√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

» Recensione opera lirica Lucia di Lammermoor di Gaetano Donizetti al Regio di Torino

William Fratti, 14/07/2011

In breve:
Torino, 26 giugno 2011 - Il Teatro Regio di Torino conclude con grande successo l'applauditissima Stagione Lirica 2010-2011 con una incantevole edizione di Lucia di Lammermoor, soprattutto sotto il profilo musicale e vocale.


Il Teatro Regio di Torino conclude con grande successo l'applauditissima Stagione Lirica 2010-2011 con una incantevole edizione di Lucia di Lammermoor, soprattutto sotto il profilo musicale e vocale.

Elena Mosuc e Francesco Meli in Lucia di Lammermoor al Teatro Regio di Torino - Stagione lirica 2011L'allestimento ideato da Graham Vick per il Maggio Musicale Fiorentino forse non è di immediata comprensione nell'aprirsi e richiudersi di finestre e spiragli, più o meno grandi, sulle vicende romantiche di Scott, ma è certamente suggestivo, perfettamente omogeneo ed equilibrato con le scene accattivanti e i bellissimi costumi settecenteschi di Paul Brown e le luci cariche di atmosfera di Nick Chelton, chiaramente orientato a condurre lo spettatore verso l'apoteosi finale della pazzia di Lucia e del suicidio di Edgardo.

La direzione di Bruno Campanella sembra inizialmente un po' lenta, ma col procedere dell'esecuzione si scopre l'intento musicale del Maestro di voler sottolineare l'eleganza del compositore bergamasco e la finezza con cui ha voluto dipingere il suo romanticismo, arricchendo tutta la partitura di colori e sfumature che mettono sempre in risalto le belle voci degli interpreti. Molto positiva è anche la decisione di mettere in scena un'edizione pressoché integrale, restituendo all'orecchio del pubblico alcuni recitativi spesso omessi ed eliminando solo alcuni da capo e un paio di seconde strofe.

Elena Mosuc e Fabio Maria Capitanucci in Lucia di Lammermoor al Teatro Regio di Torino - Stagione lirica 2011È doveroso sottolineare che quattro importanti teatri della penisola – Palermo, Torino, Trieste e Venezia, in rigoroso ordine alfabetico – hanno sentito la necessità tutta italiana, dove ognuno pensa al proprio orticello, di confrontarsi sul medesimo melodramma, con alternate opinioni del pubblico e della critica sulla riuscita o meno dei rispettivi spettacoli. Ciò che è importante rimarcare – considerati i tempi in cui sempre più spesso le agenzie impongono alle sovrintendenze interpreti oltremodo scadenti, provenienti dai posti più esotici ed improbabili del mondo, dotate di tanta beltà e ben poca tecnica – è la scelta di quattro protagoniste di altissimo livello – Silvia Dalla Benetta, Elena Mosuc, Jessica Pratt, Desirée Rancatore, sempre in rigoroso ordine alfabetico – ognuna coi propri pregi e difetti, ma che oggi rappresentano, sul mercato italiano, le migliori Lucie in circolazione.

Lucia di Lammermoor al Teatro Regio di Torino - Stagione lirica 2011 Elena Mosuc rasenta la perfezione tecnica e a tale considerazione non c'è molto altro da aggiungere. Ovviamente la sua vocalità le permette di dare il meglio nelle fioriture e nei virtuosismi, nel registro acuto e sovracuto, nella delicatezza dei filati naturalissimi, nell'eleganza del fraseggio, nel canto finemente cesellato dove ogni nota diventa assolutamente importante, anche se la resa del personaggio resta sempre un poco fredda. La scena della pazzia è giustamente accolta da pubblico con grandissimo calore e numerose richieste di bis, con un meritatissimo applauso protratto per diversi minuti.

Francesco Meli canta sempre meglio, ed ogni volta l'ascolto della sua voce è un vero piacere per le orecchie e per il cuore. L'espressività del suo fraseggio e l'ottimo controllo dei fiati sono immediatamente mostrati già dal duetto “Sulla tomba che rinserra” dove il bel timbro, il piacevole squillo e le gradevolissime mezze voci portano alla commozione. Gli accenti più intensi sono resi nella gran scena e concertato del matrimonio, durante cui un lunghissimo plauso degli spettatori e numerose acclamazioni al termine del quartetto gli hanno strappato un sorriso a scena aperta. L'aria finale e la cabaletta sono davvero toccanti ed emozionanti, eseguite così bene e correttamente che è doveroso non prendere in considerazione – come del resto ha fatto il pubblico presente in sala – un piccolissimo e minimo inconveniente sulla cadenza: non sono certo tali eventi a sminuire la grandezza e la professionalità di interpreti del livello di Francesco Meli.

Fabio Maria Capitanucci, Saverio Fiore e Francesco Meli in Lucia di Lammermoor al Teatro Regio di Torino - Stagione lirica 2011Fabio Maria Capitanucci, che sul palcoscenico torinese ha recentemente affrontato con successo il ruolo di Germont, nella parte di Lord Enrico è ancora più a suo agio, sia per la scrittura vocale sia per l'interpretazione. Il baritono sabaudiese affronta con cura le pagine liriche del belcanto donizettiano, con buona tecnica e intonazione, acuti saldi e sonori, nonché la giusta dose di accento drammatico.

Vitalij Kowaljow è inizialmente adombrato dai colleghi, in quanto non possiede una proiezione particolarmente efficace nel recitativo ed in certi punti sembra scomparire, ma sa rivalersi completamente durante la prima e difficile cavatina “Ah, cedi, cedi, o più sciagure” dove la voce scura, ma non troppo cavernosa, sa dispiegarsi lungo la complessa pagina, spesso tagliata, in cui occorrono sia note alte che basse, ben emesse e appoggiate. Gli applausi più calorosi arrivano in terzo atto, al termine della lunga aria con coro, dove il basso ucraino sa essere particolarmente intenso e toccante.

Meno efficaci sono gli ariosi e i recitativi affidati a Cristiano Olivieri e Saverio Fiore nei rispettivi ruoli di Normanno e Arturo. Poco intonata è l'Alisa di Federica Giansanti.
Egregie le prove dell'Orchestra e del Coro del Teatro Regio di Torino diretto da Claudio Fenoglio.

Elena Mosuc in Lucia di Lammermoor al Teatro Regio di Torino - Stagione lirica 2011
 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Recensioni Teatri Opere Liriche
recensioni

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/4/16 04:54
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok