontano l'uno dall'altro, ma mai si associano in vera condivisione emotiva e dunque musicale”.

Ancora una volta Opera Studio dimostra di essere una fucina di giovani talenti, uno strumento ideale per scoprire, allevare e formare una nuova generazione di cantanti lirici e maestri collaboratori: anche per questa edizione, infatti, è stato svolto un lavoro molto articolato di selezione e formazione che ha visto giovani artisti italiani, polacchi, russi e turchi impegnati in un lungo periodo di preparazione i cui frutti sono ora in scena. Nelle due recite si alterneranno Leonardo Alaimo e Wojciech Sokolnicki (Candide), Aleksandra Kubas e Ewa Majcherczyk (Cunegonde),  Piotr Pluska e Nejat Isik Belen (Pangloss - Martin - Cacambo); Sylwia Zlotkowska e Ozge Kalelioglu (Old Lady),  Nicola Vocaturo e Sylwester Targosz Szalonek (Governor - Vanderdendur - Ragotski); Francesca Salvatorelli e Agnieszka Swierczynska (Paquette); Maciej Bogumil Nerkowski e Giuseppe Di Paola (Maximilian - Captain); Seweryn Ropenga e Alberto Zanetti (Inquisitor - Tzar Ivan); Cezary Roman e Ignazio Nurra (Junkmann - Achemist - Bear keeper - Cosmetic merchant - Croupier - Doctor - Stanislaus); Dmitro Foshchanka e Christian Moschettino (Inquisitor - Charles Edwards - Sultan Achmet - Crook); Mateusz Drab e Michele Pierleoni (Inquisitor - Hermann Augustus). Partecipa, nelle vesti di Voltaire, Tomaso Cavallo, docente di Storia della filosofia moderna presso l'Università di Pisa.

Le scene sono di Luigi Scoglio; i costumi di Kornelia Piskorek, le coreografie di Aline Nari, le luci di Marco Minghetti; Ensemble vocale del Progetto L.T.L. OperaStudio diretto da Marco Bargagna.

Biglietti ancora disponibili (dai 27 agli 11 euro) in vendita al Botteghino del Teatro Verdi e nel circuito greenticket. Sconti per i soci Coop-Unicoop Firenze e per i giovani. Per informazioni tel 050 941111.

 

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Ultime Novità ed Eventi di musica e opera lirica
teatro di pisa

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/11/16 05:05
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok