√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Recensione dell'opera Luisa Miller di Giuseppe Verdi da Busseto

William Fratti, 15/08/2013

In breve:
“Esiste, per me, una meravigliosa poesia greca titolata “Viaggio ad Itaca” e la sintesi si può ridurre così: “Cerca la tua Itaca con tutte le tue forze ma fa si che il viaggio duri il più a lungo possibile e godi ogni momento del viaggio”. Questa è stata l'avventura del “Corso di alto perfezionamento per interpreti del canto con specializzazione nel repertorio verdiano” e questa, mi auguro, per me che ho avuto modo di imparare tanto, divenga per i giovani, che hanno la possibilità concreta di essere aiutati e incoraggiati, un viaggio lungo e pieno di gioia nell'apprendere! L'opera è un mondo pazzo e qualche volta grottesco che ha già una prerogativa unica, può dare emozioni irrepetibili! Ciò è quello che sogno avvenga nella nostra messa in scena della “Luisa Miller” del Genio Giuseppe Verdi che noi, da umili umani, cerchiamo di onorare. Un grazie a


Leggendo un pensiero inviato da Carlo Bergonzi, con un nodo stretto in gola, Vittorio Testa apre la serata del 27 luglio, presentando il Progetto Verdi 2013 in collaborazione con Fondazione ATER Formazione ÔÇô Scuola dell'Opera Italiana, che vede in Leo Nucci in docente principale e responsabile didattico del Corso di alto perfezionamento per Interpreti del canto e Maestri collaboratori con specializzazione nel repertorio verdiano.

La messa in scena teatrale di Leo Nucci, con il regista collaboratore Salvo Piro, i costumi di Alberto Spiazzi e il disegno luci di Claudio Schmid, è semplicissima: piante, fiori e arredamento da giardino sono la cornice unica della vicenda e ciò è totalmente efficace, a dimostrazione che se il melodramma racconta di sentimenti umani, ciò che è indispensabile sono soltanto il gesto e la parola.

Donato Renzetti dirige con gusto la brava Orchestra Giovanile Luigi Cherubini, anche se difficilmente si riesce a esprimere un'opinione in merito alla qualità del suono e all'uso delle sfumature, poiché l'acustica non è delle migliori. Certamente l'effetto visivo è particolarmente emozionante, con la Rocca Pallavicino e il Monumento a Giuseppe Verdi alle spalle della scena, ma per approfittare appieno della naturale acustica della piazza, come del resto è stato fatto per decine di anni, il palcoscenico dovrebbe essere montato davanti a Casa Barezzi e con le opportune quinte in legno.

Giulia Della Peruta è una Luisa dal colore limpido, che pur non possedendo un particolare accento drammatico, sa interpretare il personaggio con buon fraseggio, eccellente uso della parola, omogeneità musicale su tutta la linea di canto, senza mai perdere di volume neppure nelle note più basse. La tecnica è notevole e lascia intravedere la stoffa di una solista di riguardo, cui si augura una prospera carriera.

Vincenzo Costanzo è un Rodolfo inizialmente molto emozionato, ma che dimostra immediatamente di saper cantare, anche se un po' meno generoso dei colleghi e con qualche nota non propriamente intonata. Purtroppo non è naturalmente dotato di squillo e il suo belcanto all'italiana, piacevolissimo nei cantabili, tende a opacizzarsi dopo il passaggio all'acuto e in effetti, durante i concertati, la sua voce non riesce a distinguersi.

Man Soo Kim è un Miller in possesso di accento e fraseggio tipicamente verdiani, con vocalità luminosa e brillante, ed è un vero peccato che nel recitativo l'intonazione sia precaria e che alcuni acuti siano un po' tirati al limite.

Gianluca Lentini purtroppo non possiede né l'autorevolezza interpretativa né lo spessore vocale adeguato per vestire i panni di Walter e la sua performance risulta un po' monotona, oltreché mostrare qualche pecca nell'intonazione e nelle note più gravi.

Il ruolo di Wurm è eseguito da Cristian Saitta, che sfoggia un'imponente presenza scenica propriamente sostenuta da una voce voluminosa, corposa e ben centrata, tanto nel recitativo quanto nel cantabile.

La Federica di Junhua Hao è ben misurata nel personaggio, forse troppo, e mostra una bella voce intensa e brunita, anche se eccessivamente pastosa nella pronuncia. Buona la resa delle note più estreme, sia basse, sia alte.

Completano il cast la brava Renata Campanella nel ruolo di Laura e Bruno Nogara nei panni del contadino. Buona la prova del Coro del Teatro Municipale di Piacenza diretto da Corrado Casati.

 

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Recensioni Teatri Opere Liriche
recensioni

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/6/16 20:48
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok