√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

» Recensione opera La scala di seta di G. Rossini al Rossini Opera Festival

William Fratti, 01/09/2009

In breve:
18 Agosto 2009 - Il Teatro Rossini di Pesaro, nella XXX edizione del Festival dedicato al celebre compositore, ha ospitato una nuova edizione de La scala di seta firmata da Damiano Michieletto, con scene e costumi di Paolo Fantin e progetto luci di Alessandro Carletti.


(Clicca sulle immagini per allargarle - Foto Amati Bacciardi per gentile concessione del Rossini Opera Festival)

Il Teatro Rossini di Pesaro, nella XXX edizione del Festival dedicato al celebre compositore, ha ospitato una nuova edizione de La scala di seta firmata da Damiano Michieletto, con scene e costumi di Paolo Fantin e progetto luci di Alessandro Carletti.

La scala di seta di Gioachino Rossini alla XXX Edizione del Rossini Opera Festival 2009
Il regista veneziano ha saputo creare uno spettacolo efficace, moderno, intelligente ed interessante, dimostrando quanto la commedia rossiniana sia ancora attuale e al passo con i tempi.

Tutta la farsa si svolge nell'appartamento di Giulia, abilmente arredato dallo scenografo con del bel mobilio alla moda, stranamente disegnato su pianta, perfettamente leggibile da un grande specchio inclinato che riflette tutto il palcoscenico. L'effetto è divertente, ma soprattutto sorprendente al momento dell'utilizzo della scala di seta da parte dei pretendenti di Giulia, che sembrano davvero salire dal pianterreno fino alla finestra della giovane.

Nella recita in matinée di martedì 18 agosto tutti gli interpreti hanno dato il meglio di se stessi, mostrando le loro buone qualità di belcantisti, oltreche di attori comici.
Olga Peretyatko è un'eccellente interprete rossiniana, dotata di un bel timbro morbido e di un colore non troppo chiaro. Acuti e sovracuti sono perfettamente appoggiati – anche nelle scene fisicamente più ardue, dove il soprano sanpietroburghese è impegnato in una presunta lezione di fitness – accompagnati da centri e gravi ben saldi. Al termine del duetto con GermanoIo so ch'hai buon cuore” e dell'aria “Il mio ben sospiro e chiamo” riscuote numerosi applausi, intensificati dal pubblico al termine della rappresentazione.

José Manuel Zapata, alle prese con il personaggio di Dorvil, riesce a dipingere correttamente le caratteristiche dell'innamorato, artefice e vittima al tempo stesso di una serie di equivoci divertenti. La voce tenorile è opportunamente leggera, la linea di canto limpida, il personaggio adeguatamente impacciato, come pure quello di Blansac, interpretato da Carlo Lepore, entrambi eccellentemente inseriti nelle vicende della commedia. Anche il basso napoletano mostra le sue qualità di belcantista e durante gli applausi finali i due protagonisti ricevono i calorosi e ben guadagnati consensi degli spettatori.

Paolo Bordogna, accanto a Olga Peretyatko, è la vera stella della serata. Non solo simpatico e divertente nei panni di Germano – che nella sua visione, vidimata da Michieletto, è un colf filippino – ma soprattutto un esemplare interprete rossiniano, con voce di baritono brillante, buon fraseggio, buon vibrato e note acute ben appoggiate. Le scene con Giulia sono veramente piacevoli, sia dal punto di vista scenico sia musicale, e le acclamazioni del pubblico sono la prova tangibile della sua bravura e del suo successo.

Completano meritatamente il cast Anna Malavasi e Daniele Zanfardino, nei simpatici ruoli di Lucilla e Dormont.

La direzione di Claudio Scimone, sul podio dell'Orchestra Haydn di Bolzano e Trento, fa onore alla sua lunga carriera, ma ormai manca leggermente della vivacità e del rigore tipici del repertorio rossiniano.

Unico neo tecnico dello spettacolo è la presenza di luci, numerose ed ingombranti, accanto ai palchi di proscenio del terzo ordine, che hanno oscurato metà del palcoscenico a tutti gli spettatori paganti seduti nei posti laterali della terza fila.

La scala di seta di Gioachino Rossini alla XXX Edizione del Rossini Opera Festival 2009
 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Recensioni Teatri Opere Liriche
recensioni

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 

Documenti Collegati

Articoli

Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/5/16 19:37
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok