Scelta del repertorio lirico in base alla classificazione vocale: repertorio soprano lirico leggero, repertorio lirico spinto, repertorio drammatico, repertorio falcon, repertorio mezzosoprano rossiniano verdiano, repertorio verdiano, repertorio tenore lirico leggero, repertorio baritono brillante, repertorio bas-bariton, repertorio baritono verdiano, repertorio basso, repertorio basso buffo e verdiano

√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Concorso Internazionale di canto lirico di Spoleto Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Repertorio lirico|Pagina 5

Scegliere cosa studiare (e quindi cantare) in base alla propria vocalità non è semplice non solo perchè il repertorio musicale è vasto, ma anche perchè anche se adatto al proprio strumento, bisogna conoscere quando si ha la preparazione tecnica per poterlo eseguire.
Il nostro esperto darà risposte in merito a dubbi circa il repertorio lirico adatto per ogni soggetto.

 

Opzioni di visualizzazione

 
Scegli l'argomento:
Cerca 
 
 

Vai alle domande:
|Precedente| |1 - 30| |31 - 60| |61 - 90| |91 - 120| |121 - 150| |151 - 180| |181 - 183| |Successiva|
  • 30/03 - SILVIA
    Mi scuso per essere stata troppo sintetica. Ho 27 anni e studio da 5, sono ancora in conservatorio e spero di diplomarmi entro l'anno prossimo. Purtroppo ho cambiato vari insegnanti e metodi, spesso sono stata ritenuta un soprano leggero, ma sono certa di non esserlo. Attualmente sto affrontando la Bohème nel ruolo di Mimì e la Traviata. Devo dire che vocalmente li sento molto comodi; io speravo più che altro in un cosiglio generale su quali ruoli potrebbero essere più adatti ad un lirico puro. Le invierò al più presto una registrazione in modo da renderle più facile il tutto. Grazie ancora Silvia
    Leggi la rispostaLeggi la risposta
  • Risposta dell'esperto di musica e opera lirica
    CIAO SILVIA,
    grazie per le spiegazioni e grazie se vorrai mandarmi il file audio perchè possa capire meglio la tua vocalità. Genericamente posso dire che un soprano lirico puro può cantare i ruoli di Liù (Turandot), Micaela (Carmen), Manon (Manon di Massenet), ma anche le arie della Lucrezia Borgia (Com'è bello) e dell'Anna Bolena (Al dolce guidami); ci sono tante belle opere da studiare, basta solo un po' di buona volontà !
    Un abbraccio in attesa del file.
    Mae

    Stampa

  • 30/03
    Da qualche anno ho saputo di essere un soprano lirico spinto, lirico pieno. Vorrei sapere: quali potrebbero essere il repertorio per tale tipo di soprano e quali i compositori? Grazie Gabriella Chieti
    Leggi la rispostaLeggi la risposta
  • Risposta dell'esperto di musica e opera lirica
    CIAO GABRIELLA,
    è necessario fare alcune premesse partendo dal fatto che oggi, in teatro, non si fanno più tante distinzioni: ognuno canta ciò che gli viene proposto, anche se non adatto alla propria vocalità e non per ignoranza, ma per il cachet e la visibilità. Quando si ottiene un ruolo,anche se inadatto, ci si ritiene fortunati e lo si accetta in ogni caso: è ciò che i Grandi di un tempo rimproverano alle nuove generazioni "usa e getta". Per non parlare del fenomeno Callas che, avendo un' estensione notevole ed un' abile tecnica, ha potuto affrontare i ruoli più disparati (alcuni anche solo discograficamente) e così si è creata una confusione tale che rimane difficile capire cosa va bene. Ultima precisazione: parleremo per sommi capi, pur sapendo che ogni voce ha le proprie caratteristiche, colore ed inclinazioni naturali e che andrebbe ascoltata per poterla indirizzare. Secondo la concezione dell'epoca aurea del canto lirico, elencherei per un soprano lirico pieno/spinto i seguenti ruoli: Donna Anna (Don Giovanni), Desdemona (Otello di Verdi), Suor Angelica, Lucrezia Borgia, Anna Bolena, Margherita (Mefistofele), Matilde (Guglielmo Tell di Rossini), Semiramide e molti altri ancora, non c'è che l'imbarazzo della scelta! Consiglio sempre di affrontare Puccini ed i veristi quando si sarà acquisita una buona tecnica, quindi non in giovanissima età. Buon lavoro.
    Mae

    Stampa

  • 01/04 - SILVIA
    Ringrazio per i consigli sul repertorio. Mi fa piacere sapere di essere finalmente sulla buona strada. Nel mio repertorio infatti ci sono proprio le arie della Lucrezia Borgia e della Manon di Massenet. In questo periodo sto affrontando Mozart, più specificatamente la contessa delle nozze di Figaro. Ma qual è il segreto per cantare Mozart in generale? Io lo trovo maledettamente complicato e spero di non essere l'unica. Un saluto Silvia
    Leggi la rispostaLeggi la risposta
  • Risposta dell'esperto di musica e opera lirica
    CIAO SILVIA,
    sono felice che trovi riscontro nei suggerimenti; molto bene anche la Contessa. Mozart è un autore che viene sottovalutato ed affrontato spesso quando non si ha la dovuta abilità (forse perchè non occorre un particolare volume per eseguirlo), però perchè sia piacevole e corretto, occorre una buona preparazione tecnica e stilistica. Il canto pulito dei ruoli Mozartiani, spesso infastidisce i caratteri esuberanti che vorrebbero continuamente "vociare", mentre la bellezza e l'eleganza stilistica fanno delle composizioni del grande Maestro dei veri e propri gioielli. Dunque per capire bene, all'inizio, bisogna ascoltare i grandi interpreti ed imparare da loro l'eleganza e la raffinatezza nel porgere. Buon lavoro e a presto!
    Mae

    Stampa

  • 20/04 - ilaria
    Ciao a tutti! Studio da 3 anni canto lirico e vorrei sapere che differenza c'è tra soprano lirico e soprano leggero, di agilità o spinto! Grazie!
    Leggi la rispostaLeggi la risposta
  • Risposta dell'esperto di musica e opera lirica
    CIAO ILARIA,
    la categoria dei Soprani si suddivide in altre che ne definiscono meglio le caratteristiche, ad esempio: il soprano Leggero ha una voce sottile, ma molto agile ed acuta, il Lirico ha una voce più rotonda e morbida, il Lirico-spinto ha una voce più voluminosa ed accenti più drammatici del lirico...Insomma la definizione ci aiuta a distinguere le varie tipologie di soprano.
    A presto!
    Mae

    Stampa

  • 23/04 - roberta
    Mae, ho scelto "Se tu m'ami" di Pergolesi: splendida!! Grazie mille per i suoi consigli, le farò sapere al più presto. Roby
    Leggi la rispostaLeggi la risposta
  • Risposta dell'esperto di musica e opera lirica
    CIAO ROBY,
    vedi che a tutto c'è rimedio! In bocca al lupo!
    Mae

    Stampa

  • 28/04 - Giuseppe
    Ciao Mae sono Giuseppe.
    Mi sto riposando come ti dissi, forse tra un mese potrò riprendere a studiare, ma, una volta ripreso, ho pensato di studiarmi Nemorino per trovare la leggerezza in tutta la gamma centrale, poi la rotondità, oppure Lucia, Butterfly, Boheme, Rigoletto...consigliami tu.
    Ho contattato due maestri al nord, molto bravi specializzati nella tecnica dell'affondo e sicuramente andrò per studiare.
    Mi avevano proposto il coro all'Arena, ma ho pensato di evitare, meglio non rompersi più la voce, ora devo pensare solo a studiare bene.
    Secondo te, se studio con impegno, in 6 mesi potrei incominciare a debuttare, in qualche teatro? Aspetto tue notizie, ti abbraccio e grazie che mi rispondi sempre.
    Un saluto a tutto lo staff.
    Leggi la rispostaLeggi la risposta
  • Risposta dell'esperto di musica e opera lirica
    CIAO GIUSEPPE,
    penso che tu faccia bene a dedicarti ad uno studio serio e professionale che darà certo i suoi frutti, bravo!
    Per quel che ho potuto sentire della tua voce (registrazione un po' vecchia però), il colore è molto particolare e studiare L'Elisir d'amore non può farti che bene (anche se penso che non sarà un'opera per la tua voce, perchè non studi anche la Traviata?).
    Dovrai impostare per bene la prima ottava, come già ti dissi, cosa importantissima per la solida costruzione di un impianto "vocale", poi il colore determinerà il repertorio che certamente i tuoi insegnanti sapranno consigliarti riuscendo ad individuare le tue peculiarità.
    Se ti affiderai a persone valide, entro breve otterrai risultati soddisfacenti e potrai cimentarti in audizioni sicuramente positive.
    Adesso mettici tutto l'impegno necessario perchè se vuoi cantare sul serio, devi impegnarti e gestire bene la tua voce che va allenata, salvaguardata, rispettata e coccolata!
    Fammi sapere come proseguiranno gli studi. A presto.
    Mae

    Stampa

  • 02/05 - BEATRICE
    Gentile Maestro, mi spiegherebbe il significato della definizione di - CONTRALTO PURO- e la sua applicazione nelle opere liriche?
    Puntualizzo che ho 17 anni. Grazie Beatrice
    Leggi la rispostaLeggi la risposta
  • Risposta dell'esperto di musica e opera lirica
    CIAO BEATRICE,
    credo che Contralto puro sia una definizione per indicare il vero Contralto che non si confonda, ad esempio, col contralto d'agilità o rossiniano.
    In verità sono elementi rari già da molto tempo, così molti mezzosoprani si cimentano in ruoli contraltili.
    Nelle opere liriche possiamo trovare esempio di questa tipoligia vocale nella Gioconda (La cieca), nel Falstaff (Quickly), nel Ballo in maschera (Ulrica), in Rigoletto (Maddalena), in Suor Angelica (la zia Principessa) tanto per citare i più conosciuti, ma anche Orfeo (da Orfeo di Gluck), Erda (Sigfrido di Wagner) e altre ancora. A presto.
    Mae

    Stampa

  • 22/05 - SVETLANA
    Gentile maestro, sono russa, vivo in Germania, da tre anni sto prendendo le lezioni private da una professoressa di Conservatorio. Purtroppo ho comminciato i miei studi di canto molto tardi, cioè no posso più fare una "grande carriera". Però vorrei con piacere propormi al pubblico. Non saprei, come lo potrei fare? Vorrei partecipare ai concorsi di canto, però tutti i concorsi hanno limite d'età che purtroppo supero. Magari partecipare ai Master-class? Che mi portebbe consigliare? Ho la voce acuta, soprano di coloratura. Canto "O luce di quest'anima", Regina della Notte "O, zittre nicht", "Caro nome", Olympia "Les oiseaux dans la..." . La mia insegnante dice, che se io fosse più giovane, mi manderebbe a una audizione o concorso. Forse esiste qualque concorso, dove non vi sono limiti di età? Che mi potrebbe consigliare? Grazie . Svetlana
    Leggi la rispostaLeggi la risposta
  • Risposta dell'esperto di musica e opera lirica
    CIAO SVETLANA
    il tuo è un problema frequente e, purtroppo, ci accorgiamo che il livello qualitativo si è abbassato di molto e non si riesce più a trovare un bravo cantante sotto un certo limite. Il tuo è un repertorio molto interessante ma, solitamente, appannaggio di giovani voci (proprio per la maggior facilità nei sovracuti) e per poterti consigliare avrei proprio bisogno che tu mandassi uno o più files audio per poter ascoltare la tua preparazione. Puoi farlo? Attendo con fiducia.
    Mae

    Stampa

  • 15/06 - tiziana
    Grazie!! allora ti farò sapere dopo la visita e cercherò di mandarti dei video recenti in modo da farti avere un'idea ancora più precisa del mio stato attuale!! comunque non ho voluto studiare arie per soprano, mi sto concentrando attualmente su arie come "mon coeur s'ouvre à ta voix", "voce di donna o d'angelo", "acerba voluttà" però mi rendo conto che i gravi mi mancano...certo forse per la respirazione di cui mi hai parlato...spero perchè io mi sento MEZZOSOPRANOOOOO!!!!ehhehehehe al massimo mezzosoprano leggero!!!ehheheheh ok ti lascio con un abbraccio e mi rifarò viva presto!!!speriamo bene!!! =) un bacio Tiziana!!
    Leggi la rispostaLeggi la risposta
  • Risposta dell'esperto di musica e opera lirica
    CIAO TIZIANA
    attenderò con ansia ma sorge spontanea una domanda: sarebbe così terribile cantare da soprano??? Ed anche: la tua insegnante cosa pensa di una voce di soprano che canta arie da mezzo??? Boh! Attendo, attendo....
    Baci, Mae

    Stampa

  • 16/06 - tiziana
    hehehehehe Mae secondo me l'ho messa in difficoltà alla mia insegnante...infatti sta chiedendo addirittura pareri a sue colleghe!!ehhehehe l'altra settimana mi ha detto che in settimana mi avrebbe portato un'aria semplice da soprano per vedere come mi trovo in quella tessitura....vedremo!! Anche se non vedo l'ora di andare dal foniatra!! Io amo il canto sarebbe indifferente essere mezzo o soprano...ma sono affezionata ai ruoli del mezzo...tutto qui!! Comunque Mae sei grande e un giorno giuro che ti farò una sorpresa e verrò a trovarti!!! =)) un bacione!!! Tiziana
    Leggi la rispostaLeggi la risposta
  • Risposta dell'esperto di musica e opera lirica
    CIAO TIZIANA:
    mi sa che un anatema mi verrà scagliato contro da qualche esemplare di...insegnante (hehehehehe...mi adeguo al linguaggio). Siccome sei ancora in tenera età, mi pare impossibile che tu possa essere tanto affezionata ad un repertorio e poi di bella musica se ne trova per tutte le voci, credi a me! Quel che importa è la tua salute vocale e che ci siano progressi e miglioramenti, le posizioni di stallo non mi piacciono punto! Quando vorrai venire a trovarmi, sarà un piacere poterti ascoltare "dal vivo"! Un abbraccio.
    Mae

    Stampa

  • 18/06 - teresa
    Buon giorno carissimo maestro sono Teresa; volevo sapere oltre a ringraziarvi per tutto ciò che mi avete detto e consigliato, che tipo di soprano sono, com'è il colore della mia voce, se notate che qualcosa della tecnica aquisita in cinque anni di studio e impegno è rimasto, oppure devo cominciare da zero, cosa ho perso rimanendo ferma per un anno?Porte che prima sembravano chiuse per me ora grazie a Dio che conosce il mio cuore e i miei desideri si stanno aprendo, prima quando studiavo nessuno mi incoraggiava a preparare dei canti per la chiesa Evangelica perchè non piacieva il canto lirico ma il moderno; ora che non vado più a lezione e che hanno capito che oltre al lirico posso cantare e mi piace anche il moderno, mi stanno dando delle opportunità per adoperare la mia voce, aspettavo da tempo che qualcuno mi incoraggiasse: a volte basta davvero poco per atterrare una persona piena di iniziative buone e di desiderio di essere uno strumento nelle mani di Dio per il prossimo e altrettanto basta davvero poco anche per far rialzare una persona piena di sogni e speranze che si è arresa dinanzi a mille difficoltà e scoraggiamenti. Se la voce non la si tiene allenata non solo con i vocalizzi ma anche attraverso il canto come lei mi ha detto si arrugginisce. Devo cantare presto ad un matrimonio in inglese un canto gospel intitolato On the cross of calvary, mi aiuteranno con il coro, l'unica problematica è che il chitarrista me lo suona in do! Ci arrivo ma a mio parere la voce non rende ed è cupa, io glielo dissi che era meglio per me in fa diesis, stasera ho le prove sperodi riuscire a convincerlo perchè già canto davvero poco dopo tutto lo studio e il mio costante impegno nel curare la voce e allenarla, poi se anche quelle poche volte che canto non sono contenta perchè non riesco a cantare come mi sento capace di rendere è davvero deludente! Il chitarrista dice che se voglio posso cantare in ogni tonalità, dice che non può suonare in fa diesis perchè poi è troppo acuta per i coristi ma io sento che se mi lasciano cantare come la mia voce si sente libera di esprimersi nella tonalità dove canta anche il soprano da cui l'ho sentito su youtube nel coro oslo gospel, che posso fare? Un conto è vocalizzare e un conto è cantare in certe tonalità sia gravi che acute, davvero ho dei limiti e gli altri mi prendono per pesante e paranoica ma solo io so dove la mia voce rende altrimenti sarebbe come metterla a nudo davanti a uno specchio per svergognare i suoi difetti davanti a tutti e causarmi ancora tanto male, con il disprezzamento o le critiche negative sulla mia voce; è così bello cantare dove ci si sente a proprio agio, vale a dire nelle tonalità in cui si sà di riuscire ad esprimersi al meglio chiedo forse tanto o ciò che è un mio diritto? Fatemi sapere altro che riuscite ad individuare nella mia voce, vi manderò al più presto altre registrazioni.Grazie tanto
    Leggi la rispostaLeggi la risposta
  • Risposta dell'esperto di musica e opera lirica
    CIAO TERESA:
    tra Do maggiore e Fa# ci sono altre tonalità per esempio Mi maggiore che potrebbe essere adatta per la tua voce e per il coro, oppure potresti cantare senza il coro!!! Non accettare compromessi devastanti se non lo ritieni fattibile; non è affatto vero che si può cantare in tutte le tonalità, suonare invece si, quando si è capace! Ben vengano tutte le esperienze e le opportunità ma che non servano a metterti in cattiva luce. Della tua voce posso dire che è dolce e gradevole, che la sento bene, per ora, nel repertorio Mozartiano ma che non posso sapere cosa può essere cambiato in un anno di inattività se non so come cantavi prima. Se ti appaga cantare il repertorio leggero, non farti tante paturnie e prosegui, come già ti scrissi, su questa strada e vedrai che, prima o poi, le soddisfazioni arriveranno. Un abbraccio.
    Mae

    Stampa

  • 20/06 - LUCIA
    SALVE MAESTRO, E DA UN PO' CHE NON SCRIVO PERCHE' SONO STATA IMPEGNATA A CERCARE DI CURARE LA MIA FARINGITE, ORA FINALMENTE SONO RIUSCITA A CAPIRNE LA CAUSA, GRAZIE AD UN BUON OTORINO CHE, PUR AVENDOMI ASSICURATO CHE LE CORDE VOCALI SONO A POSTO, MI HA PROIBITO DI CANTARE E DI CONSEGUENZA NON POSSO PRESENTARMI AGLI ESAMI DI AMMISSIONE DEL CONSERVATORIO DELLA MIA CITTA'. UNA BELLA SFORTUNA PROPRIO ADESSO CHE AVEVO DECISO DI STUDIARE IL CANTO LIRICO SUL SERIO E NON CANTARE PIU' COL SOLO AIUTO DEI CD, ANCHE SE NESSUNO DEI MAESTRI DEI CORI PER I QUALI CANTO DA QUASI DUE ANNI SI E' MAI ACCORTO DI NULLA GRAZIE AL FATTO CHE RIESCO A MEMORIZZARE MELODIA E PAROLE DAL PRIMO ASCOLTO. COMUNQUE ORA NON POSSO CERTO FARE DI TESTA MIA SE NON VOGLIO CAUSARMI LESIONI CON LE MIE STESSE MANI, MA NON POSSO NASCONDERE CHE QUESTA SITUAZIONE MI RATTRISTA MOLTO: AVEVO PERSINO SCELTO IL BRANO DA PORTARE; PUR ESSENDO ' LA TRAVIATA ' IL MIO GRANDE AMORE, AVEVO OPTATO PER "UNA VOCE POCO FA " DI ROSSINI, PER NON SEMBRARE TROPPO AMBIZIOSA. LEI COSA NE PENSA DI QUESTA MIA SCELTA, FORSE TROPPO AZZARDATA PER UNA RAGAZZA DI 20 ANNI? SAPREBBE INDICARMI LEI UN BRANO ADATTO ALL'OCCASIONE E ALLA MIA VOCE DATO CHE SONO UN SOPRANO MA LA MIA VOCE NON E' SQUILLANTE TIPO RICCIARELLI, MA LEGGERMENTE PIU' SCURA E A VOLTE QUASI VELATA? DISTINTI SALUTI
    Leggi la rispostaLeggi la risposta
  • Risposta dell'esperto di musica e opera lirica
    CIAO LUCIA:
    peccato! Sarebbe stata una bella cosa poter sostenere l'esame di ammissione ma pazienza, proverai l'anno venturo (sei giovane ed hai tutto il tempo necessario). Non potrei proprio consigliarti senza aver ascoltato la tua qualità vocale ma vorrei precisare che la voce "velata" è sovente indice di voce non ben impostata oppure di qualche patologia (raramente si trovano soprani in carriera con questa caratteristica). Quando sarai guarita e potrai riprendere a cantare, mandami un file audio, magari cantando sul CD, con l'aria che avevi scelto per l'esame, grazie a questo potrò dirti se il repertorio è adatto e se veramente la voce è, a volte, velata. A presto.
    Mae

    Stampa

  • 23/06 - GIORGIO
    Scusa se non mi sono fatto sentire prima sono Giorgio del t.o di Roma vorrei spedirti delle mie registrazioni per farti sentire come canto sono alto 1.90 e peso quasi 100kg in questo periodo sto cantando cercando di dare la massima ampiezza alla mia voce (senza esagerare però) e devo dire che il colore che ne viene fuori oltre che l'impatto vocale non ha paragoni con il precedente, devo solo capire se posso riuscire a cantare un'opera intera in questo modo, un saluto e a presto.
    Leggi la rispostaLeggi la risposta
  • Risposta dell'esperto di musica e opera lirica
    CIAO GIORGIO:
    aspetto con curiosità l'arrivo del tuo file. A presto.
    Mae

    Stampa

  • 29/06 - THOMAS
    Buongiorno, sono molto incuriosito dai tenori del passato e visto che non riesco a trovare molto materiale in merito mi rivolgo a lei. Mi interesserebbe una spiegazione circa le vocalità di Giovanni David e Giovanni Battista Rubini. Da quello che sono riuscito a trovare David doveva avere una tessitura molto più alta (acrobatica) di Rubini, mentre R. seppure toccava note altissime era una via di mezzo tra il contraltino e il tenore romantico. Come mai opere come ad esempio Il Pirata scritte per Rubini con una tessitura più bassa rispetto ad altre opere scritte per David sono particamente incantabili? So che era in uso il falsettone eppure certi tenore come Blake riescono molto bene in ruoli quali Roderigo, Narciso ecc e fanno molta fatica con Gualtiero? Grazie infinitamente!
    Leggi la rispostaLeggi la risposta
  • Risposta dell'esperto di musica e opera lirica
    CIAO THOMAS:
    e benvenuto! La tua è una domanda assai particolare, premetto che un tempo i compositori spesso scrivevano opere per un particolare interprete dacchè ne conoscevano caratteristiche e punti di forza; sono passati secoli da allora e lo studio, il gusto musicale, le sonorità orchestrali, il diapason sono cambiati parecchio. Personalmente ho ascoltato dal vivo R. Blake proprio nel ruolo di Gualtiero...tanti anni fa (sig!) e devo dire che aveva risolto egregiamente seppur con una vocalità assai particolare molto poco in uso nei nostri teatri; come lui il tenore C. Merrit si cimentò in ardui ruoli rossiniani sfoggiando questa vocalità "ibrida" tornata in auge con la Rossini Renaissance ma non particolarmente gradita al pubblico ormai abituato all'odierna vocalità tenorile. Tornando alla questione, oggi non siamo più abituati a sentire voci che duecento anni fa sarebbero state di prim'ordine, così sparisce l'opportunità di ascoltare certi ruoli estremamente svettanti e virtuosistici. Penso comunque che prima o poi ci troveremo di fronte ad un nuovo fenomeno vocale (certamente non Italiano) che sarà in grado, in qualche modo, di riportare alla ribalta titoli come "Ricciardo e Zoraide" e spero anche che si possa presto parlare di tenori che possano ridare lustro ad opere di più recente composizione e che paiono sparite dai cartelloni lirici. Con questo auspicio e lo sprone ai nostri giovani di ricercare la giusta strada per un buon canto, ti saluto caramente.
    Mae

    Stampa

  • 30/06 - HALYNA
    Buon giorno! Sono Halyna Havrylko, cantante lirica, mi sono laureata in quest'anno presso L'Accademia Nazionale a Leopoli, Ucraina. Visto che c'e la possibilita e io vorrei sfruttarla, chiedo la possibilita a inviare qualche registrazioni miei, ne sarei molto grata per sapere l'opinione dell'esperto. Grazie. Cordiali saluti, Halyna Havrylko
    Leggi la rispostaLeggi la risposta
  • Risposta dell'esperto di musica e opera lirica
    CIAO HALYNA:
    via libera! Invia pure i tuoi files audio. A presto.
    Mae

    Stampa

  • 02/07
    Gentilissima Mae, sono Giancarlo il tenore sardo che ti inviò tempo fa alcune domande ed alcuni video. Se ti fa piacere ti invio stavolta un video dove canto Questa o quella dal Rigoletto, che ho cantato poco tempo fa ad Oristano (se vedo che il video qua nel sito non carica allora ti invio il link o basta semplicemente digitare: Rigoletto Questa o quella Giancarlo). Fammi sapere se noti cambiamenti e naturalmente gradisco sempre un tuo utilissimo consiglio. Distinti saluti. Giancarlo Pili
    Leggi la rispostaLeggi la risposta
  • Risposta dell'esperto di musica e opera lirica
    CIAO GIANCARLO.>BR> attendo gradito file.
    Mae

    Stampa

  • 04/07 - SILVIA ANNA
    Gentile Mae, eccomi tornata. Ho finalmente trovato una buona insegnante molto giovane (sulla quarantina) ma credo molto preparata. Con 2 lezioni da lei vedo progressi che con il mio precedente maestro (pur credendo di trovarmi bene) non ho fatto in 1 anno. Sono un mezzosoprano e a settembre vorrei fare l'esame di ammissione al conservatorio. Il mio quesito è il seguente: non ho MAI studiato un'aria. Ascolto tanta musica e da autodidatta mi sono preparata "Stride la vampa" perchè l'adoro. Quindi credo che all'esame presenterò questa, "mon coeur s'ouvre a ta voix" e "che farò senza euridice" (per il 700). Il mio problema è che non ho idea di cosa potrei prepararmi come Aria da oratorio e da camera. lei cosa mi consiglia? Ho una voce scura e potente. Amo le opere dall'800 in poi quindi navigo in alto mare. Chiederò la settimana prossima alla mia insegnante ma mi piacerebbe avere anche un suo parere. Grazie mille Silvia
    Leggi la rispostaLeggi la risposta
  • Risposta dell'esperto di musica e opera lirica
    CIAO SILVIA e bentornata.
    finalmente un'amica soddisfatta dell'insegnante! Non so da quale parte di Italia mi scrivi, ma per l'esame di ammissione mi pare un programma fin troppo vasto...basterebbe un'aria antica perchè, in teoria, dovresti imparare a cantare in quella sede e dunque non possono richiedere cose così complesse ad un esamme di ammissione. Ma questo non è importante, quel che conta è che qualunque brano tu canti, sia ben eseguito poichè credo che sia meglio una cosa semplice fatta bene che una difficile malfatta. Se ti interessano le arie da camera dell'800, puoi tovare arie gradevoli nel repertorio da camera Belliniano (tipo Vaga luna, Dolente immagine di Fille mia, Il fervido desiderio ecc.) che trovi nella pubblicazione "15 composizioni da camera" per canto e pianoforte (di Bellini, naturalmente) poi ve ne sono anche di Donizetti e Verdi. Per l'oratorio bisognerà ricorrere ai grandi Bach, Handel, Haydn, o anche Mendelssohn (l'amato '800!). Buon lavoro e facci sapere l'esito dell'esame. In bocca al lupo!!!
    Mae

    Stampa

  • 18/07 - MARGHERITA
    Buongiorno Mae! La ringrazio per la celere risposta e per quello che leggo. Per il momento non ho nulla di operistico registrato, ma provvederò al più presto. A Novembre inizio l'ultimo anno di conservatorio. Per fortuna sono potuta andare velocemente perchè ho sutdiato pianoforte e solfeggio privatamente e continuo a farlo tuttora. Di repertorio sto facendo di tutto perchè la mia prof è convinta che io sia un lirico leggero e io , il mondo e il foniatra siamo convinti che io sia un lirico. Comunque ho studiato "Convien Partir" da La figlia del reggimento, "Smanie implacabili" da Così fan tutte, "Son pochi i fior" da L'amico Fritz, "O fatidica foresta" da Giovanna D'arco, "Tu che di gel sei cinta" da Turandot, "Si mi chiamano Mimì" da Boheme, "O Nume Tutelar" da La Vestale, "Selva Opaca" da Guglielmo Tell. Ho fatto anche cose da lirico leggero come Adina, Eugenia dal Filosofo di Campagna, Susanna, ecc... Adesso mi ha dato da studiare Suor Angelica, Otello di Rossini, Capulleti e Montecchi, Liù, Signor Bruschino... insomma un bel mix. Però penso che mi piacerebbe anche poter fare non solo opera. Mi piacerebbe potermi specializzare in altro tra musica da camera, liederistica o musica barocca, però non so su cosa puntare. Grazie mille Margherita PS: In realtà ho una registrazione di "Convien Partir" e "O fatidica foresta" ma non stavo al top. Gliele mando lo stesso? Sono in formato audio
    Leggi la rispostaLeggi la risposta
  • Risposta dell'esperto di musica e opera lirica
    CIAO MARGHERITA:
    guardare i vostri video è una cosa molto interessante proprio perchè così posso farmi un'idea della vostra preparazione. Tu hai molte frecce al tuo arco ed è cosa buonissima e rara; gli studi musicali hanno fatto in modo che potessi approcciare senza difficoltà ai vari generi musicali e questo credo sia un pò merito anche dei tuoi insegnanti (in che cosnservatorio studi e qual'è la tua insegnante?). Questo sarà un anno importante e faticoso che ti consentirà poi di scegliere la strada più adatta; potrai certamente optare per più generi anche se, data la tua vocalità, consiglierei di non scegliere la musica barocca; dalle arie che elenchi, credo ci sia qualche indecisione da parte della tua insegnante che, se sostiene che tu sia un lirico-leggero, ti sta facendo studiare cose che non appartengono assolutamente a quel repertorio (Suor Angelica, Mimì, Vestale, Matilde....) così forse starà sondando il terreno (ribadisco che sei ancora giovane) anche se ci andrei piano con Puccini ed il verismo in genere. Mi farebbe molto piacere ricevere altri files, anche solo audio, in cui poter sentire come risolvi la questione "acuti" dunque attendo con impazienza. Grazie della tua disponibilità.
    Mae

    Stampa

  • 20/07 - Maria Cristina
    cara mae non so come ringraziarti!Mi hai risposto così presto e in modo così esauriente! A volte mi domando come riesci a fare stare così tante anime turbate nel tuo cuore!Ti ringrazio con tutta me stessa. Ora che non ho più un insegnante sei ancora più importante. Ti abbraccio e appena i miei figli mi permettono di avere un po' di tempo per me ti faccio sapere come mi trovo con questo repertorio. Ancora grazie!
    Leggi la rispostaLeggi la risposta
  • Risposta dell'esperto di musica e opera lirica
    CIAO MARIA CRISTINA:
    grazie per le belle parole; appena avrai sperimentato, fammi sapere. A presto!
    Mae

    Stampa

  • 27/07 - Clè
    Ciao Mae, Le scrivo perchè vorrei avere alcuni suoi consigli in merito alla mia vocalità ed al tipo di repertorio che sto studiando...ho 21 anni e la mia maestra ritiene che io sia un soprano lirico di coloritura (o coloratura) anche se io credo che non sia questo il mio timbro di voce...Le spiego, ho studiato "Regnava nel silenzio" e "Il dolce suono...ardon gli incensi" della Lucia di Lammermoor, "Ombra Leggera" Dinorah, "Ah!Je veux vivre" di Roméo et Juliette, "Caro Nome" Rigoletto, (e altre) e da un pò di tempo ho notato che la mia voce sta cambiando...un maestro di canto che mi ha ascoltata ha detto che sono un soprano lirico puro, ma la mia maestra è un pò restìa a farmi affrontare arie come "Sempre libera" Traviata, "Ebben?Ne andrò lontana" de "La Wally" e altre arie che mi sento di poter fare tranquillamente...anche perchè "Ardon gli incensi", "Regnava nel silenzio" sono arie nelle quali mi trovo molto ma molto bene, quindi non sarebbe un trauma se affrontassi le altre sopra indicate e ulteriori...non so, forse la mia maestra vuole aspettare un pò prima di farmi studiare dell'altro, perchè noto che quando faccio i sovracuti, oppure anche i piani sui sovracuti, lei mi dice sempre che questi suoni sono caratteristiche della mia voce che io non dovrò mai perdere affrontando un repertorio che (per il momento ma anche in futuro) non è adatto alla mia vocalità. Però, guardi, a volte mi sembra che io venga 'frenata', perchè davvero mi sento di avere 'dentro' ancora tanta voce e tanta potenza...Lei cosa pensa al riguardo? Grazie mille per la risposta!
    Leggi la rispostaLeggi la risposta
  • Risposta dell'esperto di musica e opera lirica
    CIAO CLE':
    niente di più normale che possano esserci punti di vista diversi sulla tua voce, sei giovane ed è bene dar tempo al tempo; non sono giudizi opposti, semplicemente la tua insegnante ti sta dirigendo verso un repertorio che alla voce non può che far bene (Belcanto); purtroppo non conosco la tua "voce" ma, conoscendo la tua età consiglio di non studiare arie quali "Ebben? N'andrò lontana" che sappiamo tutti essere assai pesante e va quindi affrontata quando si possiede una ineccepibile tecnica (è un'aria che istiga a cantare di fibra); per ultimo vorrei anche dire che vi sono molti soprani lirici ma che sono invece pochi i soprani di coloratura in grado di cantare i sovracuti con disinvoltura così quelle brave trovano presto da lavorare; il tempo farà poi maturare la voce che in futuro (se si ha una buona tecnica) potrà svilupparsi fino a poter affrontare ruoli più lirici (c'è tempo per ogni cosa, ma se possiedi i sovracuti, esibiscili!). Dunque senza averti ascoltato, direi di continuare sulla strada che stai percorrendo (a volte si incontrano persone che, pur di accaparrarsi nuovi allievi, li lusingano prospettando miracoli che solo loro potranno compiere). Le opzioni sono diverse: una visita foniatrica, fiducia nel proprio insegnante.....un file audio a Mae (tanto per sentire un'altra campana), a te la scelta. A presto.
    Mae

    Stampa

  • 29/07 - CLELIA
    Grazie Mae per avermi risposto! Ho ricevuto un utile consiglio che mi ha molto rasserenata! Non che non abbia fiducia della mia maestra di canto ( figuriamoci è direttore artistico di 3 concorsi internazionali, ha cantato in lungo e largo in teatri e non,e quindi ha tantissimi anni di carriera alle spalle...sa il fatto suo...), però è bene ascoltare piu' pareri di persone esperte =) Sono giovane, ho questa enorme passione per la lirica e questo gran dono che è la mia voce e desidero tantissimo arrivare ad alti livelli...però qualche volta quando sorgono dei dubbi è meglio chiedere all'esperto! ;-) Quanto prima le invierò un file così Lei potrà darmi un parere molto piu' preciso ascoltando la mia voce. A presto Clelia
    Leggi la rispostaLeggi la risposta
  • Risposta dell'esperto di musica e opera lirica
    CIAO CLE':
    so per certo che sei in buone mani....approfittane! Aspetto nuove comunicazioni. A presto!
    Mae

    Stampa

  • 31/07 - CHICCA
    Salve!!! ho una piccola curiosità,studio canto lirico da poco e sono stata classificata come soprano leggero per ora...hanno detto che è presto per poterlo definire però il mio timbro di voce può mutare al massimo da diventare lirico!!! la mia domanda è: in quali grandi opere si trova un soprano leggero? A me piacciono molto i ruoli di Gilda e Violetta nelle opere di Verdi. un'altra curiosità: l'opera che amo di più, che sento più mia, è la Carmen; la mia insegnante quando l'abbiamo fatta per la prima volta (ho insistito molto per provarla) ha detto che sembrava fosse scritta per me...può un soprano interpretare ruoli da mezzosoprano? Nel caso mio un soprano leggero il ruolo di Carmen? Ringrazio anticipatamente :D
    Leggi la rispostaLeggi la risposta
  • Risposta dell'esperto di musica e opera lirica
    CIAO CHICCA:
    questo quesito potrebbe scatenare molte polemiche dacchè sembra che, al giorno d'oggi, pochi riescono o vogliono capire la differenza che passa tra una voce di soprano ed una di mezzosoprano. Intendo che diversi sono i casi in cui voci....poco mezzosopranili hanno interpretato ruoli scritti per questa voce ma se vogliamo parlare con consapevolezza, nessun soprano leggero dovrebbe mai interpretare il ruolo di Carmen o Dalila o altri poichè ci sono precise ragioni per cui gli autori hanno fatto queste distinzioni; nel caso specifico (Carmen) troviamo diversi ruoli femminili (Micaela, Frasquita, Mercedes) per cui è importante che i timbri si differenzino proprio per poter caratterizzare al meglio i personaggi. Qualcuno obietterà che anche la grande Callas incise Carmen ma: c'è qualcosa che la grande Diva non cantò? Oppure qualcuno può portare esempi di soprani "corposi" che, dopo lunga carriera, sono approdati a ruoli di mezzosoprano (Bumbry, Verret, la stessa Dimitrova che si produsse, nella stessa stagione Scaligera, nel ruolo di Aida, alternandosi con Maria Chiara, ed in quello di Amneris)ed è vero tuttavia il consiglio (anche se non conosco la tua età) è di seguire lo sviluppo armonico della tua voce senza pretendere di cantare ciò che più ti piace ma imparando a conoscere e distinguere i vari ruoli e ad amare quelli adatti alla tua Natura. Quando e se diventerai una Cantante, passerà parecchio tempo prima che tu possa scegliere di cantare ruoli che ti piacciono....il più delle volte dovrai accettare, e di buon grado, anche cose che mai avresti pensato di dover interpretare. Vi sono molte opere in cui protagonista è la voce del soprano leggero, prima fra tutte Lucia di Lammermoor ma anche La Sonnambula, Rigoletto (la tua amata Gilda), La figlia del reggimento, Don Giovanni (Zerlina), Don Pasquale (Norina), I Capuleti e i Montecchi (Giulietta) e tante opere rossiniane, I Racconti di Hoffmann (Olimpia), Lakmè a volte anche La Traviata e il barbiere di Siviglia (versione per soprano) e molte opere del repertorio francese insomma una infinità di ruoli che imparerai a conoscere e ad amare....quando avrai una buona tecnica, sarà un piacere poterti produrre in volatine, vaiazioni, scale, arpeggi, picchettati, sovracuti e luminosi filati....fidati: sarà bellissimo!!! A presto.
    Mae

    Stampa

  • 18/08
    Ciao carissima Mae, è tantissimo tempo che non scrivo. E' un anno che studio in conservatorio con un'ottima insegnante, ho 18 anni. Essendo cresciuta pianista sono ossessionata dallo studio metodico :-D e mangio le opere da mattina a sera :-D. ho vinto qualche concorso, dovrei interpretare tra qualche mese Susanna ne "Le nozze di Figaro" e il ruolo da protagonista in un'opera inedita di un'autrice russa. Da poco ho fatto la mia prima visita foniatrica (per fortuna ho delle corde sane) e il dottore mi ha classificata come soprano lirico puro. La mia voce ha circa tre ottave di estensione, è calda e rotonda ed ha facilità nel legato, caratteristiche appunto del lirico puro, ma allo stesso tempo molto agile, infatti trovo comodissime le colorature di autori diversi (Haendel, Scarlatti, Rossini etc.) So inoltre che avendo solo 18 anni la mia voce subirà dei cambiamenti col passar del tempo. La domanda è: qual è il repertorio che si addice alla mia vocalità? la mia insegnante dice sempre che bisogna cantare quello che ci sta bene e non quello che è racchiuso nella definizione della vocalità: giustissimo, ma posto questo.....un consigliuccio??? :-D Un abbraccione, Francesca.
    Leggi la rispostaLeggi la risposta
  • Risposta dell'esperto di musica e opera lirica
    CIAO FRANCESCA:
    innanzitutto complimenti vivissimi per gli ottimi risultati conseguiti in sì breve tempo: brava! Credo che molto sia dovuto anche allo studio del pianoforte che, generalmente, attribuisce maggior perizia nello studio musicale anche di difficili partiture. Sei molto giovane dunque la voce è ancora in via di formazione; è normale che tu riesca bene nelle agilità perchè l'apparato fonatorio è ancora molto duttile quindi approfitta per apprendere una buona tecnica che ti consentirà di affrontare il repertorio belcantistico (che insegna a cantare senza stressare troppo le corde) dunque alla tua giovane età ben si addice l'aria di Norina (Don Pasquale)"So anch'io la virtù magica" che prevede un cantabile ed una successiva brillante cabaletta; bene Mozart, bene anche "Oh, quante volte o quante" dai Capuletti e i Montecchi di Bellini, l'aria dei gioielli dal Faust di Gounod, la Manon di Massenet... poi, più avanti, potrai affrontare le arie dell'Anna Bolena, della Lucrezia Borgia (Donizetti) ecc. a seconda dell'evoluzione vocale. (che cosa hai studiato fino ad ora?). A presto!
    Mae

    Stampa

  • 04/09 - tiziana
    Ciao Mae!!! Come stai??? Ho finalmente news!!! ho fatto la fatidica visita dal foniatra!! Mi ha detto che il mio vecchio foniatra non ha capito molto bene il problema che avevo alle corde: è un minuscolo edema su una corda uscito fuori in fase di studio anni fa nei suoni centrali e si è riassorbito ma non del tutto...Il medico sostiene di avere tanti pazienti in carriera con lo stesso edema, che non si riassorbirà mai...ma che causa a volte aria nel suono ed in particolare per quanto riguarda me nei suoni centrali...ma non è un problema perchè respirando bene non si sente nemmeno l'aria... dice che respiro bene!!!!Evvivaaa!!!!infatti pensa che la logopedia mi abbia aiutata tantissimo sia per la respirazione sia perchè trova l'edema ancora più sgonfio!! Veniamo al dunque!!! Sono un mezzosoprano acuto! Ho le corde sopranili ma molto spesse e la laringe non larga come dovrebbe avere un soprano drammatico quindi non sono d'agilità e sono un mezzo....con molta facilità sugli acuti e dice sia normale, per le corde che ho, che io abbia i gravi poco scuri. Mi ha fatto cantare e mi ha spiegato vari esercizi. Mi ha anche dato un repertorio...ma non mi convince tanto...il mezzo acuto che repertorio ha? Aspetto le tue considerazioni!!!! un bacione e a presto!!!!
    Leggi la rispostaLeggi la risposta
  • Risposta dell'esperto di musica e opera lirica
    CIAO TIZIANA: vedi che i foniatri non sono tutti uguali! Bravissima, così hai potuto appurare di persona l'origine del problema che non è poi un problema, a quanto pare (ho avuto anch'io un allievo con un edema ma che si è poi riassorbito proprio curando la respirazione e la giusta emissione del suono e...lasciando la vecchia tecnica). La definizione della tua tipologia vocale non mi è molto chiara....mah! Dunque un mezzosoprano acuto ma non di agilità, potrebbe essere quello che canta i ruoli di Eboli (Don Carlo), oppure la Principessa (A. Lecouvreur), Laura (La Gioconda) o anche Leonora (La Favorita) e Santuzza (Cavalleria), anche autori francesi.... dipende tutto dal colore che certo non si può descrivere ma bisogna proprio sentire. Adesso devi togliermi una curiosità: qual'è il repertorio consigliato dal foniatra? Tieni sempre presente il fattore "età". Se vi sono discordanze, puoi sempre inviare un file audio o, meglio ancora, venirci a trovare il 26 settembre a Parma. A presto. Mae

    Stampa

  • 07/09 - Francesca
    Ciao Mae, come stai? spero tutto bene... la scorsa volta ti ho fatto la lista di tutto quello che ho studiato. Allora, nel giugno che verrà dovrò fare l'esame di conferma. La mia insegnante vorrebbe che portassi qualcosa che lasci "sbalordita" la commissione, quindi ne stiamo cercando una. In base a quanto abbiamo detto l'altra volta, cosa mi consigli di portare? Noi avevamo già pensato a un'aria di Haendel per quello che riguarda l'aria antica...ma l'altra dev'essere da Mozart in poi... cosa mi dici? nel frattempo un grande abbraccio! Chicca
    Leggi la rispostaLeggi la risposta
  • Risposta dell'esperto di musica e opera lirica
    CIAO CHICCA:
    qui tutto OK. Vedo che stiamo già programmando, bene! Dunque direi, dato che avrai già studiato a fondo il ruolo, perchè non optare per "Deh vieni non tardar" adattissaima alla tua voce morbida? Oppure esistono arie più agili e sbalorditive tipo Come scoglio (da Così fan tutte) sempre del repertorio Mozartiano che già conosci; se invece guardiamo più avanti, possiamo pensare a Bellini (es: O quante volte o quante da I Capuleti e i Montecchi) che necessita di ottimo fraseggio ed espressività, oppure che ne pensi de "La cambiale di matrimonio" di Rossini ossia l'ara "Vorrei spiegarvi il giubilo" e siamo già arrivati ad autori ed esposzioni più complesse. Perchè non mi mandi un file ove poterti ascoltare? Oppure puoi venire a trovarci a Parma così potremo parlare diffusamente della tua situazione. A presto.
    Mae

    Stampa

  • 10/09 - STEFANO
    Ciao Mae Mi chiamo Stefano Madeddu ho 38 anni. La mia passione pe la lirica è purtroppo tarda. Ho cantato sin gia da bambini nei vari cori parrocchiali e a scuola. Purtroppo, nonostante forse qualche dote l'avessi nessuno mi ha indirizzato verso studi musicali. Se capisco che l'invito non potesse nascere (per questioni culturali) dall'interno della mia famiglia, faccio tuttora fatica a spiegarmi perchè quasta spinta non sia arrivata almeno dai vari insegnanti di musica alle medie eccetera. Ma tant'è... Ho iniziato a studiare canto 6 anni fa con una pausa di un anno in mezzo e ora sono due anni che studio con un nuovo maestro. Di mestiere faccio (che parolone) L'ingegnere informatico. Comunque pensavo di partecipare ad ottobre al concorso "PRINCIPESSA TRIVULZIO DI BELGIOIOSO" (che ho trovato qui sul vostro sito), ma così tanto per mettersi un pò in gioco. Una delle cose che faccio difficoltà a capire è quale può essere il repertorio più adatto alle mie caratteristiche (sono baritono). Posso mandarvi una registrazione per avere anche un tuo consiglio? E' meglio solo audio o anche video? E in ultimo: secondo te sono troppo "vecchio" per iniziare a fare qualche cosa seriamente. Grazie Stefano
    Leggi la rispostaLeggi la risposta
  • Risposta dell'esperto di musica e opera lirica
    CIAO STEFANO:
    certo che puoi mandare una file, meglio audio-video che, se troppo pesante, puoi caricare su youtube e mandarcene il....recapito (meglio se inserisci il tuo nome o il titolo del brano che canti perchè con le sigle in lettere e numeri non trovo mai niente!). Per quel che riguarda il "seriamente" occorre sapere a che punto sei con lo studio perchè se sei bravo, o in 2 anni riesci a diventare un bravo cantante, non è troppo tardi, specie per un baritono. Attendo il file.
    Mae

    Stampa

  • 11/09 - MANUELA
    Grazie Mae, appena mi sarà possibile le/ti invierò qualche mia registrazione, ovviamente prima dell'imminente concorso per ricevere qualche altro saggio consiglio e qualche critica, che non fa mai male. Quanto al talento naturale...avrei qualcosa da ridire. Spero che la mia insegnante non voglia portarmi al concorso come carne da macello solo per farmi affrontare le mie paure anche perchè credo che otterrebbe l'effetto contrario. Quindi per me la Nannetta è prematura? PS: manderò al più presto qualche file. Grazie Manuela
    Leggi la rispostaLeggi la risposta
  • Risposta dell'esperto di musica e opera lirica
    CIAO MANUELA:
    per una risposta su Nannetta, mi riservo di ascoltare il file (o, se vuoi, puoi venirci a trovare a Parma il 26). A presto!
    Mae

    Stampa

  • 17/09 - Raffaele
    Caro Maestro, mi presento, mi chiamo Raffaele ho 21 anni e da circa un annetto studio lirica. Le scrivo perchè da quando ho iniziato a studiare mi frullano in testa molte domande e vorrei una risposta da una persona esperta e con un'ampia conoscenza di cantanti. Da quando ho iniziato a studiare sia la mia insegnante sia altre persone che mi hanno sentito hanno problemi a classificare la mia voce, c'è chi dice che sono un ibrido tra baritono e tenore e c'è chi dice che sono assolutamente un tenore, molto probabilmente drammatico per il peso della mia voce e considerando anche il passaggio tra il fa e il fa#. E qui siamo alla prima domanda: a giugno 2010 voglio provare a dare da privatista l'esame del terzo anno di canto (l'esame di teoria e solfeggio l'ho già sostenuto)e non so veramente in che repertorio operistico cimentarmi, inquanto non ho nessun problema a livello di tessitura sulle arie antiche, ma la mia insegnante non sa che cosa farmi studiare a livello operistico. Io in cuor mio sono quasi sicuro al 100 per 100 di essere un tenore, perciò vorrei sostenere l'esame come tale. Quindi la mia prima domanda è appunto un consiglio sul repertorio. Mi rendo conto che la maggior parte delle volte i suoni sopra il sol/sol# per quanto escano sono striduli, sforzati: la mia insegnante dice che è normale perchè solo all'inizio dello studio, ma ci sono volte che proprio i suoni che escono sono brutti a sentirsi e infatti in questi casi non riesco ad andare mai sopra il la, altre volte il mio fisico,la gola e la bocca assumono inconsciamente una posizione "giusta" e riesco ad arrivare fino al do/do# acuto anche se così in alto sono di nuovo un po' tirati.Che esercizi devo fare per riuscire ad avere una morbidezza tale da riuscire ad emettere note pulite? Direi che per ora possa bastare, anche se avrei ancora 50 mila domande da porle. Un saluto, Raffaele
    Leggi la rispostaLeggi la risposta
  • Risposta dell'esperto di musica e opera lirica
    CIAO RAFFAELE:
    dalla descrizione che fai della tua voce, mi pare che tu stia correndo un pò...non so se un solo anno di studio possa bastare a preparare un esame di compimento inferiore, tuttavia se la tua insegnante lo ritiene fattibile è certamente più attendibile di me che non ti ho mai sentito cantare. In merito alla tecnica direi che il passaggio tra Fa e Fa# è un pò alto per un tenore drammatico...ma rimane sempre il fatto che non conosco la tua voce (che ne diresti di inviare un file audio?). Il repertorio in effetti non è semplice da scegliere, avendo problemi in acuto, potresti provare l'aria "Torni d'amor la face" dal melodramma eroico Tancredi di G. Rossini scritta per il tenore (Roggiero) che prese il posto della contralto en travesti e la cui tessitura si esende da Re3 a Mi4 e quindi non creerebbe problemi. Altra aria rossiniana senza grandi acuti è "Lungi dal figlio amato" dal Dramma serio Demetrio e Polibio. Di G. Donizetti ci sarebbero le arie del Poliuto la prima più semplice la seconda "Fu macchiato l'onor mio" più complessa e lunga. Poi ci sono arie semplici ma non molto adatte ad un tenore drammatico tipo le arie di Bastiano (Bastiano e Bastiana di W. A. Mozart) o anche arie come "Deh, tu mi assisti amore" dal Signor Bruschino di G. Rossini o anche la famosissima "Una furtiva lagrima" dall'Elisir d'amore donizettiano e molte altre ancora. Prova a leggere una di queste e vedi come ti sta. Non preoccuparti per gli acuti ancora striduli, è normale all'inizio poichè il diaframma non funziona ancora come dovrebbe così il fiato non riesce a sostenere la voce; bisogna vocalizzare (arpeggi legati) usando bene fiato e diaframma cercando come risultato non la potenza ma la morbidezza. Non aver fretta, per educare una voce, specie se importante, ci vuole il suo tempo. (se queste indicazioni non bastano, puoi venire a trovarci a Parma il 26 settembre p. v.) Attendo le restanti 50 mila domande. In bocca al lupo e fammi sapere.
    Mae

    Stampa

  • 23/09 - REBECCA
    Salve Mae, volevo ringraziarla per la risposta e dirle che di solito non registro le arie che canto, ma non appena avrò l'occasione farò una registrazione e gliela invierò! Rebecca
    Leggi la rispostaLeggi la risposta
  • Risposta dell'esperto di musica e opera lirica
    Grazie, Rebecca!
    Attenderò con pazienza.
    Mae

    Stampa

  • 27/09 - ANDREA
    Salve mi chiamo Andrea ho 22 anni, volevo sapere come posso fare a capire che timbro di voce ho, visto che mi piace la lirica e quando sono a casa mi diletto a cantare. Grazie
    Leggi la rispostaLeggi la risposta
  • Risposta dell'esperto di musica e opera lirica
    CIAO ANDREA:
    giudicae una voce è compito da "personale specializzato" ossia da addetto ai lavori, per meglio dire, occorre un insegnante di canto possibilmente bravo. Che ne diresti di inviare un file audio tanto per cominciare senza nulla spendere? Puoi usare una base musicale e cantarvi sopra una cosa che conosci oppure potresti cantare sopra un disco, se riesci a farlo (in modo che si riesca a sentire la voce in primo piano e non coperta dal disco) puoi inviarlo al più presto.
    Attendo.
    Mae

    Stampa


Vai alle domande:
|Precedente| |1 - 30| |31 - 60| |61 - 90| |91 - 120| |121 - 150| |151 - 180| |181 - 183| |Successiva|


INDICE

"Il vero talento dell'artista si rivela nella sua possibilitÓ di scoprire e imparare a capire i suoi difetti e soprattutto nel suo coraggio di ammettere la loro esistenza"
ENRICO CARUSO

Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/8/16 17:01
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok