√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

L'ultimo applauso a Giuseppe Di Stefano

a cura della redazione, 03/03/2008

In breve:
Più che scrivere noi un ricordo su Giuseppe Di Stefano lasciamo l'ultima parola all'artista... che sia di stimolo e insegnamento per tutti i giovani cantanti.


Muore a Milano, il tenore GIUSEPPE DI STEFANO, nato a Sant'Anastasia (CT) il 24 luglio 1921.
Per rendere omaggio a questo grande Tenore dalla vocalità tanto comunicativa e generosa, vorremmo riportare il suo pensiero circa l'arte del Canto.
Come diceva questo grande interprete, per l'arte del canto occorrono due strumenti: La voce e l'espressione, poiché l'arte del canto consiste proprio nel colorire la parola con espressione, dominando il proprio strumento naturale… la Voce.

Questo strumento, di sicuro è il più delicato, poiché lo portiamo con noi e magari lo usiamo ventiquattro ore su ventiquattro; poiché subisce l'influsso della nostra psiche, delle nostre emozioni ed è condizionato da un numero incalcolabile di cose, ed anche esposto a mille malanni.”

Quello che ho imparato subito, è la possibilità di sdoppiarmi in scena: cantavo ma avevo la capacità di ascoltarmi e giudicarmi, come Caruso che, dopo ogni recita, scriveva dietro l'assegno relativo: bene, benino, benone, male…. Modestia e autocritica sono le armi migliori di un cantante.”
Col talento per cantare si nasce, e lo si sente subito. Ma c'è un principio preciso: anche le voci importanti, all'inizio, devono attenersi al repertorio “classico”; ognuno deve conoscere la propria voce ed il modo più naturale per produrla: ognuno deve cantare il proprio repertorio poi, piano piano, lo estenderà.

Oltre alla sicurezza del proprio strumento, occorre una vocazione al teatro. Un personaggio non si può spiegare, lo si deve sentire nella musica e nelle parole; la tecnica di oggi è monocolore mentre la voce è come un viso: i cantanti di oggi spesso non hanno viso e quando esci da teatro, ti chiedi che opera era. A questo punto, qualche parola sul diaframma, che è la base su cui si fonda la sicurezza della voce e, in definitiva, la sicurezza del cantante. Direi che, di tutta la tecnica del canto, questo è l'unico argomento che esula dalla sensibilità artistica e che si può insegnare. Il diaframma è quel muscolo che separa i polmoni dallo stomaco e dagli intestini; gli antichi affermavano che è la sede della vita

Viviamo in un'epoca fanaticamente teorica, nella quale scienza e tecnica sono diventate una religione a spese dell'arte e dell'artista: intuizione, capacità di creare sensazioni, istinto sembrano cose remote, del passato. Per quanto mi riguarda, ho offerto di me l'immagine che piaceva a me, e che ai critici non piaceva. A me piace l'artista dotato, piace scherzare, prendere tutto con ironia, per questo ho alimentato l'immagine dell'artista nato, scanzonato e indisciplinato e credo che questo sia piaciuto al pubblico; l'artista deve andare davanti al pubblico e piacergli; non può essere pieno di prosopopea, tutto costruito, deve far dimenticare l'aridità della scienza e della tecnica.”

Registrazione audio e video

(Premere il pulsante "Menu" per vedere altri video)
N.B. Se il video è scattoso, allora premere il pulsante pausa e aspettare che il video si carichi un po'. Poi riprendere la riproduzione.

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Pubblicazioni Articoli di musica e opera lirica
curiosita

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/10/16 17:28
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok