√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Intervista a Ivan Stefanutti

Silvia Cosentino, 01/12/2010

In breve:
Teatro del Giglio di Lucca, 13 novembre 2010 - In occasione delle repliche lucchesi del suo nuovo allestimento di Rigoletto abbiamo incontrato Ivan Stefanutti: il regista, scenografo e costumista ci parla di questa produzione, soffermandosi sulla poetica che di volta in volta muove i suoi lavori e sul suo rapporto con i cantanti.


In occasione delle repliche lucchesi del suo nuovo allestimento di Rigoletto abbiamo incontrato Ivan Stefanutti: il regista, scenografo e costumista ci parla di questa produzione, soffermandosi sulla poetica che di volta in volta muove i suoi lavori e sul suo rapporto con i cantanti.

Ivan Stefanutti - regista 1. Dopo quelli del 1995 e del 2005, questo è il suo terzo allestimento dedicato a Rigoletto: da dove viene il particolare interesse verso quest'opera?
Non è solo un interesse mio, è capitato che mi sia stato nuovamente proposto Rigoletto e a me ha fatto molto piacere scavare ancora in questa vicenda torbida, in cui ogni volta emerge qualcosa di particolare. Si tratta dell'ennesima occasione per approfondire alcuni aspetti di quest'opera molto complessa: più ci lavoro, più mi sembra attuale e meno riesco a vederne il fondo. L'ultima volta mi ero concentrato sull'aspetto voyeuristico del testo, in cui si parla continuamente di cosa non si può vedere o toccare, ma in realtà sempre si incita a farlo. In questa versione emerge maggiormente l'aspetto notturno, oscuro dei personaggi e dei rapporti: non c'è una persona “buona”, se non una ed estremamente sfortunata.

2. C'è qualcosa di quest'opera che ancora le sembra di non aver centrato, che ancora le sfugge?
Il rapporto tra padre e figlia è certamente molto complesso, lo è in generale: continuare, negli anni, a lavorare su questo aspetto dà la possibilità di addentrarsi nella vicenda in modo sempre più viscerale, così come l'opera stessa richiede.

3. Nelle note di regia di Rigoletto lei parla di una cornice ingombrante che ha come funzione principale quella di distrarre dalla realtà delle cose. Può spiegarci meglio di cosa si tratta?
Una stessa vicenda, se raccontata in una cornice bella e sontuosa o in una situazione degradata e derelitta, assume immediatamente fisionomie diverse. Su questo dobbiamo molto riflettere, soprattutto in questo periodo in cui viviamo il mito dell'immagine. Gli eventi nefasti che accadano all'interno di un palazzo lussuoso non sono giustificabili con la noia dei personaggi che vi abitano: la violenza e la negatività possono essere precisamente motivate, ma mai giustificabili. Nello spazio da me concepito, estremamente simbolico, gli aspetti più negativi vengono vestiti in maniera lussuosa. Pur potendo avere in casa propria tutto ciò che desidera, il Duca va a cercare fuori quello che lì non riesce a trovare e questo non è altro che lo specchio di ciò che accade oggi: persone potenti hanno la possibilità di accontentare le proprie curiosità e di spingersi oltre in situazioni estreme in cui, alla fine, si trovano volontariamente nella situazione opposta, da predatori a prede. Ho deciso di non spostare la vicenda dal periodo in cui è ambientata proprio perché certe questioni sono sempre esistite: portandola troppo vicino a noi inizieremmo a cercare similitudini con aspetti che in realtà non interessano; preferisco piuttosto puntare sull'universalità. In questo contesto, la “mia” Maddalena è particolare: la coppia di fratello e sorella in questa notte è molto moderna, c'è una complicità che va oltre la complicità illegale.

Rigoletto con la regia di Ivan Stefanutti - regista4. Quali suggestioni ha fornito agli interpreti per esprimere questo senso di crudezza e corruzione, per mostrare ciò che si nasconde al di là di questa cornice?
Ho fatto sempre loro esempi concreti, cercando di partire dalla psicologia del personaggio, da ciò che sente e vive; questo è un lavoro interessante, innanzitutto per i cantanti, in particolare quando c'è tempo a sufficienza da dedicare.

5. Qual è il suo rapporto con i cantanti?
Con alcuni ho un ottimo rapporto, con un altri più strettamente professionale; in ogni caso, comunque, sempre molto familiare. Mi piace lavorare con loro: laddove alcuni hanno innate qualità finora non emerse, si creano occasioni per far loro affrontare aspetti con cui non si sono mai misurati, per perdere tutti quei pudori spesso derivati semplicemente dalla “non abitudine”.

6. C'è un terreno su cui ancora si scontra con loro, sul quale difficilmente riuscite a trovare un accordo?
No, la sintonia si trova abbastanza bene, occorre solo attendere il tempo giusto per fare questo “viaggio”; a volte si arriva in momenti diversi alla stessa meta. È necessario sviluppare, sedimentare, pensarci, dormirci sopra, smettere di pensarci per un po'. Cerco di “approfittare” delle loro caratteristiche, sia di quelle strettamente inerenti alla professione sia di quelle umane: tenerezze e durezze che sono parte dell'artista, ma anche parte della sua psicologia. È un lavoro molto bello perché in poco tempo devi entrare subito in confidenza, ponendo le basi per un'intimità che dovrà crescere e svilupparsi sul palco. Tengo d'occhio la loro naturalezza: a volte si distraggono, mollano un po' i freni, e proprio in quel momento esce “la cosa giusta”, ciò che si esprime naturalmente e che quindi va fissato; è necessario compiere un grande lavoro di osservazione, stare molto attenti. Quella del cantante è una professione pesante, occorre metterlo sempre in condizione di sentirsi protetto. Comunque anche gli attori vanno trattati allo stesso modo: non amo lavorare sulla tensione, non è il mio metodo; voglio far sì che le persone siano a proprio agio anche quando provare è emotivamente più difficile o rischioso. Non ci deve essere paura. Come regista ricerco fluidità, energia, empatia con cantanti, attori, con tutto lo staff. È importante che tutti si sentano benvoluti; del resto sta tanto a me quanto a loro continuare a remare nella stessa direzione.

Rigoletto con la regia di Ivan Stefanutti - regista7. Ancora nelle note di regia afferma che nemmeno Rigoletto è innocente, in quanto partecipa alla “decorazione della grande cornice”: in che modo Ivan Stefanutti partecipa attivamente alla “decorazione della cornice dell'opera lirica” così come attualmente viene concepita e da cosa invece vorrebbe dissociarsi?
Con i miei spettacoli vorrei eliminare il malinteso secondo il quale l'opera è noiosa, contribuire a far vedere che la grande cornice che è attorno all'opera lirica abbraccia qualcosa di molto bello e molto moderno. Questo però non vuol dire, e da qui mi voglio distaccare, mettere la gente in blue jeans, fare cose contro ciò che si sta cantando o nascondersi in una scena che sembra una cucina economica solamente perché le linee dritte sono moderne. Questo è un grande malinteso. Il cinema ci racconta che la modernità è un modo di esprimersi, non semplicemente un codice di elementi. Preferisco rapportarmi con la realtà della recitazione e cercare di rendere i personaggi credibili – e questa mi sembra una modernità importante - piuttosto che astrarli in un'operazione ancora più cervellotica e dannosa. Chi si siede in platea non deve trovarsi a decodificare quello che vede perché assolutamente astruso. Ciò non significa che io non faccia operazioni particolari: Aida, ad esempio, avvicina un certo tipo di pubblico senza però offendere la lirica.

8. Infatti i suoi allestimenti sono sempre più o meno destabilizzanti: si tratti, appunto, dell'ambientazione galattica di Aida o dell'esplicitazione della macchina teatrale in Adriana Lecouvreur. Alla fine però il messaggio coglie nel segno…
Sì, perché ciò che più mi interessa è togliere le abitudini: si arriva a non fare più caso a ciò che si presenta sempre allo stesso modo, si vive passivamente il ruolo di spettatore. Occorre catturare l'attenzione e coinvolgere in un tuo particolare e personale modo di narrare: se ci riesci, alla fine capirai di aver raccontato una storia già conosciuta, ma con un'immagine inedita.

Rigoletto con la regia di Ivan Stefanutti - regista9. Qual è l'opera lirica che non ha ancora incontrato nel suo percorso e con cui le piacerebbe confrontarsi?
Ce ne sono tante e nemmeno tutte italiane, molte russe, ma dato che io lavoro parecchio anche sul testo dovrei conoscere la lingua. Spero che mi offrano sempre più anche titoli che non ho ancora esplorato. Avere la possibilità di andare in terre sconosciute è un'avventura nuova che mi diverte e mi affascina: mi piace avere un nuovo staff, una nuova squadra con cui andare verso una nuova giungla, dove troviamo una tribù di cantanti con cui conquistare, con simpatia, una nuova America.

10. Rigoletto è tra le opere più conosciute e più rappresentate: perché vedere anche questo nuovo allestimento?
Perché lo spettacolo è bello, affascinante, con momenti molto duri che accompagnano adeguatamente una musica e un testo straordinari. Questo libretto è scritto con particolare attenzione e modernità. Cerchiamo di liberarci dalla consuetudine, senza dare per scontato ciò che vediamo: se analizziamo quello che viene detto e fatto in Rigoletto, ci renderemo conto che si tratta di cose terribili da guardare ancora con sconcerto, come se fosse la prima volta.

Silvia Cosentino
 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Interviste a Cantanti Lirici e Direttori d'Orchestra
curiosita

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/11/16 08:57
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok