√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Opera al cinema: solo business o anche cultura?

Redazione Liricamente, 15/11/2011

In breve:
Desideriamo sottoporre all'attenzione dei nostri lettori un fenomeno che si sta diffondendo da alcuni anni e che sta portando al cinema e poi a teatro un numero elevato di appassionati dell'opera lirica, ma non solo: l'opera lirica al cinema.


Opera al cinema: business o cultura ad alta qualità?
Desideriamo sottoporre all'attenzione dei nostri lettori un fenomeno che si sta diffondendo da alcuni anni e che sta portando al cinema e poi a teatro un numero elevato di appassionati dell'opera lirica, ma non solo: l'opera lirica al cinema.

Fino a qualche anno fa poteva considerarsi un'operazione “dissacrante” per i cultori dell'opera secondo i quali quest'arte è apprezzabile solo in teatro.
Oggi si sta rivelando invece un'opportunità e un'occasione unica per poter assistere anche a spettacoli straordinari in scena in alcuni templi mondiali della lirica che per molti, seppur appassionati, sarebbe difficile poter apprezzare dal vivo.

Locandina Opera al Cinema Nexo DigitalSi pensi, per esempio, allo straordinario esperimento sbarcato quest'anno in Italia realizzato da Nexo Digital: la programmazione del Metropolitan Opera di New York in HD in diverse sale cinematografiche del nostro Paese.

L'idea è quella di fare uscire, attraverso l'utilizzo della tecnologia, la musica colta dai suoi recinti naturali (il teatro), per farla sbarcare ovunque possibile, cogliendo tutte le opportunità che essa può offrire per valorizzare al meglio la nuova forma di spettacolo che si va a proporre.

Ciò che si vede sul grande schermo non è una ripresa fissa e immobile, un'unica inquadratura immutabile: la regia è mossa, fatta di primi piani e movimenti di macchina. Diverse telecamere sono puntate sul palco, sull'orchestra e sulla platea. Tutto questo vivacizza la visione, e crea un ibrido fra una produzione per il teatro e una pensata per il cinema.

La qualità del suono e dell'immagine sono curate al massimo per valorizzare la messa in scena e per soddisfare l'orecchio fine del melomane e l'occhio del pubblico cinematografico. Gli intermezzi fra i vari atti sono riempiti da interviste nel “dietro le quinte” per vivere l'emozione del foyer come a teatro.

Tra gli appassionati della grande musica, chi sceglie di andare al cinema ha quindi l'occasione di assistere ad uno spettacolo lirico-cinematografico da un teatro a chilometri e chilometri di distanza che è tra i primi al mondo per l'alta qualità e il numero di produzioni realizzate. Inoltre, un nuovo pubblico può venirsi a creare grazie ai bassi prezzi dei biglietti, al valore culturale della proposta e al mezzo utilizzato (le sale cinematografiche)… e tutto questo senza finanziamenti pubblici!

Sappiamo bene, però, che se si vuole godere un momento culturale più aderente allo spirito del teatro e cioè partecipazione emotiva con gli artisti e coinvolgimento dello spettatore con la rappresentazione, questo al cinema non può esserci perché manca l'”effetto presenza” e non lo può conoscere chi non l'abbia provato e goduto almeno una volta.

Se amiamo la lirica siamo felici di poterla seguire dovunque si possa, anche perché i collegamenti con i grandi teatri danno agli appassionati l'opportunità di vedere quasi dal vivo i più grandi interpreti del momento che nei teatri di provincia non si ha l'opportunità ascoltare. Il cinema in questo senso rende maggiormente fruibile nello spazio e a costi decisamente più economici, un'arte che diversamente sarebbe difficile da avvicinare.

I vantaggi monetari però non sono solo per il pubblico, ma anche per il teatro, perché il Met incamera una percentuale sugli incassi di ogni cinema, quindi costituisce una fonte di entrate importante per le casse delle fondazioni liriche che sono in perenne deficit.
Come dimostrano i dati e le considerazioni di Filippo Cavazzoni esposte nell'articolo pubblicato su www.chicago-blog.it.
Innanzitutto il fatto stesso di trovare una rendicontazione così puntuale sull'attività di un teatro è da noi cosa assai rara (provate a cercare i bilanci delle nostre Fondazioni lirico-sinfoniche…). Nel 2009 le entrate derivanti dall'attività del Met sono state pari a 153,8 milioni di dollari. Di questa cifra, 98 milioni provengono dal box office e 22 dagli accordi stipulati con i vari media (sale cinematografiche incluse). Sempre nell'anno fiscale 2009, i contributi ricevuti sono stati pari a 127 milioni di dollari. Di questi, 108 milioni riguardano contributi individuali di persone, 15 milioni da fondazioni e imprese private. Sapete invece quanti sono stati i contributi pubblici totali? 3 milioni, ovvero il 2,36% del totale dei contributi. Se sommiamo entrate “operative” e contributi (totale entrate: 280,8 milioni) i contributi pubblici pesano solamente per l'1,06%.

Proviamo a fare velocemente un raffronto con la nostra principale istituzione in tale ambito: il Teatro alla Scala di Milano. Prendiamo i dati dalla Relazione sull'utilizzo del FUS (Fondo unico per lo spettacolo) del 2009. Totale contributi: 50 milioni di euro. Totale contributi privati: 1,8 milioni. 48 milioni circa riguardano quindi l'intervento di Stato, regione, provincia e comune. Rispetto al Met il rapporto è completamente sbilanciato, se da una parte il peso del contributo pubblico, sul totale dei contributi, è davvero minimo, nel caso della Scala è l'opposto: sul totale dei contributi, quelli pubblici rappresentano la quasi totalità.
Un altro dato mi sembra molto interessante: quello delle alzate di sipario. Il Met ne ha totalizzate 216 (anno 2009), mentre la Scala 117 (anno 2008). Se il primo male di cui soffre la lirica in Italia è la mancanza di contributi privati (si tratta di un settore ampiamente sussidiato), il secondo è rappresentato dalla scarsa produttività: il costo del lavoro rispetto alle alzate di sipario è troppo elevato.

La lezione che si può imparare da questa rapida e sommaria comparazione è, a mio modo di vedere, evidente. Da una parte (Met) abbiamo un teatro dinamico che inventa nuove forme per commercializzare e divulgare le proprie produzioni; dall'altra (Scala) un teatro prestigioso e conosciuto a livello internazionale che riposa sugli allori.

Se è vero che i costi di produzione di un'opera lirica sono elevati, è anche vero che esistono gli strumenti per aumentare i ricavi e ridurre il costo del lavoro. Sul primo punto, il Met è la dimostrazione che la tecnologia può aiutare. Sul secondo punto, le strade da percorrere sono diverse: se pensiamo alle nostre Fondazioni liriche la ricetta potrebbe essere: più alzate di sipario, meno personale “stabile” e un diverso contratto collettivo nazionale. I costi di produzione possono inoltre essere mitigati da un incremento della domanda (a sua volta determinato, come nel caso del Met, da una diversificazione dell'offerta).

All'opera a teatro o al cinema?
Ovunque essa sia, auspicando anche che ce ne fosse di più anche alla televisione e nelle scuole!

E voi, cari amici, cosa ne pensate?

Vi invitiamo a rispondere al sondaggio seguente. Scegliendo ogni risposta si visualizza immediatamente il grafico con il report dei voti complessivi, pertanto per poter votare la domanda successiva è necessario cliccare sul link: "Torna alla pagina precedente".

Nella prossima newsletter vi diremo i risultati e vi invitiamo anche a inserire i vostri commenti in fondo alla pagina!

Sondaggio:
cosa ne pensi dell'opera vista al cinema?




Per gli amanti dell'opera è un'opportunità o una perdita d'identità di quest'arte?







Cosa apprezzi di più di questa iniziativa?







Le fondazioni liriche italiane devono cogliere questa opportunità per incrementare le proprie entrate?





Hai già assistito all'opera al cinema?





 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Pubblicazioni Articoli di musica e opera lirica
curiosita

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/7/16 23:11
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok