√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

» Recensione opera lirica Gemma di Vergy di Gaetano Donizetti al Bergamo Musica Festival Gaetano Donizetti

William Fratti, 30/09/2011

In breve:
Bergamo, 17.09.2011 - Nonostante la crisi finanziaria il Bergamo Musica Festival Gaetano Donizetti riesce a costruire un cartellone degno del suo nome, almeno sulla carta, con titoli spesso assenti dai palcoscenici italiani come Gemma di Vergy e Maria di Rohan, ed interpreti di assoluto rilievo.


Nonostante la crisi finanziaria il Bergamo Musica Festival Gaetano Donizetti riesce a costruire un cartellone degno del suo nome, almeno sulla carta, con titoli spesso assenti dai palcoscenici italiani come Gemma di Vergy e Maria di Rohan, ed interpreti di assoluto rilievo.

L'inaugurazione spetta alla tragedia lirica tratta dal Carlo VII di Dumas, capolavoro assoluto del compositore bergamasco, sintesi del belcanto drammatico e del belcanto romantico.

Gemma di Vergy di Gaetano Donizetti al Bergamo Musica Festival Gaetano Donizetti 2011Lo spettacolo firmato da Laurent Gerber è molto tradizionale, piacevole e non monotono nello sviluppo della vicenda, purtroppo privo di idee accattivanti che avrebbero potuto renderla più interessante.

In collaborazione con gli allievi dell'Accademia Teatro alla Scala, Angelo Sala realizza delle scene abbastanza classiche, come pure i costumi, che però spiccano maggiormente, sia per il gradevole taglio, sia per le belle stoffe. Suggestive sono le luci di Claudio Schmid, mentre ridicoli sono i movimenti coreografici di Tiziana Colombo che accompagnano i cori delle damigelle di Ida.

Roberto Rizzi Brignoli dirige l'Orchestra del Bergamo Musica Festival Gaetano Donizetti con risultato approssimativo e dozzinale.

Lo stesso vale per il Coro guidato da Fabio Tartari. Purtroppo è difficile commentare in maniera obiettiva un tale risultato, che da anni si ripete in quasi tutte le produzioni. In poche parole i fondi sono pochi, pertanto è impossibile accogliere formazioni già composte e al lavoro tutto l'anno; il tempo disponibile per le prove musicali è scarso, quindi diventa difficile raggiungere una certa omogeneità; pertanto ciò che si ottiene manca inevitabilmente di amalgama, di precisione e di approfondimento. Da ciò si evince che la colpa non può essere del singolo.

Maria Agresta, forte del recente successo ne I vespri siciliani a Torino, dà voce al difficilissimo personaggio di Gemma, prodigandosi in un ruolo che corre continuamente dal drammatico al romantico. Il recitativo precedente la cavatina d'ingresso mostra immediatamente le qualità del soprano, che possiede chiaramente un'ottima intonazione, ma durante l'aria appare leggermente acerba.

Gemma di Vergy di Gaetano Donizetti al Bergamo Musica Festival Gaetano Donizetti 2011Nel successivo duetto con Guido le frasi sono molto belle ed eleganti, e la luminosità del suo canto spianato trova il suo apice nel concertato conclusivo del primo atto. Nel quartetto torna a dare segni di asprezza, mentre nel rondò finale raggiunge scioltezza ed omogeneità. Il buon risultato raggiunto molto probabilmente sarebbe stato ottimo, se il tempo a disposizione per le prove musicali, di un'opera quasi assente dal repertorio, fosse stato maggiore.

Mario Cassi ha una bella linea di canto, ma decisamente limitata nell'estensione. Le note gravi sono tutte parlate, mentre la brillantezza, lo squillo e gli accenti sono tutti proiettati verso l'alto, più vicini a quelli di un tenore. È indubbiamente piacevole ascoltare questa voce finché si resta vicino al registro centrale, ma spostandosi verso il basso, o passando all'acuto, si ode una vocalità molto particolare, forse più adatta ad altro tipo di repertorio.

Gemma di Vergy di Gaetano Donizetti al Bergamo Musica Festival Gaetano Donizetti 2011Gregory Kunde oggi sta vivendo una seconda giovinezza, ma pare recentemente adatto a repertori dalle tinte più spinte e drammatiche, pertanto non è perfettamente a suo agio nelle pagine del giovane Tamas, che necessiterebbero di maggior grazia e delicatezza. Ciò non significa che non si sia apprezzata la sua performance, comunque degna del nome che porta, anche se avrebbe potuto evitare di concludere l'aria con un acuto corto e spezzato.

Leonardo Galeazzi è un Guido perfettamente caratterizzato, giustamente a metà strada nell'affetto per il Conte e per Gemma. Purtroppo la bellissima cavatina d'ingresso è quasi completamente coperta da un coro e un'orchestra eccessivamente forti e calcati, come pure il pertichino di Rolando. Colpiscono maggiormente l'eleganza e l'ampiezza delle frasi nel duetto con Gemma e nel finale primo.

Dario Russo è un Rolando efficace e ben impostato, mentre Kremena Dilcheva è stridula e sgraziata nel ruolo di Ida.

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Recensioni Teatri Opere Liriche
recensioni

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/5/16 21:36
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok