√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Convenzione soci liricamente Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Recensione opera Elisir d'amore di Gaetano Donizetti a Padova

Maria Cristina Chiaffoni, 06/08/2019

In breve:
Padova, 2 agosto 2019 - Recensione dell'opera lirica l'Elisir d'amore di Gaetano Donizetti in scena a Padova.


p>ELISIR GIOVANE E MOLTO SOCIAL

Nella suggestiva cornice del Castello Carrarese di Padova va in onda, è il caso di dirlo, una godibilissima ed innovativa rappresentazione dell'ELISIR D'AMORE di Gaetano Donizetti con la direzione artistica di FEDERICO FAGGION per TEATRO STABILE VENETO .

Innovativa, intelligente ed ottimamente concepita e svolta in scena la regia di YAMAL DAS IRMICH che immerge i personaggi ed il coro della splendida opera donizettiana in un mondo virtuale e dominato dai socials, icona lucida e spietatamente sincera dei nostri tempi. Ogni persona in scena è dominato da una dipendenza: Nemorino, con la sua cameretta tappezzata da poster di Adina, la sua ossessione, Adina, innamorata della forma fisica e di sé stessa come lo è Giannetta, Belcore un wargame vivente, ed il coro quasi automi con lo sguardo fisso su cellulare e tablet.

Icona del nostro tempo, quanti ne vediamo in giro ahimè.

La scena di MATTEO PAOLETTI FRANZATO, molto evocativa e pregnante di significati, raffigura lo schermo di un computer, lucida, algida ed abbagliante. Funzionali sono i costumi moderni di PAOLETTI Franzato.

Scelta coraggiosa e sfida per me vinta quella del giovane regista, che nel pieno rispetto del discorso musicale e senza prevaricarlo, ma anzi arricchendolo di significati che fanno riflettere e meditare gli spettatori, riesce nel suo intento.

Abbastanza supportato da un cast giovane.

Su tutti emerge
la meravigliosa Adina di JESSICA NUCCIO, voce d'angelo molto bella, tecnicamente eccelsa messa in difficoltà però in questo caso da una conduzione dell'orchestra non buona. Ma la NUCCIO comunque grazie appunto a tecnica e musicalità elevate riesce a tratteggiare un'ottima Adina.

Il protagonista Nemorino, GIORDANO LUCA ha una bellissima voce da tenore di grazia, gradevolissima nell'emissione, garbata e supportata da buona tecnica, ma è molto acerbo ancora nel fraseggio e nello studio del personaggio.

Maturo invece anche se troppo tronituante, ma con il personaggio ci sta, è il Belcore di LEONARDO LEE, voce molto importante, ben emessa e brunita.

Deludente , ma mi riservo di riascoltarlo, è il Dulcamara di FILIPPO POLINELLI, anche se vocalmente buono, musicale ed omogeneo nei registri. Qui la regia gli offre un personaggio da Grande fratello che comanda e guida le persone, ma l'interprete manca di autorevolezza e di vis comica richiesta al personaggio. Non esce fuori, non travolge e non si impone. Certo la giovane età gli permetterà di perfezionare scena e personaggi che comunque gli possono essere congeniali.

Sensuale e gradevolissima, con voce molto bella, la Giannetta di SILVIA CELADIN.

 Il CORO LIRICO VENETO diretto da STEFANO LOVATO in gran parte ben aderisce alla regia, salvo alcuni elementi che sembrano un po imbarazzati e non partecipi. Come noto in un coro che è comunque composto da ottimi
professionisti e che spesso ho ammirato in scena, (memorabile un Va' pensiero al Verdi di Padova quest'anno nel Nabucco inaugurale) un'evidente squilibrio tra voci alte (soprani e tenori preponderanti) sulle voci gravi . in pratica sembrano tutti soprani e tenori, manca totalmente il tappeto sonoro ed il pedale delle voci gravi, la morbidezza del colore scuro. Resta comunque una gran classe ed una musicalità ineccepibile.

Veniamo alle note veramente dolenti . Il giovane direttore d'orchestra NICOLA SIMONI che stacca tempi incomprensibili anche per la stessa orchestra e palcoscenico mettendo spesso in difficoltà entrambi.

Nell'opera soprattutto buffa ben venga la velocità, ma deve essere ben calibrata e condotta. Mi riservo di ascoltarlo in altre produzioni. Ne soffre molto una signora orchestra come L'ORCHESTRA DI PADOVA E
DEL VENETO
che qui risulta un po spenta ed affannata nel seguire il direttore.

Il teatro era pieno. Putroppo la recita è stata sospesa per pioggia nel momento più sublime dell'opera, ma per fortuna poi ripresa fino alla fine.

Il pubblico è stato abbastanza soddisfatto e molto partecipe .

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Pubblicazioni Articoli di musica e opera lirica
recensioni

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 8/18/19 05:49
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok