√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

E' morto il baritono Giangiacomo Guelfi: una cooperativa di baritoni

Redazione Liricamente, 09/02/2012

In breve:
L'8 febbraio 2012 nell'ospedale di Bolzano è morto il baritono Giangiacomo Guelfi. Classe 1924, romano di origini, ha calcato i palcoscenici di tutto il mondo, dopo il debutto a Spoleto nel 1950 nel ruolo di Rigoletto. Da una settimana era ricoverato presso la struttura sanitaria per problemi cardiaci e ieri si è spento lasciando un vuoto ai suoi cari e al mondo della lirica. Un critico lo definì "una cooperativa di baritoni"!


Studiò a Firenze con Titta Ruffo e la sua carriera lo ha portato anche all'estero in Europa, a Londra, Berlino e Lisbona, e negli Stati Uniti, alla Lyric Opera di Chicago ed al Metropolitan di New York.
Grande esponente della corda baritonale nel ventennio tra gli anni '50 e '70, cantò con tutti i grandi cantanti dell'epoca, registrando molte opere dal vivo.

Il critico Andra Fasoli scrisse: "La sua voce era enorme, pastosa, generosissima. Se c'è una parola che Guelfi non conosce applicata al canto è “risparmio”. Io l'ho sentito in varie incisioni, dal vivo mai purtroppo (tranne una volta in cui a casa sua mi fece sentire “due suoni”. Ed erano impressionanti), e non era affatto un cantante monotono."

Anzi, aveva una certa varietà espressiva.

I suoi ruoli principali furono Nabucco, Scarpia (Tosca), Jack Rance (La Fanciulla del West), Amonasro (Aida).
Il ruolo fondamentale per la sua carriera, ed anche per il ritorno al successo della stessa opera, fu Ezio nell'Attila verdiano; assieme a Boris Christoff e Gastone Limarilli lasciarono di quest'opera una grande testimonianza.

Un critico lo definì "una cooperativa di baritoni".

Viveva a Bolzano con la moglie, il soprano Laura Cagol, sua compagna anche sulle scene con il nome d'arte di Laura Carol.

La sua morte lascia un vuoto nei cuori dei suoi familiari e di tutti gli appassionati dell'opera lirica, che hanno sempre riconosciuto la grandezza e la maestosità della sua arte.



 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Ultime Novità ed Eventi di musica e opera lirica
curiosita

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/4/16 23:21
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok