√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Ricordo di Maria Callas a trent'anni dalla scomparsa

a cura della redazione, 13/09/2007

In breve:
La notte tra il 15 e il 16 settembre 1977 si spense la stella di Maria Callas, ma come il sole, nonostante siano trascorsi trent'anni, i suoi raggi artistici riscaldano ancora i cuori degli appassionati di lirica, ma non solo.
Dopo la morte è diventata un "mito", è stata definita "divina"... con molta semplicità desideriamo riproporre alle giovani generazioni il segreto della sua carriera da cantante: la determinazione e lo studio costante e disciplinato.


Maria CallasA 10 giorni dalla morte di Luciano Pavarotti ricorre il trentesimo anniversario della scomparsa di Maria Callas, un'altra diva della lirica a livello mondiale la cui fama, come quella di Pavarotti è nota a melomani e non, sia per la sua arte, sia per le vicende mondane che l'hanno vista protagonista.

Anche i detrattori più convinti che ne disprezzavano la voce (di un colore scuro e non omogenea in tutta la sua elevata estensione) hanno riconosciuto l'influenza dominante esercitata da Maria Callas nel repertorio operistico italiano e sullo stile dell'interpretazione contemporanea grazie alle eccellenti doti musicali di cui era dotata.

A tutti gli effetti Maria Callas ha imposto un modo di cantare che ha segnato la storia della musica d'opera attraverso il ripristino di un'emissione “preverista” che ristabilì un fraseggio di gusto ottocentesco eseguito con morbidezza di suono, purezza di legato, continuità di cavata, effusione lirica, ricco di gradazioni d'accento e di colori con l'obiettivo di dare risalto alle parole di maggior impatto psicologico.

Riscoprì il virtuosismo cioè la capacità di dare espressione alla coloratura attraverso “gli accenti nascosti”, tanto amati da Rossini, era sempre al servizio degli stati d'animo del personaggio: “un trillo era in realtà un sorriso ÔÇô riportava il critico musicale Teodoro Celli - una scala cromatica un brivido di terrore; mai semplice sfoggio di bravura, drammaticamente vano”.

Nata negli Stati Uniti da genitori di origine greca, Maria Callas, dotata di un carattere estremamente determinato, iniziò a studiare canto fin da giovanissima.

Maria CallasLo studio costante e disciplinato fu il fedele compagno di viaggio della sua vita perché, da musicista qual era, era costantemente impegnata alla ricerca dell'unione tra la parola e la musica. Per ogni ruolo che interpretava aveva una voce particolare, nell'ambito di quel timbro cambiava continuamente colore per esprimere il messaggio del compositore.

Oltre all'aspetto vocale, la Callas possedeva anche un'elevata caratura drammatica capace di infiammare i cuori degli spettatori: una volta che aveva stabilito la chiave del personaggio che doveva interpretare, lo sviluppava con ogni possibile mezzo: la voce, il trucco, gli atteggiamenti sceniciÔÇŽ

Per comprendere la sua elevata professionalità riportiamo di seguito alcune frasi pronunciate da Maria Callas in alcune interviste rilasciate durante la sua carriera.

Esprimere tutto quello che si è trovato in uno spartito diventa una specie di droga.
Se si riesce a trasmetterlo al pubblico, si ha una meravigliosa sensazione di ebrezza che contagia tutti quelli che vi stanno intorno.
Tuttavia alla fine di una giornata o di una rappresentazione bisogna guardarsi dentro e capire cos'è successo.
Bisogna dimenticarsi delle cose buone e cercare di scoprire come migliorare quelle cattive.
Forse sono troppo severa, ma lo preferisco a sedermi sui miei allori.
È la fine della grande arte.
Ma c'è un pericolo nel cercare con troppa ostinazione di migliorarsi: si può rovinare una bella cosa perdendo il controllo o esagerando.
Credo che l'opera sia l'arte più difficile.
Per riuscire, non bisogna essere solo un musicista di primo rango ma anche un attore di primo rango.
Mi considero privilegiata perché ho potuto portare la verità dell'anima e della mente, darla al pubblico, e vederla accettata.
Non tutti lo possono fare.
È uno dei più grandi poteri che si possono mettere al servizio di una delle arti più grandi: la musica
.”

Sono trascorsi trent'anni dalla sua scomparsa, ma la sua arte anche oggi è più viva che mai, non solo grazie alle incisioni, ma arde ancora nei cuori di chi ricorda con passione le sue interpretazioni dal vivo.

Registrazione audio e video

(Premere il pulsante "Menu" per vedere altri video)
N.B. Se il video è scattoso, allora premere il pulsante pausa e aspettare che il video si carichi un po'. Poi riprendere la riproduzione.

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Ultime Novità ed Eventi di musica e opera lirica
curiosita

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/7/16 17:19
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok