√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Intervista a Anita Cerquetti

Gloria Bellini e Alfredo Sorichetti, 28/01/2011

In breve:

In occasione dell'ottantesimo compleanno del soprano Anita Cerquetti, il Comune di Montecosaro (MC), città natale della straordinaria artista, organizza la prima edizione del Concorso di Canto Lirico Internazionale “Anita Cerquetti”.
Il celeberrimo soprano ha rilasciato un'interessante intervista ai nostri microfoni.


In occasione dell'ottantesimo compleanno del soprano Anita Cerquetti, il Comune di Montecosaro (MC), città natale della straordinaria artista, organizza la prima edizione del Concorso di Canto Lirico Internazionale “Anita Cerquetti”.

Anita Cerquetti, sopranoLa sua carriera, seppur breve, è stata intensa e ha lasciato un segno indelebile nella storia e nel cuore di tutti gli appassionati dell'opera lirica per la purezza della sua voce, capace di giungere viva e palpitante al cuore degli ascoltatori. Il suo canto, di eccezionale fluidità, era dotato di una straordinaria valenza artistica ed umana.

Iniziò giovanissima gli studi, a soli sedici anni, quando una cara amica le chiese di cantare al proprio matrimonio. In quell'occasione era presente un professore di fagotto del S. Carlo di Napoli che, colpito dalle eccezionali qualità, la convinse a studiare canto al Conservatorio Morlacchi di Perugia. In breve tempo, sotto la guida del Mº Aldo Zeetti, apprese una solida tecnica e decise di iscriversi al Concorso di Spoleto, pur senza l'approvazione del suo insegnante che la riteneva troppo giovane.

Il suo carattere determinato e le sue doti vocali le fecero vincere il concorso, pertanto debuttò in Aida a soli vent'anni e da lì inizio una splendida carriera che la portò a calcare i palcoscenici dei più importanti teatri al mondo.

In un decennio la sua vita fu totalmente dedicata al canto e alla carriera: nei giorni in cui non calcava le scene era chiusa in casa a studiare per i suoi successivi debutti. Oggi è un punto di riferimento per molti giovani che, dai suoi insegnamenti e dalle sue registrazioni, cercano di apprendere i “segreti” della sua arte.

Presidente onorario del concorso che porta il suo nome, Anita Cerquetti ha accettato di rispondere ad alcune nostre domande:
1) Signora Cerquetti, innanzitutto grazie per la sua disponibilità, è davvero un piacere e un onore poter fare la sua conoscenza. Qual è il “segreto” della sua arte? Quali sono le doti e le condizioni che l'hanno portata ad essere una delle pietre miliari della lirica?
Anita Cerquetti, sopranoBeniamino Gigli diceva che “il Padre Eterno si era svegliato di buon umore quel giorno”. Quando avevo solo 16 anni, Gigli mi portava a fare i concerti con lui insieme al maestro Riccardo Zama. Ho studiato molto. Il fatto di essere anche violinista ha arricchito la mia musicalità.
La mia dote maggiore è forse la duttilità della voce; il fatto di essere un soprano drammatico con agilità e morbidezza della voce.

2) Quand'è che un cantante può ritenere di avere “acquisito” una tecnica di canto?
La tecnica è molto importante. A me dicevano che avevo nell'uguaglianza della voce nei vari registri una straordinaria particolarità.

3) In che modo si studia un ruolo?
Si studia un ruolo conoscendo il personaggio. Ho sempre amato il teatro; volevo fare l'attrice di prosa. Bisogna conoscere il personaggio da un punto di vista storico e psicologico.

4) Quali indicazioni le dava il maestro Rossini quando studiava con lui?
Dopo lo si mette in musica. Prima le parole, poi la musica.” Dicono che delle mie interpretazioni si capiscono perfettamente tutte le parole con il profondo significato.
Mi diceva di esprimere sempre quello che cantavo con il giusto significato, perchè il giusto significato dà la giusta emissione. Ed è la stessa cosa che anch'io dico sempre ai miei allievi.

5) Ricorda un aneddoto simpatico da raccontarci?
Avevo appena vinto il concorso a Spoleto e doveva debuttare in un ruolo da comprimario in Aida. Si ammalò la Sacerdotessa e il direttore d'orchestra aveva difficoltà a trovare il sostituto e disse “Come facciamo a trovare una sostituta?”. Con il coraggio e l'entusiasmo dei miei 19 anni dissi: “lo faccio io!”. Dopo un attimo di stupore, mi assegnarono il ruolo. E lo feci.

Anita Cerquetti, soprano6) C'è un ruolo al quale è particolarmente affezionata?
Tutte le opere di Verdi, forse il Don Carlo più di tutte. Ricordo con emozione quella edizione di Firenze del '56 con Antonino Votto, Fedora Barbieri, Angelo Lo Forese, Cesare Siepi, Ettore Bastianini.

7) Quali valori di quest'arte ritiene debbano essere trasmessi ai giovani artisti?
Serietà e professionalità. Io studiavo anche di notte. Questo valore forse oggi si sta perdendo. E' un problema generale della società di oggi.

8) Cosa manca, secondo lei, alla lirica di oggi?
Manca l'entusiasmo. Manca l'amore per la vera arte. Forse manca anche la purezza del suono. Io, anche nel verismo, non ho mai fatto le note di petto, sempre miste tra petto e testa; questo lo facevo per non perdere la purezza del suono e fare in modo che rimanga l'uguaglianza nella sonorità e nel carattere.

9) Ha un consiglio (o più consigli) da elargire ai giovani che studiano canto lirico?
Studiare a fondo il personaggio, carattere ed espressione giusta della parola che è la prima cosa. Altrimenti il personaggio non può essere reso. Un esempio sono le tre parole di Norma a Pollione: “Pentito, Supplichevole, Amante” che vanno fatte con tre diversi significati espressivi.

A Montecosaro (MC), città natale di Anita Cerquetti, oltre alla prima Edizione del Concorso Lirico Internazionale Anita Cerquetti (9 e 10 Aprile 2011), prenderà il via in estate l'Accademia Musicale Anita Cerquetti al Teatro delle Logge di cui il Maestro Alfredo Sorichetti promotore di questa iniziativa è Direttore Artistico.
L'intenzione è di creare nella sua Montecosaro un "Centro" che promuova la figura e l'arte di Anita Cerquetti. L'anno scorso il Sindaco Stefano Cardinali ha voluto conferire ad Anita Cerquetti la Cittadinanza Benemerita; quest'anno, nei giorni del Concorso sarà assegnato il "Premio Anita Cerquetti alla carriera" e verranno a tenere delle conferenze dei relatori tra cui Maurizio Modugno ed Elio Trovato autore del libro "Anita Cerquetti, umiltà e fierezza".

La redazione desidera ringraziare la signora Anita Cerquetti per la squisita disponibilità e il maestro Alfredo Sorichetti per la cortese collaborazione.

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Interviste a Cantanti Lirici e Direttori d'Orchestra
concorsi di canto lirico per cantanti lirici opera musica li...

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/8/16 17:03
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok