√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Ricordo di Renata Tebaldi

a cura della redazione, 19/12/2007

In breve:
Nel terzo anniversario dalla morte, desideriamo ricordare la Voce d'Angelo, orgoglio della lirica mondiale.


Renata Tebaldi nei panni di Violetta nella TraviataRenata Ersilia Clotilde Tebaldi nasce a Pesaro il 1º febbraio 1922.
Il padre, Teobaldo Tebaldi, proveniva da una vecchi famiglia marchigiana; una sua bisnonna era la Contessa Giovanna Brunori di Corinaldo; sua nonna Ersilia Guidini, era donna di rinomata bellezza e dotata di una bellissima voce; una cugina, Edwige Tebaldi, aveva intrapreso con successo la carriera di cantante lirica ma era morta nel dare alla luce un bimbo che divenne poi missionario col nome di Padre Amendola dei Tebaldi, presso il comune di Bologna è erroneamente menzionata col nome di Eugenia, quale interprete di Flora nella Traviata del Giugno 1857 con il titolo di Violetta, in seguito alla censura operata da fra Pier Gaetano Faletti, inquisitore generale di Bologna in quel periodo.

Renata Tebaldi nei panni di Adriana LecouvreurLa mamma di Renata, Giuseppina Barbieri, era di Langhirano, paesino a 24 chilometri da Parma. Anche i Barbieri vantavano precedenti musicali in famiglia: il più notevole era Pietro Venturini, violinista e compositore che, per 30 anni, era stato violino di spalla al Carlo Felice di Genova. Anche il papà di Giuseppina aveva disposizione per la musica ed era stato uno dei promotori della banda di Langhirano.
Il papà di Renata era invece violoncellista di professione.

Può tutto questo servire ad introdurci nell'ambiente che accolse e crebbe la Voce d'Angelo?
Diremmo proprio di si.
Tuttavia di Renata Tebaldi non vogliamo raccontarvi la carriera ed i successi mondiali o il dualismo con Maria Callas di cui son pieni gli articoli di ogni
pubblicazione che rammenta la figura di questa Grande della Lirica, vogliamo altresì riportare una frase emblematica con cui si apre la sua biografia scritta da C. M. Casanova Da quel giorno non ho cantato più una nota. Non ne ho sofferto. Dirò di più: non ne ho mai sentito la mancanza. Quel che dovevo dare l'ho dato.”

Renata Tebaldi nel concerto in onore di Beniamino GigliAlla domanda “Ha mai pensato di dare lezioni di canto?” la Signora risponde: ”No. Non mi interessa. E poi la pazienza non è il mio forte.” “ Sono piuttosto propensa a dare dei consigli, dico: fammi sentire come canti e ti dico se è giusto o sbagliato; non mi sentirei a mio agio se dovessi lavorare con dei principianti: il pensiero che mi ossessiona maggiormente è il rischio di rovinarli”.

La fa soffrire andare all'opera quando altri cantano?”
Soffro solo se l'opera è andata male. Per il resto sono una spettatrice qualunque. Non mi immalinconisco a pensare: ecco, io la cantavo così, io facevo quel passaggio cosà… ascolto gli altri molto oggettivamente. Certo, mi stupisce la disinvoltura con cui si usano oggi le voci, adattandole a qualsiasi parte, ma credo che sia un fenomeno di natura… le voci sono rimpicciolite e dobbiamo accontentarci di quelle che ci sono o togliere certe opere dal repertorio.

Renata Tebaldi in concertoC'è scarsità di voci spinte, oggi?
Si, oggi c'è molta scarsità di grandi voci ed io sono sempre più convinta che sta nel fatto dell'intonazione dell'orchestra. E' il diapason che porta tutto questo scompiglio. Infine bisogna ammettere che purtroppo non sono tanti i maestri che sanno insegnare il canto; inoltre riguardo al temperamento dei cantanti del giorno d'oggi, dirò che mi lascia un po' scettica perché sento molte voci giovani a teatro e sono tutti preoccupati di cantare ma non si preoccupano affatto di quello che può essere l'espressione e l'interpretazione. Penso che dovrebbero svegliarsi un po' e pensare a quello che dicono. Se soltanto si rendessero conto delle parole che pronunciano cantando, dovrebbero per forza esprimere qualche cosa”.

Esistono libri di canto che lei consiglia? Lei leggeva libri di canto?”.
I libri più efficaci sono certamente quelli scritti da Garcia, però studiare canto sui libri si può anche tentare di farlo, ma ci vuole una persona che controlli, perché come si fa da soli?... Io non ho mai usato libri perché ho avuto da Dio questo grande dono naturale ed ho studiato cercando di togliere solo quei piccoli difetti che aveva la mia voce.

Il 19 dicembre 2004 si spegne a San Marino
Speriamo, con queste righe, di aver contribuito a diffondere il pensiero di una delle ultime Grandi Presenze della scena lirica mondiale: Renata Tebaldi, la Voce d'Angelo che il mondo intero ci ha invidiato e che abbiamo voluto onorare così.
 

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Pubblicazioni Articoli di musica e opera lirica
curiosita

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/7/16 11:30
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok