√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Amarezze e delusioni di uno studente di Canto

Daniela Favi Borgognoni, 15/11/2007

In breve:

Leggendo un vostro messaggio nella rubrica l'Esperto Risponde riguardante la delusione degli Allievi di Canto, è riaffiorato alla memoria un aneddoto che avevo rimosso completamente e che voglio raccontarvi.


Torniamo al periodo in cui studiavo alacremente per audizioni e concorsi vari, nella speranza di aprirmi un varco nel mondo della lirica; ricordo quel pomeriggio estivo ma più che il fatto in sé, ricordo gli stati d'animo ancora vivi ed il disagio che si prova quando ci si pone davanti a qualcuno per essere “giudicato”.

Eravamo quattro giovani di belle speranze a produrci in questa audizione che avrebbe dovuto svolgersi nell'intervallo tra la prova pomeridiana e quella serale di uno dei teatri più famosi d'Italia.
La nostra comune insegnante ci aveva accompagnato, trepidante anche lei per l'avvenimento, sedevamo in platea come una chioccia coi suoi pulcini, aspettando di essere chiamati in palcoscenico sul quale era stato posto un pianoforte verticale.
Sparsi per l'ampia platea, i Coristi (così si chiamavano allora senza offesa) consumavano il loro panino prima di riprendere le prove.
In fondo alla platea, nel punto più lontano dal palcoscenico, era posizionata la Direzione Artistica che avrebbe ascoltato e… giudicato i candidati.
Ecco, il maestro sostituto si accomoda al pianoforte… il silenzio attanaglia i presenti.

Primi sintomi di nervosismo, poi una voce dice ”Cominciamo”.
Ad uno ad uno, i miei tre compagni ed io, ci avvicendiamo per cantare la nostra romanza.
Il tenore cantò l'aria “E lucevan le stelle”, indi io mi produssi in una scoppiettante aria rossiniana (dicevano che l'anno dopo avrebbero allestito La Sonnambula… risultato poi essere un falso allarme), le altre mie compagne di studi una in un'aria di Oscar di Un ballo in maschera, l'altra in Vissi d'arte dalla Tosca.

Eravamo tutti abbastanza soddisfatti delle nostre prestazioni (tranne Oscar che diceva di aver sentito poco il pianoforte) ma tutti e quattro notammo che la nostra insegnante era sparita; pensammo si fosse recata dalla commissione per aver qualche parere… girammo lo sguardo verso il fondo della platea… no, loro erano ancora lì seduti come in attesa, il pianista era ancora al suo posto di battaglia ed ecco… dopo qualche minuto e tra lo stupore generale, la nostra insegnante attraversare goffamente il palcoscenico con in mano uno spartito, consegnarlo all'accompagnatore, aggiustarsi l'abito.

Copertina dello spartito La Gioconda di Amilcare PonchielliLa prima nota di “Suicidio”dalla Gioconda.

Silenzio di gelo tutt'intorno e la voce potente e brunita della Signora, un tempo ottima cantante di ottimo livello, che si diffondeva tutt'intorno, bella senz'altro anche se minata dall'usura impietosa del tempo; vibrante ed espressiva come certamente noi non eravamo in grado di produrre.
Terribile e toccante l'ultima frase “Dentro l'avel” (al solo ricordo, la pelle mi si accappona ancora).

Fine.

Con un sorriso forzato la Signora conclude l'esibizione e si accinge a riprendere il suo spartito, mentre i coristi ci si avvicinano beffardi chiedendo ”Ma non è la vostra insegnante quella?” ed anche “È lei che presenta voi, o voi che portate lei?” e ancora ”Se vuol cantare lei, col cavolo che aiuterà voi!”.

Noi eravamo confusi, i miei colleghi continuavano a rispondere che non ne sapevamo niente, che eravamo sorpresi quanto loro.
Erano offesi, si sentivano quasi usati.
Fui l'unica ad aver il coraggio di chiederle ”Come mai, Signora, non ce l'aveva detto?” e lei imbarazzatissima ”Non doveva saperlo nessuno. Volevo che fosse una cosa privata”.

Non ne parlammo più. Certo è che i miei compagni persero completamente la fiducia in quella persona che avevamo sperato almeno più leale nei nostri confronti.

La mia reazione?
Pietà.
Mortificata nell'anima non feci che chiedermi ”Fino a quando si ha diritto ad avere un sogno nel cassetto tanto forte da vincere sulla dignità?

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Pubblicazioni Articoli di musica e opera lirica
audizioni di canto lirico per cantanti cori lirici

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/4/16 11:14
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok