√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Da cantante a insegnante di canto... il diario di una vita

Daniela Favi Borgognoni, 23/07/2007

In breve:
Insegnare canto è una grande responsabilità, perché nelle mani degli insegnanti vengono riposte aspettative, speranze, sogni e…. soprattutto voci.


Mi è stato chiesto di parlare di esperienze concrete, interessanti per coloro che si interessano di lirica e ancor più di canto.
Posso dire che insegnare canto è una grande responsabilità, perché nelle mani degli insegnanti vengono riposte aspettative, speranze, sogni e…. soprattutto voci.

Impostare una voce è compito assai difficoltoso, abbisogna di tempo, pazienza, psicologia, positività, entusiasmo e, scusate l'immodestia, capacità, esperienza e soprattutto amore.
Amore per la musica, in primis, per la lirica, per i giovani e per l'arte, perché c'è molta differenza tra una persona che canta ed un artista.

Oggi siamo abituati a non analizzare più quello che ci viene proposto, se una cosa la vediamo o sentiamo in televisione diamo per scontato che sia una buona cosa, la superficialità ha preso il posto della consapevolezza e della capacità di discernimento. So per certo che nei pochi Grandi rimasti a testimoniare il fulgido passato della lirica italiana, l'amarezza per le moderne gestioni dell'argomento “lirica” ha preso il sopravvento sull'amore.

Oggi si cercano gli insegnanti che abbiano agganci con le agenzie teatrali o con direttori artistici (che spesso dirigono poco artisticamente) perché si ritiene più importante l'aggancio giusto del saper cantare.

Basta ascoltarli, i Grandi, quando parlano di come solevano studiare una romanza, un ruolo, di quante volte hanno rinunciato a recite non adatte alle loro corde, alla loro spiritualità.
Mi commuovo quando ti raccontano di aver cercato dentro di loro il colore giusto per una frase, l'espressione adatta al personaggio di turno.

Anche oggi leggiamo qualcosa di simile nelle interviste, ma quando poi li ascoltiamo, i “nuovi grandi”, ci rendiamo conto che sono parole dette solo perché commercialmente fa un bell'effetto e non perché siano concetti interiorizzati e messi in pratica.

Come ci si accorge di questo?

Ascoltando! Prendete una incisione dal vivo degli anni '60 e ascoltate le romanze dei protagonisti; sentirete che ogni parola ha un suo colore, sentirete che le frasi hanno un senso, sentirete che ci sono parole che straziano l'anima (anche senza vedere gli interpreti) perché la forza, l'espressività del cantante stava nel suo sentire e trasmettere i sentimenti del personaggio.
Poi prendete una registrazione, dal vivo, dei giorni nostri e confrontate le romanze.
Le trovate uguali?
Allora non avete ascoltato bene, perché il cuore non mente!

L'Artista dà l'anima sul palcoscenico anche se non puoi vederlo, anche se non canta alla Scala, semplicemente perché il vero Artista ha una grande anima al servizio della musica, non del portafogli!
L'Artista è tale quando fa musica non quando elenca dei suoni senza sentimento magari atteggiandosi a Eleonora Duse in pose plastiche o scegliendo di mostrare il profilo migliore.

Superficialità è la parola d'ordine, forti del fatto che chi sovrintende non intende (perdonate il gioco di parole) e che chi ascolta viene soggiogato da articoli scritti da chi non ha mai ascoltato un'opera intera e si basa su ciò che legge sulla carta patinata ove il cantante viene sovraesposto come un attore di Hollywood e nessuno si permette di dire che forse il repertorio che affronta non è proprio giusto.

Il risultato … sono i divi effimeri dei giorni nostri che durano qualche anno e non più perché la loro tecnica di canto non è completa e la voce si perde, oppure perché sono spalleggiati per qualche tempo poi la loro stella si spegne a favore di altri più giovani e quindi disponibili.

Pensate che i Grandi abbiano torto nell'amareggiarsi?

Rispondete col vostro pensiero o le vostre esperienze personali e fateci sentire che c'è voglia di cambiamento, voglia che la grande arte nazionale ritorni splendida come quando era possibile trovare 5 o 6 compagnie di canto formate da grandi voci, in giro per l'Italia e per il mondo.

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Pubblicazioni Articoli di musica e opera lirica
audizioni di canto lirico per cantanti cori lirici

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/11/16 03:07
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok