√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale Santa Gianna Beretta Molla Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

RIGOLETTO

di Giuseppe Verdi su libretto di Francesco Maria Piave

Personaggi

  • RIGOLETTO, buffone di corte (baritono)
  • IL DUCA DI MANTOVA (tenore)
  • GILDA, figlia di Rigoletto (soprano)
  • SPARAFUCILE, bravo (basso)
  • MADDALENA, sorella di Sparafucile (mezzosoprano)
  • GIOVANNA, custode di Gilda (mezzosoprano)
  • IL CONTE DI MONTERONE(baritono)
  • MARULLO, cavaliere (baritono)
  • MATTEO BORSA, cortigiano (tenore)
  • IL CONTE DI CEPRANO (basso)
  • LA CONTESSA DI CEPRANO (mezzosoprano)
  • UN USCERE DI CORTE (tenore)
  • PAGGIO DELLA DUCHESSA (mezzosoprano)
  • cavalieri, dame, paggi, alabardieri
Trama e libretto dell'opera Rigoletto di Giuseppe Verdi

Introduzione

Opera in tre atti su libretto di Francesco Maria Piave, ispirato al dramma “Le roi s'amuse” di Victor Hugo, andata in scena a Venezia, Teatro La Fenice, l'11 Marzo 1851. L'opera, ambientata nel Ducato di Mantova nel periodo rinascimentale, inizia con una festa al Palazzo Ducale.

Trama

ATTO PRIMO

Il Duca corteggia la contessa di Ceprano, ma è attratto anche da una fanciulla che vede ogni domenica in chiesa; tuttavia egli stesso dichiara alla sua Corte che le donne avvenenti sono, per lui, tutte da conquistare.
Rigoletto, buffone di corte gobbo e maligno, irride il conte di Ceprano, e i cortigiani decidono di punire la sua insolenza. Sopraggiunge il vecchio Conte di Monterone, al quale il duca ha sedotto la figlia, a chiedere ragione dell'onta subita; Rigoletto lo deride sarcasticamente ed il Duca lo fa arrestare: sui due piomba allora la maledizione del vecchio nobile.
La scena successiva si apre sulla casa, molto appartata, di Rigoletto.
È notte e Rigoletto è avvicinato dal borgognone Sparafucile, che mette la propria spada di sicario a disposizione del gobbo in caso di necessità. Rigoletto ricusa ma, rimasto solo, paragona la propria lingua beffarda alla tagliente arma di Sparafucile, ma la maledizione di Monterone l'ha turbato. Nella sua casa vive, nascosta, la figlia Gilda vigilata dalla domestica Giovanna; il loro incontro è tenerissimo, e quando la giovane chiede notizie della madre, Rigoletto la descrive simile ad un angelo prematuramente scomparso. Rigoletto raccomanda alle due donne di non fidarsi degli sconosciuti e di tener sempre chiusa la porta ma appena s'allontana, Giovanna consente ad un giovane, di entrare in casa e di presentarsi a Gilda come Gualtier Maldé, lo studente povero che la segue in chiesa ogni domenica e di cui la fanciulla si è perdutamente innamorata.
Rimasta sola, Gilda manifesta il proprio amore per Gualtier Maldè.
Frattanto il gruppetto di cortigiani, che si propone di rapirla credendola l'amante di Rigoletto, è sorpreso dall'arrivo del gobbo; nel buio, Borsa fa credere a Rigoletto di voler rapire la moglie del conte di Ceprano, il cui palazzo si trova nelle vicinanze e lo benda poiché anche gli altri, gli viene assicurato, sono mascherati.
I cortigiani rapiscono così Gilda con la complicità inconsapevole del padre. Rigoletto, rimasto solo, si avvede della crudele beffa: la maledizione di Monterone sta per avverarsi.

ATTO SECONDO

Salotto nel Palazzo Ducale.
Il Duca, turbato perché tornato di notte nella casa di Rigoletto non ha più trovato Gilda, medita vendetta ma pensa soprattutto al dolore della fanciulla. Giungono i cortigiani, e gli raccontano d'aver rapito l'amante di Rigoletto.
Appreso che Gilda è stata condotta nel suo palazzo, il duca corre esultante a raggiungerla.
Sopraggiunge Rigoletto: simulando dapprima indifferenza, inveisce poi contro gli astanti invocando infine la loro pietà, ma quando Gilda irrompe in scena, li allontana per permetterle di narrare la vicenda, di come abbia conosciuto il duca e come da lui sia stata ingannata ed ora oltraggiata.
Rigoletto cerca di confortarla ma, alla vista di Monterone che è condotto al patibolo, decide di vendicare l'onore del vecchio conte e di se stesso, mentre Gilda invoca il perdono per l'uomo che l'ha sedotta.


ATTO TERZO

Rigoletto ha assoldato il borgognone per uccidere il Duca.
In riva al Mincio, nottetempo, nella locanda di Sparafucile, ove Maddalena, sorella del sicario, ha attirato il duca, del quale si incapriccia, giungono anche Rigoletto e Gilda, in abiti maschili, che verrà fatta partire per Verona; prima dovrà però constatare quali siano i veri sentimenti del Duca libertino, che travestito da ufficiale di cavalleria, canta un'aria sulla volubilità delle donne.
Mentre Maddalena si beffa delle proposte del suo corteggiatore, Gilda ricorda con amarezza le lusinghe che il duca le aveva rivolto; Rigoletto la esorta a partire e dimenticare.
Rigoletto anticipa a Sparafucile dieci scudi, promettendone altrettanti quando gli sarà consegnato, chiuso in un sacco, il cadavere del corteggiatore di Maddalena.
Maddalena, invaghita, chiede al fratello di non uccidere il bel giovane (il Duca) e lo convince a risparmiare l'ufficiale sostituendo il suo cadavere con quello del primo viandante che chiederà ospitalità per la notte.
Gilda, spinta dall'amore per il Duca, torna alla locanda e dopo aver ascoltato quanto Sparafucile e Maddalena hanno convenuto, decide di sacrificarsi per salvargli la vita, fingendosi un mendicante di passaggio.
Viene infatti pugnalata durante la notte tempestosa e quando Rigoletto aprirà, fuori dell'osteria, il sacco consegnatogli da Sparafucile, troverà il corpo dell'agonizzante figlia mentre in lontananza si udrà la beffarda melodia di “La donna è mobile”.
Gilda spira, dopo aver chiesto al disperato padre il perdono per sé e per il suo seduttore.


Brani celebri

  • Atto Primo
    • Questa o quella, Duca di Mantova
    • Pari siamo, Rigoletto
    • Caro nome, Gilda
    • Zitti zitti muoviamo a vendetta, coro cortigiani
  • Atto Secondo
    • Ella mi fu rapita... Parmi veder le lacrime, Duca di Mantova
    • Scorrendo uniti, coro cortigiani
    • Possente amor mi chiama, Duca di Mantova
    • Cortigiani vil razza dannata, Rigoletto
    • Tutte le feste al tempio, Gilda
    • Si, vendetta, tremenda vendetta, duetto Gilda e Rigoletto
  • Atto Terzo
    • La donne è mobile, Duca di Mantova
    • Un dì se ben rammentommi, quartetto Duca di Mantova, Gilda, Maddalena Rigoletto

Libretto

Leggi il libretto dell'opera Rigoletto di Giuseppe Verdi in formato pdf


Torna ai risultati della ricerca delle trame d'opera

Torna all'indice delle trame delle opere

Inserisci il curriculum Alta Visibilità

Si tratta di un'ottima occasione per farsi conoscere nel mondo della musica e dell'opera lirica e ti consentirà di essere contattato direttamente dalla persone interessate.
Guarda i curricula già inseriti:

»Curriculum Musicisti Cantanti lirici Insegnanti di canto e Artisti di musica e di opera lirica

Iscrivi il tuo Coro

Se il tuo coro non ha il sito web oppure vuoi aumentarne la popolarità allora iscrivilo al nostro sito.
Guarda i cori già inseriti:

Elenco cori di musica e opera lirica

Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 7/22/17 22:35
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok