√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

» Recensione opera Don Carlo di Giuseppe Verdi al Teatro Nacional de São Carlos di Lisbona

William Fratti, 04/11/2011

In breve:
Lisbona, ottobre 2011 - Il Teatro Nacional de São Carlos inaugura la stagione lirica 2011-2012 con Don Carlo di Giuseppe Verdi accompagnato dall'Orquestra Sinfonica Portuguesa e il Coro do Teatro Nacional de São Carlos affidando la messa in scena a Martin André.


Il Teatro Nacional de São Carlos di Lisbona inaugura la Stagione Lirica 2011-2012 con Don Carlo di Giuseppe Verdi, proposta nella versione in italiano in quattro atti.

Purtroppo il clima che si respira non è dei più felici, a causa dei recenti e gravi problemi economici e finanziari che attanagliano l'amministrazione teatrale, e ciò si sente anche in sala.

L'Orquestra Sinfònica Portuguesa e il Coro do Teatro Nacional de São Carlos non sono attenti e precisi come di consueto e questo va a inficiare tutta l'esecuzione.

Recensione opera Don Carlo di Giuseppe Verdi al Teatro Sao Carlos di LisbonaSicuramente complice è la direzione tutt'altro che verdiana di Martin Andrè, che ha un gesto troppo ampio, manca di accenti drammatici, non ha colori né sfumature, i suoni sono sempre legati e l'orchestrazione è abbastanza povera, pur avendo a che fare con la partitura di un grand-opéra. Invece lo spettacolo moderno ideato da Stephen Langridge dona un certo valore aggiunto a questa inaugurazione, del quale certamente va apprezzato il lavoro svolto sui singoli personaggi. Forse le scene costruite da George Souglides sono un po' spoglie, ma ciò aiuta ad entrare maggiormente nell'atmosfera dittatoriale, trasposta in un ipotetico XX secolo, da cui si evince facilmente che non vi è nulla di diverso rispetto ai rigori delle monarchie assolute. I costumi, sempre di George Souglides, sono ben confezionati e contribuiscono positivamente, come le luci di Giuseppe di Iorio, alla buona resa della rappresentazione.

Recensione opera Don Carlo di Giuseppe Verdi al Teatro Sao Carlos di LisbonaIl regista inglese riesce a lavorare minuziosamente con ognuno degli interpreti: il gesto, lo sguardo, il movimento, la posizione, sono tutti studiati nello specifico, nulla è lasciato al caso e il risultato è più che ottimale.

A vestire i panni di Don Carlo è il cileno Giancarlo Monsalve, che gode di un'ottima presenza scenica oltre ad essere un buon attore, ma numerose sono le mancanze sul piano vocale. L'intonazione è buona, ma i centri sono poco corposi, molto opachi e un po' di lucentezza la si può sentire solo con l'acuto. Anche l'uso dei colori e degli accenti non è dei migliori, pertanto alcune lunghe scene, come i duetti con Elisabetta, risultano essere particolarmente noiosi.

Recensione opera Don Carlo di Giuseppe Verdi al Teatro Sao Carlos di LisbonaNon lo aiuta certamente la diva nazionale Elisabete Matos nei panni di Elisabetta di Valois, che con l'avanzare dell'età:, il progredire dell'usura della voce e la frequentazione di un repertorio sempre più spinto e drammatico, perde costantemente di freschezza, la zona centrale, che già oscillava eccessivamente alcuni anni fa, è sempre più compromessa e solo la tecnica, l'esperienza e una grande professionalità le consentono di portare a termine la recita. Si riscatta nell'aria di quinto atto Tu che le vanità, dove trova terreno fertile grazie ai numerosi acuti – ancora belli, puliti e ben saldi – e agli accenti drammatici necessari all'esecuzione.

Enrico Iori
è l'unico artista italiano della produzione e porta sul palcoscenico del São Carlos un Filippo II verdiano fino all'ultima fibra. La marcatura dell'accento, l'uso dei colori, l'espressività del fraseggio, l'intensità del recitativo, la musicalità del cantabile, fanno pensare a questo basso come un punto di riferimento per l'interpretazione del canto verdiano. I punti di eccellenza, oltre ai bellissimi duetti con Posa e il Grande Inquisitore, sono il grande concertato di terzo atto e la celebre aria Ella giammai m'amò, dove le già citate qualità della voce di Iori si impreziosiscono di vigore e passione nella recitazione.

Dimitri Platanias
, nei panni di Rodrigo, mostra le sue pregevoli qualità baritonali fin dal primo duetto con Carlo, ma è soprattutto con la romanza Carlo ch'è sol che si evidenziano tutte le sue doti liriche. Il duetto con Filippo II è un chiaro esempio di vocalità verdiana e la doppia aria della morte è resa con ottima interpretazione e musicalità. Purtroppo le capacità di attore del baritono greco non sono delle migliori, ma c'è sempre speranza di perfezionamento.

Recensione opera Don Carlo di Giuseppe Verdi al Teatro Sao Carlos di LisbonaEnkelejda Shkosa
si rivela essere un'eccellente belcantista, dotata di tecnica importante, ma allo stesso tempo è evidentemente poco adatta a questo tipo di repertorio. Il ruolo della Principessa Eboli è sempre più spesso avvicinato, per diversi motivi, dai mezzosoprani provenienti dal belcanto, ma pur essendo intriso di numerosi acuti, necessita di un'impostazione completamente differente, da cui derivano dunque tutte le difficoltà. Proprio per questo la cantante albanese si trova a dover procurare maggiore corposità al proprio registro centrale, perdendo efficacia negli acuti, che deve tenere sempre molto corti. Altrettanti problemi la investono sul piano del volume, che nei momenti più intensi, come nel terzetto con Carlo e Rodrigo, non è sufficiente a oltrepassare l'orchestrazione verdiana. Ma pur non essendo adatta al ruolo, lo esegue con perizia, grande musicalità e l'interpretazione, soprattutto in O don fatale è davvero intensa.

Ayk Martirossian
è un adeguato Grande Inquisitore, dotato sia di appropriati gravi, sia di acuti, ma svilisce la sua esecuzione vocale riempiendola di versi e di suoni, che forse crede donino maggiore drammaticità, e invece la ridicolizzano. Buona la resa del personaggio.

Recensione opera Don Carlo di Giuseppe Verdi al Teatro Sao Carlos di LisbonaCompletano il cast dei solisti i poco efficaci Joana Seara, Màrio Redondo, Bruno Almeida, Marco Alves dos Santos nelle rispettive vesta di Tebaldo e una voce dal cielo, un frate, il Conte di Lerma e l'Araldo reale.

Decisamente migliori i sei solisti impegnati nella piccola, ma tutt'altro che semplice, parte dei deputati fiamminghi, che riescono a uniformare le proprie voci creando un amalgama davvero interessante. Molto buona anche la prova degli inquisitori.

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Recensioni Teatri Opere Liriche
recensioni

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/6/16 13:09
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok