√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

» Recensione opera Rigoletto Giuseppe Verdi a Nibbiano Val Tidone

Corrado Ambiveri e Fabio Bianco, 09/08/2010

In breve:
Nibbiano Val Tidone (PC) 4 agosto 2010 - Di seguito riportiamo le recensioni dell'opera Rigoletto di Giuseppe Verdi in scena a Nibbiano Val Tidone il 4 agosto u.s. Le recensioni sono a cura di Corrado Ambiveri (corrispondente de La Cronaca, quotidiano di Cremona e Piacenza) e Fabio Bianco, corrispondente de Libertà, quotidiano di Piacenza e Provincia.


Recensione di Corrado Ambiveri

Una serata speciale, fresca e col pubblico delle grandi occasioni quella che a Nibbiano ha visto in scena, nello spiazzo antistante la piscina comunale, la celeberrima opera di Giuseppe Verdi “Rigoletto” allestita come anche gli altri anni da un dinamicissimo Luigi Frattola, noto tenore valtidonese che quest'anno ha deciso di riservare per sè solo il ruolo di direttore artistico, per quanto riguarda la mini-stagione lirica estiva che già da alcuni anni anima le vallate piacentine.

Rigoletto”, dicevamo. Semplificando molto, e con un pizzico di ironia, potremmo sintetizzarne la trama in questo modo: Gilda è la figlia segreta, bella e un po' oca, del deforme ma furbo Rigoletto, giullare del duca di Mantova. Il duca è un galletto insaziabile e seduce Gilda travestito da studente. Rigoletto si vendica assoldando Sparafucile, un killer col destino nel nome, che però finisce con l'uccidere involontariamente Gilda, che fa di tutto perchè la storia finisca così. Il duca rimane impunito.

”Rigoletto” è sempre stata terreno di scontro tra wagneriani e verdiani. I primi accusano quest'opera in particolare (e tutta la “trilogia popolare” in generale) di rozzezza, grossolanità e infantilismo culturale. L'accusa di convenzionalismo e banalità viene naturalmente contrapposta alla complessa e innovativa ispirazione wagneriana. Per Verdi salì invece sul ring nientemeno che Igor Stravinski, che scrisse: “C'è più genuina sostanza e innovazione ne “La donna è mobile” che nella retorica e nelle “vociferazioni” della Tetralogìa”.

Il cast internazionale presente mercoledì sera sul palcoscenico di Nibbiano non ha affatto deluso: il baritono messicano Oscar Garrido ha adempiuto correttamente il suo compito nel ruolo del protagonista, così come gli squilli del tenore Luca Bodini hanno meritato applausi, in special modo dopo la celebre aria “La donna è mobile” ed il quartetto del terzo atto. Austero ed estremamente corretto, come si addice ad un sicario che si rispetti, lo Sparafucile del basso coreano Tae Jeong Hwang. Su tutti è però brillata la stella adamantina di Gabriela Istoc, perfetta sotto ogni aspetto: la soave voce capace di delicate sfumature come di squilli intemerati, la presenza fisica che si attagliava più che adeguatamente al ruolo della virginale Gilda, l'arte scenica estremamente appropriata e che ha saputo cogliere in ogni dettaglio il carattere del personaggio. Forse, questa recita di Nibbiano potrebbe rappresentare per la giovane soprano rumena l'inizio di una luminosa carriera.

Tra coloro a cui erano assegnate le parti di contorno, il più in forma ci è sembrato il baritono Graziano Dallavalle, che nei panni di Monterone ha trovato modo anche questa volta di far udire la sua tonante voce in ogni angolo dell'ampia arena, anche quando l'orchestra suonava “a tutta”.

Sensuale e disinvolta la mezzosoprano zaratina Maritza Kolega nella parte di Maddalena, sorella un po' “birichina” di Sparafucile. Puntuali e positive le prestazioni di Claudio Giovani (Borsa), Andrea Kim (Marullo), Andrea Belconte (Ceprano) e Laura Messina (Giovanna e Contessa di Ceprano).

Ottima la direzione dell' orchestra SinfoLario da parte del maestro Roberto Gianola, così come sempre a buon livello è stata la prestazione del coro del Teatro Municipale di Piacenza istruito da Corrado Casati.

In queste operazioni a basso costo non è il caso di sottilizzare sulla scenografia, ridotta al minimo indispensabile, mentre torniamo a ripetere che i cantanti potrebbero fare un piccolissimo sforzo personale in più per quanto riguarda i costumi. Ad ogni buon conto, il numero degli spettatori era stimabile dalle mille alle millecinquecento unità, segno che la passione per la lirica non è ancora morta.

Un incentivo a presenziare allo spettacolo era comunque anche rappresentato dalla totale gratuità dell'ingresso, dovuta al concreto aiuto dato alla manifestazione da diversi sponsor che ci sembra doveroso nominare: Banca BCC, ditta Allied International, Impresa Gabanelli di Opera (MI), Thema Inox di Borgonovo V.T., INA Assitalia di Castelsangiovanni, ditta Buroni e Rossi di Piacenza, ditta CPM di Stradella (PV), Tecnosaldo Pavese di Arena Po (PV), Civardi di Gragnano, le ditte Poplast e TGR Torneria di Castelsangiovanni, nonchè la Copra PC, la Confindustria di Piacenza e le aziende vitivinicole Castello di Luzzano e Ferri di Seminò.

Prezioso il supporto organizzativo del Comune di Nibbiano e delle associazioni La Valtidone e Curte Neblani.

Leggi anche la recensione dell'opera Rigoletto di Giuseppe Verdi firmata da Fabio Bianchi, giornalista di Libertà, quotidiano di Piacenza.

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Recensioni Teatri Opere Liriche
recensioni

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 

Documenti Collegati

Notizie

  • Rigoletto a Nibbiano Val Tidone (PC)


    Mercoledì 4 agosto 2010 a Nibbiano Val Tidone (PC) in via Aldo Belloni, alle ore 21,00, sarà in scena il capolavoro verdiano Rigoletto su libretto di Francesco Maria Piave con protagonisti alcuni dei cantanti selezionati dalle audizioni di Luigi Frattola in collaborazione con Liricamente.
    Redazione Liricamente, 30/07/2010
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/5/16 21:39
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok